Last Updated on

myths bicycle touring

17 miti da sfatare sul viaggiare in bici
[e alcuni che potrebbero effettivamente essere veri]

Come per tutto il resto, ci sono un sacco di falsi miti e luoghi comuni sui viaggi in bici, abbiamo chiesto ai membri del gruppo facebook più attivo sull’argomento (Bicycle Touring and Bikepacking) sui miti più comuni sul cicloturismo. Abbiamo messo insieme alcune delle risposte e dei pensieri e abbiamo compilato questa lista.

Date un’occhiata anche a 

30 regole e consigli da seguire quando si viaggia in bici

Come iniziare a viaggiare in bicicletta

Le migliori bici da cicloturismo sotto i 900 euro


I cliché più comuni sul cicloturismo

Disclosure: Some of our articles contain affiliate links, that means we might receive a small percentage compensation if you purchase one of the linked product whitin a ceratin time frame. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running. (as an Amazon affiliate I earn from qualifying purcheses)
cicloturismo stereotipi

Il traffico potrebbe effettivamente ucciderti

1. Devi essere un ciclista allenato per viaggiare in bicicletta

Se fosse vero, non saremmo mai nemmeno partiti. Quando abbiamo iniziato il nostro giro in bicicletta intorno al mondo, nessuno di noi aveva pedalato per più del percorso casa lavoro. Abbiamo fatto alcuni test su distanze più lunghe prima di lasciare l’Italia e siamo rimasti bloccati, spingendo la bici sulle strade dell’Appennino.

Meno di una settimana dalla partenza, il mio ginocchio non ha funzionato più e ci siamo dovuti fermare per due giorni. Ma dopo un po’ ci siamo adattati, lentamente, al ritmo, iniziando con circa 50 km al giorno e aumentando lentamente fino a 100 km, prima di trovare la nostra distanza ideale da pedalare quotidianamente a 75km. La forma fisica viene dal pedalare, quindi basta prendersela comoda e non pensare di non potercela fare.


2. Hai bisogno di una bicicletta da turismo che costi almeno 1000 euro

Mentre, naturalmente, migliore è la bici, più divertente è la corsa, questo è un altro mito assolutamente falso. I miei primi 25.000 km sono stati fatti su a 1936 Royal Nord, un pezzo da museo, antica più che vintage.

Il President (che è il nome della bicicletta) non è stato specificamente progettato per i viaggi in bici, ma ha finito per adattarsi in modo sorprendente. Affrontiamo anche un’altra verità, la stragrande maggioranza delle persone non si imbarcherà in viaggi di più anni, principalmente viaggi nel fine settimana, spostamenti quotidiani e viaggi più lunghi una volta all’anno.

Mi piace dire che ogni bici è una bicicletta da cicloturismo, a patto che ci si diverta. Puoi fare un tour su quasi tutto, ovviamente sarà un po’ più difficile, ma sicuramente fattibile. Oltre a questo, se hai un budget limitato, ci sono molte biciclette da turismo ad un costo inferiore a 900 euro. Se non hai assolutamente un budget, controlla questo articolo su come trasformare un rottame gratuito o molto economico nella tua prossima bicicletta da turismo.


3. Tutto si romperà e avrai bisogno di un sacco di soldi in ricambi e riparazioni

Un altro falso cliché. Ovviamente, possono verificarsi guasti meccanici, ma ne abbiamo vissuti pochissimi durante gli ultimi due anni in bicicletta. I componenti più costosi non sono i più resistenti, spesso è il contrario, quelli di fascia alta sono progettati per le prestazioni, non per la durabilità, spesso le parti chiave a basso / medio costo sono più affidabili di quelle più tecniche.

Quindi non preoccuparti, anche se il tuo deragliatore fallirà, puoi acquistare un nuovo Shimano Acera per circa 15 dollari, e questo durerà altri 20.000 km. A proposito, è bello essere equipaggiato per piccole riparazioni. Ecco un elenco di strumenti e pezzi di ricambio che potresti voler portare con te in un lungo viaggio in bicicletta.

