Pedalando il Brunei: dal Sabah a Miri (Sarawak), cicloturismo in Borneo 5

Pedalando il Brunei: dal Sabah a Miri (Sarawak), cicloturismo in Borneo

Ultimo aggiornamento:
cicloturismo Brunei piattaforme
skyline del Brunei

Un viaggio in bici attraverso il piccolo Sultanato del Brunei.

Un pezzo di Borneo che ci sorprende con la sua natura ancora selvaggia, petrolio a parte.

Questo articolo fa parte della nostra serie “DIY Adventure Travel in Borneo“, qui la dettagliata descrizione della terza parte del nostro itinerario in bicicletta.

Attraversando il Sultanato del Brunei e il confine fra i due Stati Malesi del Sabah e del Sarawak, 318km da Beaufort a Miri. I Links alle altre parti del nostro viaggio sono in fondo a questa pagina, insieme alla mappa con profilo altimetrico e alla street level photo map.

Qui invece qualche consiglio per viaggiare on a budget in Borneo (in bicicletta e non)


Qualche fatto sul Brunei

Il Brunei è uno degli unici due Sultanati rimasti al mondo, l’altro è l’Oman, ha il 4 ° PIL pro capite nel mondo (fonte della Banca Mondiale, 2015) e il Sultano è il 4° Re (Forbes) più ricco, la differenza di ricchezza rispetto alla vicina Malesia è sorprendente.

Il Brunei è diviso in due parti, non collegate tra loro, entrambe circondate dal Sarawak, le chiameremo “piccolo Brunei” (27 km) e “grande Brunei”.

Le Indicazioni dei chilometri in questo articolo sono intese da Beaufort.

Da Beaufort a Lawas

Disclosure: Some of our articles contain affiliate links. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running. (as Amazon Associates we earn commission from qualifying purchases)
una longboat sul fiume Lawas, Sarawak, Borneo
Una longboat sul fiume Lawas, Sarawak, Borneo

Dalla città trascurabile di Beaufort la strada è piatta, infatti qui appaiono, a sinistra e a destra, infinite piantagioni di palme da olio. C’è un breve tratto in cui la situazione migliora un po’, accanto alla Klias Forest Reserve, il paesaggio ci ricorda le Filippine, le verdi risaie e le maestose montagne all’orizzonte.

Dopo 44 km attraversiamo Sipitang, un villaggio costiero con mare marrone, forse a causa dei monsoni o forse per le raffinerie vicine, c’è una passerella con molti ristoranti, buon posto per la pausa pranzo.

Attraversiamo il confine tra Sabah e Sarawak, timbrano i passaporti come se stessimo attraversando il confine di due diversi paesi. Sarawak e Sabah sono le due regioni che compongono la parte malese del Borneo.

Campeggio fra le palme da olio

campeggio libero in una piantagione di palme da olio
Campeggio libero in una piantagione di palme da olio

In breve, le palme da olio ricominciano, piantiamo la tenda in una piantagione, andiamo a cercare qualcuno a cui chiedere il permesso, ma non vediamo nessuno in giro se non i topi.

Vicino alla tenda c’è una misteriosa fonte d’acqua. La deforestazione per fare spazio alle palme ha distrutto fiumi e torrenti, ma questa strana fonte è qui, forma uno stagno di due metri quadrati con un sacco di pesci, sembra abbastanza profondo e l’acqua è limpida, buona per sbarazzarsi del sudore. Dormiamo abbastanza bene, é un’altra notte piovosa. 65 km oggi, ce la prendiamo comoda.

Al mattino valichiamo una piccola collina da dove è possibile vedere l’immensità delle piantagioni, fino all’orizzonte. Ma almeno c’è qualcosa di bello da vedere in questa zona, le tradizionali case a palafitta, belle e colorate, per la maggior parte in legno, con giardini curati e aiuole fiorite.

Al km95 c’è la piccola città fluviale di Lawas, che ha un sacco di alloggi, alcuni interessanti villaggi su palafitte fuori città e un collegamento in barca con l’isola esentasse di Labuan.