Stanforth Bikes Best for Touring

Cycloscope are proud users of the best touring bikes in the world

bici cicloturismo

la mia bici, prodotta in Belgio nel 1936 … non esattamente una bici da cicloturismo

4. Hai bisogno di tutti i tipi di attrezzi tecnici e attrezzature costose

Questo potrebbe essere vero se una spedizione in Kazakistan in inverno è ciò che stai facendo, ma se stai pianificando una destinazione a clima caldo non sprecare troppi soldi per l’equipaggiamento, puoi trovare attrezzi leggeri senza vendere un rene.

Certo, ti sentirai più a tuo agio con materiale di fascia alta, ma non pensarci troppo. Una tenda a buon mercato e un sacco a pelo saranno più che sufficienti per la maggior parte dei viaggi in bicicletta, i vestiti specifici per il ciclismo non sono essenziali, e tutti i giocattoli tecnologici a cui potresti pensare sono solo lussuosi ma non indispensabili.


5. Devi essere molto molto coraggioso

In tutti i tipi di viaggi, c’è una piccola componente di coraggio, lasciando quello che sai per andare dove non sai, tutto qui. Ci vuole solo un po’ di curiosità per superare la paura del viaggio, la parte più difficile è il primo km, dopo di che non ti fermerai più.

Per molte persone la paura è legata al campeggio libero, per gli altri agli incidenti stradali, per pochi agli animali selvatici, e per la maggior parte alle persone cattive, che ti porta direttamente al punto successivo.


6. La gente ti ucciderà e ti farà del male

Le cose brutte accadono ovunque, ma sono rare. Le persone cattive esistono, ovunque, ma sono poche. Secondo i media, dovremmo rimanere a casa. Persino i nostri governi, nelle loro pagine ufficiali, consigliano di non recarsi in un gran numero di Paesi. Siamo bombardati ogni giorno da notizie di guerre, omicidi, violenze. Sembra che tutto il mondo stia cospirando per farti del male. Quando la maggior parte dei media menziona “paesi in via di sviluppo” si tratta principalmente di raffigurarli come luoghi pericolosi.

Anche se è innegabilmente vero che ci sono molte cose brutte in corso su questo pianeta, il mondo è ancora un luogo abbastanza sicuro da visitare. Se date un’occhiata ai numeri, la quantità di persone intenzionalmente danneggiate durante i loro viaggi è estremamente bassa.

Dalla nostra esperienza personale, le persone di ogni Paese in cui siamo stati, hanno menzionato le loro nazioni vicine come pericolose. Bene, questo è il triste frutto dell’ignoranza e talvolta del razzismo. Quando ho detto ai miei amici e alla mia famiglia che sarei andato in Asia, molti erano preoccupati per la mia sicurezza, nomi come Kazakistan, Cambogia, Azerbaijan, hanno sollevato perplessità tra molti: ero pazzo andando a fare campeggio libero in posti come questo?

viaggi in bici ospitalità

incontrando persone pericolosissime lungo la strada

7. Sarai investito da un camion e morirai

La sicurezza sulle strade è una preoccupazione mondiale, ogni anno molte persone muoiono in incidenti stradali, sono la principale causa di morta fra i giovani. Eppure, la gente guida ancora auto e moto ogni giorno. Non è necessario essere in viaggio per essere in pericolo.

Si potrebbe obiettare che rimanendo più a lungo sulla strada aumenta le possibilità di incidenti, ma in realtà dipende. La maggior parte degli incidenti avviene su strade trafficate, autostrade e nelle città, esattamente i luoghi che ogni ciclista sano di mente cerca di evitare il più possibile. Quando viaggi in bicicletta ti troverai per lo più su strade secondarie, a traffico ridotto (o almeno è quello che dovresti fare, a mio modesto parere), le probabilità di incidenti in queste strade sono molto più basse. Ricorda solo di indossare un casco e non andare troppo veloce quando vai in discesa.