Da Lawas a Limbang: attraverso il Piccolo Brunei

cicloturismo Brunei Borneo
La strada vicino Lawas

A circa 120 km da Beaufort c’è il primo confine del Brunei. Entrando nel Piccolo Brunei, nemmeno una bandiera o un “benvenuto in Brunei” ci saluta, quindi nessuna foto ricordo qui. Questa parte del Brunei è facile da attraversare in meno di due ore, a soli 27 km da confine a confine.

Ci sono pochissime case e la foresta è quasi sulla strada, qui hanno così tanto petrolio che forse non hanno bisogno di piantare palme da olio, il loro tipo di olio è molto più prezioso. Quindi l’atmosfera è molto diversa dalla Malesia, molto più selvaggia.

Vediamo alcune grosse scimmie grigie sugli alberi (macachi), insetti rumorosissimi mai sentiti prima riempiono l’aria, o forse sono uccelli. Uno sembra come un cane e un altro un fuoco d’artificio che sta per esplodere ma non esplode mai.

Ci piace questa parte del Brunei. L’unica città qui è Bangar, vicino al confine con la Malesia, molto bella e ordinata, ci sono alcune piccole ma graziose moschee.

Senza nemmeno accorgercene siamo tornati in Malesia. La strada per Limbang, la prossima città, è densamente popolata, di nuovo bellissime case a schiera, non ci sono molti posti per la tenda, a 15 km dal confine arriviamo alla città di Limbang per trovare un hotel economico.

Limbang non è poi così male, ha una bella riva del fiume, da dove guardare la scialuppa che passa, dall’altra parte del fiume sono rudimentali spighe che circondano le mie mangrovie.

Attraverso il Grande Brunei, fino a Miri

una tipica casa Malay
Una tipica casa Malay

A 43 chilometri di distanza da Limbang, siamo nel Brunei “Grande”, dove vive il Sultano e dove si trova la capitale. Questo è circa 60 km da una parte all’altra.
Molto importante: non ci sono cambi di denaro o sportelli automatici fino a Tutong! Cambia i soldi a Limbang!

Mangiamo in un ristorante cinese appena prima del confine. Superato il checkpoint (30 giorni senza visto per la maggior parte delle nazionalità) notiamo subito la differenza di ricchezza: le case sono grandi e lussuose, davanti a ogni villa sono parcheggiate almeno 4 o 5 auto; le auto sono molto economiche qui, senza tasse.

Questa parte del Brunei è più urbanizzata, i primi 45 km hanno alcune colline insignificanti, un supermercato e non molto altro, non abbiamo soldi né acqua, per fortuna un ragazzo indiano ci compra da bere.

La via dell’olio

Seria, Brunei
lo “skyline” di Seria, Brunei

Arriviamo a Tutong, la piccola città dove possiamo finalmente ritirare qualche soldo. Abbiamo in programma di dormire su una piattaforma lungo il lungofiume, ma il cartello “coccodrilli pericolo” ci fa cambiare idea.

Chiediamo all’hotel in città, ce n’è uno solo, circa 60 USD a notte! Saliamo su una piccola collina sopra un campo da calcio e montiamo la tenda, dove ci rifugiamo velocemente, è pieno di zanzare. Campeggio urbano.

Il mattino dopo facciamo colazione in una panetteria nel centro della città e ripartiamo, da qui la strada non è molto bella, una strada trafficata fino a Seria, dove si trovano la maggior parte delle raffinerie.

Seria è una città piena di emigrati che lavorano per compagnie petrolifere, non è un bel posto ma un aspetto del Brunei che è interessante da vedere.

Ovunque ci sono camini infuocati, alcune piccole strade portano al mare, l’acqua è verde / marrone e molte piattaforme di estrazione sono allineate all’orizzonte.

L’unica cosa piacevole è il ristorante dove pranziamo, più costoso rispetto alla Malesia, ma veramente delizioso, cozze impanate fritte per me e una zuppa di tofu per Elena, il menu è infinito.