8. Come gestisci gli animali selvaggi?

Questa è una delle domande che mi fanno più spesso, sul serio. Sembra che la gente pensi che il mondo sia una giungla, ma purtroppo non lo è. Anche quando andavamo in bicicletta nel Borneo, un luogo che evoca immagini di tigri e serpenti velenosi, abbiamo incontrato pochissimi animali selvatici … soprattutto macachi.

In realtà nel mondo ci sono pochi animali selvatici pericolosi e la maggior parte di loro ha paura degli umani, con buone ragioni. Se quando parli di animali selvatici intendi cani randagi, il più delle volte fermandoti e urlando li cacci via.


9. Devi vivere uno stile di vita sano per andare in bicicletta

Dal campione abbastanza grande costituito dai numerosi viaggiatori in bicicletta che abbiamo incontrato sulla strada, più quelli che conosciamo online, sembra che la stragrande maggioranza di loro siano amanti della birra, mentre una vasta minoranza sono anche forti fumatori.

I viaggiatori in bicicletta non sono atleti, sono solo persone nella media che vanno in bicicletta per andare da A a B. Se vivi uno stile di vita sano, buon per te, potresti andare più veloce di noi, ma è davvero importante?

brutte abitudini bicicletta

la mia vita sana

10. Il tour in bicicletta con i bambini è impossibile (o follemente irresponsabile)

Quante volte abbiamo sentito: “Mi piacerebbe davvero viaggiare in bicicletta, ma sai, i bambini …”. Lasciami dire che sono solo cazzate. Abbiamo incontrato molte persone che viaggiano con bambini piccoli, alcuni anche con bambini neonati, è totalmente possibile e, secondo loro, anche molto divertente.

Potresti dover rinunciare alla libertà di percorrere strade più dure e qualche chilometro al giorno, ma tutti i bambini che abbiamo incontrato erano felicissimi. Quale migliore educazione potrebbe esserci che vedere il mondo con i suoi stessi occhi?

Alcuni si imbarcano anche in viaggi a lungo termine con i loro figli, educandoli a scuola (road-schooling?) e fermandosi di tanto in tanto in varie parti del mondo, magari facendo volontariato in cambio di ospitalitàQuesta bella famiglia ne é un esempio.


11. Ci sono molti modi per viaggiare in bici, ma questo è il migliore

I bikepackers non riescono a capire perché le persone trasportano tutta quella roba, i viaggiatori a pieno carico non riescono a capire come montare tutto ciò che serve in quelle borse minuscole, chi viaggia da solo sostiene che avere una guida e un’auto di supporto non è un viaggiare in bici e non lo é nemmeno viaggiare con una bici elettrica.

Alcune persone viaggiano da sole e pensano che questo sia il modo migliore, alcuni amano i grandi gruppi, altri hanno cani come compagni. Semplicemente non esiste un unico modo giusto per viaggiare in bicicletta, a ciascuno il suo. Basta salire sulla bici e muoverti.


12. Il peso è tutto, dovresti portare meno cose

È utile ridurre al minimo la tua attrezzatura per un sacco di motivi, ma il peso delle tue borse non ha un enorme impatto sul tuo viaggio. Soprattutto quando si tratta della tua bici, stai meglio con una robusta attrezzatura che assorbe e gestisce gli urti rispetto a una bici ultraleggera.

Dovresti portare tutto ciò che ti rende felice, se è un basso elettrico, fallo (pensando a questo ragazzo),se desideri avere un abito su misura per andare ai cocktail party, perché no?

viaggio in bici

Non contribuendo all’economia locale

13. Cosa farai quando avrai finito con i tuoi giochi di bicicletta infantili? Come troverai un lavoro?

Se c’è una cosa che mi ha insegnato a viaggiare in bicicletta (bè, ce ne sono molte in realtà) è che il mondo è pieno di opportunità. Prima di partire per il grande viaggio, stavo lottando per trovare un lavoro decente, soffrendo perché non potevo guadagnarmi da vivere con mie passioni, compromettendomi costantemente, lavorando per persone che non amavo profondamente.

Una delle prime domande poste ai viaggiatori di lungo corso è: non pensi al tuo futuro, cosa farai dopo questo? Bene, il mio consiglio è di non preoccuparsi di questo.

Dall’inizio del mio viaggio in bicicletta ho trovato più opportunità rispetto all’ultimo decennio trascorso in Italia. Viaggiare in questo modo ti metterà in contatto con molte persone, persone che potrebbero mostrarti nuovi modi di fare cose, cose a cui non hai mai pensato. Ho incontrato persone che mi hanno proposto posti di lavoro e opportunità di business, ho sviluppato competenze che prima non avevo, ho avuto nuove idee e ho cominciato a immaginare il mio futuro in un modo completamente diverso.


14. I viaggiatori in bicicletta non contribuiscono all’economia locale, non spendono soldi e non vale la pena considerarli una risorsa per il turismo

In realtà, è esattamente l’opposto! Anche se il tour in bicicletta potrebbe essere il modo più economico per esplorare il mondo (se fatto con questo intento), i viaggiatori in bicicletta non viaggiano gratis. Invece di portare tutta la loro ricchezza nelle poche aree turistiche, lasciando il resto del Paese con una manciata di bugie, i cicloturisti spargono il loro denaro in aree molto più ampie, contribuendo all’economia delle aree remote che raramente vedono un visitatore.


Alcuni miti sui tour in bicicletta potrebbero essere veri
(almeno in parte)

donne cicloturismo

getting dirty

15.I viaggiatori in bicicletta non si lavano mai

Questo potrebbe essere vero a volte, ma per lo più non lo è. Se sei costantemente in campeggio libero è difficile fare la doccia quando il clima è freddo (a meno che tu non sia in Giappone, con sorgenti calde a buon mercato ovunque).

Nella stagione calda, però, non è mai difficile lavarsi. I bagni pubblici, i fiumi, i torrenti, le cascate, i mari e gli oceani sono lì per fornirti tutta l’acqua di cui potresti aver bisogno.


16. Un viaggio in bicicletta ti aiuterà a sbarazzarti delle tue cattive abitudini e del tuo eccesso di peso

Mezzo vero, mezzo falso. Prima di iniziare il mio viaggio in bicicletta per il mondo, pensavo che avrei smesso di fumare e bere di sicuro, ma non funziona. Anche se di certo bevo e fumo molto meno durante le giornate in bicicletta, recupero in fretta il tempo perso durante i giorni di riposo. Almeno questo sono io.

È probabile che un lungo viaggio in bicicletta ti aiuti a sbarazzarti dei chili in eccesso solo se non mangi schifezze e fai un viaggio per un periodo di tempo abbastanza lungo. Ma se torni alla vecchia merda fritta appena ti fermi, tornerai grasso in un attimo.

Quello in cui il viaggio in bici è stato di grande aiuto, almeno per me, è stato quello di regolare il mio ciclo del sonno. Dormo molto meglio ora, mi sveglio presto e mi addormento più velocemente.


17. I viaggiatori di biciclette sono masochisti

Bene, alcuni di noi lo sono, almeno un po’. Ci piace quel po’ di sofferenza, la fatica, il sudore; perché la soddisfazione di raggiungere un obiettivo con le tue forze è qualcosa che non può essere comprato. A tutti piacciono le gite facili, ma i tempi difficili sono solitamente quelli che creano i ricordi migliori.


Seguici su Instagram

Read it later! Save it on Pinterest (pass the mouse over the image)

cycling myths to bust

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.