Meraviglioso incontro ravvicinato del terzo tipo

Kampung Pandan moschea a Kuala Belai. Brunei
Kampung Pandan moschea a Kuala Belai. Brunei

Lasciando Seria, le cose si fanno più belle e abbiamo l’incontro più inaspettato. Per questi ultimi 20 km il Brunei diventa davvero stretto, siamo circondati dalla natura, la strada è tranquilla e gli unici rumori sono gli uccelli e gli insetti.

Poi succede, due hornbills, in mezzo alla strada! Provo ad avvicinarmi tranquillamente, volano su un albero vicino, posso ancora vederli. I buceri (hornbill) sono uccelli a becco largo, molto rari e in via di estinzione, quelli che vediamo sono Rhinoceros Hornbills, il simbolo del Sarawak. Ne sono rimasti solo pochi, è molto difficile vederne uno in natura, un colpo di fortuna!

“… alcuni dei Dayak, specialmente i gruppi Ibanici, credono che sia il capo degli uccelli mondani o l’uccello supremo del mondo, e la sua statua è usata per accogliere il dio degli uccelli augurali, Sengalang Burong, per le feste e le celebrazioni dell’umanità “(Wikipedia).

La strada è piatta e piacevole, foresta da entrambi i lati e molte scimmie. Una di queste sembra voler ucciderci e minaccia di non avvicinarsi all’albero in cui vive.

Strip-tease nella terra di nessuno

Rhinoceros Hornbill Brunei Borneo
Un Rhinoceros Hornbill, visto in Brunei. Purtroppo la foto é di bassa qualità

Salutiamo il Brunei e torniamo in Malesia, in un paio di giorni abbiamo collezionato dieci timbri sul passaporto. E’ quasi buio, nella terra di nessuno tra Brunei e Malesia, c’è un hotel con annesso strip club gestito da cinesi.

Sembra un posto divertente e decidiamo di pernottare qui. La camera è pulita, ha l’aria condizionata, doccia calda ma é senza finestre.

Molti dal vicino Brunei vengono a passare la serata in questo posto dove c’è tutto ciò che è vietato nel loro paese d’origine, in particolare la birra e tutti i tipi di alcol, ma non meno importanti, le ragazze seminude.

È una situazione surreale, ci sono spogliarelliste cinesi, un cuoco cinese dai capelli lunghi coperto di tatuaggi, una cameriera nerd e sua nonna che sta al bancone facendo origami e contando i soldi. Lunga vita ai cinesi. Bentornata Malesia.

cicloturismo spiagge Brunei
La suggestiva spiaggia della terra di nessuno tra il Brunei e Miri in Malesia

Vi é piaciuto quest’articolo, volete supportare la causa dei popoli del Borneo? Condividete!
Avete domande o impressioni? Commentate!

Le nostre avventure in Borneo

pt1: da Kota Kinabalu a Tenom, sulle Crocker mountain
pt2: Un treno nella giungla, da Tenom a Beaufort
pt3: attraversando il Brunei in bicicletta (voi siete qui)
pt4: attorno a Miri, Parchi Nazionali di Lambir Hills e Logan Bunut e la spiaggia di Tusan 
pt5: le grotte del Parco Nazionale di Niah
pt6: da Belaga a Kuching in barca
pt7: Kuching e Parco Nazionale di Bako 
pt8: Rafflesia al Gunung Gading National Park
pt9: Confine tra Sarawak e Kalimantan,il passaggio segreto di Aruk
pt10: Sambas, una Venezia in legno nel Borneo Indonesiano 

Chap Go Meh a Singkawang:
trafiggersi per compiacere gli Dei

Reportages

Devastazione idroelettrica in Borneo
parte 1: Intervista con SaveRivers
parte 2: visita a Sungai Asap

qui invece qualche consiglio per viaggiare on a budget in Borneo (in bicicletta e non)

Da Limbang a Miri – street level photo map

Da Beaufort a Miri (con profilo altimetrico)

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media