Bena bajawa viaggio

Il villaggio Ngada di Bena, vicino a Bajawa

I villaggi tradizionali della regione Ngada, Flores, Indonesia

Bena, Gurusina e la cultura e i rituali di Wolondopo

Cosa vedere nei dintorni di Bajawa

Probabilmente il posto più interessante da visitare nell’Isola di Flores, almeno per gli aspetti culturali, Bena, Gurusina e gli altri villaggi Ngada e Lio sono luoghi senza tempo, dove il modo di vivere è rimasto pressoché immutato da secoli.

Situata tra le lussureggianti giungle e i vulcani fumanti, si dice che Bena sia stata fondata circa 1.000 anni fa dai marinai giavanesi, la cui nave era bloccata sulle coste meridionali di Flores.

Arrivare qui è come essere teletrasportati in un altro spazio e tempo, le donne agitano i loro Ikats sui portici di legno intagliato delle case dai tetti di paglia, usando telai tradizionali. Un vecchio, con i denti neri per la masticazione della noce di betel, sta asciugando le noci di cacao sul terreno coperto di muschio. Un altare megalitico si trova nel mezzo del villaggio, riverberato da mille anni di canti, e urla di bufali sacrificali.

Bena è a circa 13 km da Bajawa, aggiungerne altri per Gurusina. Non lontano da Gurusina c’è un posto quasi segreto da non perdere, il Malanage Hot Springs (GPS -8.883712, 121.003758 – Google lo sa). Per arrivarci, ti consigliamo di noleggiare uno scooter a Bakawa (6 € al giorno). Noleggiare una guida aggiungerà qualcosa quando visiterete questi villaggi.

Abbiamo visitato Bena come parte del nostro viaggio in bicicletta in Indonesia. Se siete interessati a visitare questa isola magica, date un’occhiata

Il perfetto itinerario dell’Isola di Flores

Consigli per cicloturisti e avventurieri a Flores

e i nostri articoli in dettaglio su: 

Maumere e Koka Beach, un cavallo fantasma su una spiaggia di sabbia bianca

Laghi nei crateri del Monte Kelimutu, il cancello per un altro mondo

villaggio tradizionale Flores

magico teschio di bufalo al villaggio di Bena

Sincretismo religioso forzato: la Chiesa cattolica e le religioni tradizionali

L’Indonesia è un universo e ogni isola è un pianeta. Migliaia di culture, lingue e credenze diverse raccolte sotto un’unica bandiera. Nonostante questa enorme diversità, il governo indonesiano riconosce solo sei religioni ufficiali: Islam, Protestantesimo, Cattolicesimo, Induismo, Buddismo e Confucianesimo. C’è la settima scelta, e questa è l’ateismo, una scelta molto pericolosa dal momento che verrete considerati comunisti, e Indonesia non ha buoni rapporti con comunisti veri o presunti.

La religione in Indonesia ha un campo dedicato sulla carta d’identità, quindi ogni cittadino indonesiano deve scegliere una delle sette opzioni. Nell’isola di Flores, come anche a Sumba e in altre Piccole Isole della Sonda, la chiesa cattolica sfrutta la mancanza di scuole e ospedali governativi, creando i propri e aprendoli solo ai “fedeli”, costringendo di fatto molte persone alla conversione.

La Chiesa romana è abbastanza intelligente da non costringere le persone ad abbandonare completamente i loro riti, cercando invece di fonderli nei rituali romani, come hanno fatto per secoli più o meno ovunque, dal Sud Italia alle Filippine.

Infatti, Bena e gli altri villaggi ancestrali di Flores conservano ancora la loro tradizione ancestrale; teschi di bufalo e serpenti intagliati accanto al Cristo sulla croce è uno spettacolo comune qui.

Bena Bajawa Flores

Le incisioni di una casa tradizionale a Gurusina

Le case di Bena

Secondo le storie degli anziani, il villaggio di Bena non si è mai spostato dalla sua posizione originale, rendendolo speciale tra tutti i villaggi Ngada. Ci sono nove clan a Bena, che vivono in 45 case. Ogni clan ha una casa principale e una o più case di supporto.

Ogni elemento della casa è altamente simbolico, qui nulla è privo di significato. Le abitazioni presentano incisioni molto intricate, Manu, il pollo, simboleggia la grandezza di una persona, poiché l’animale può spostarsi in un luogo più alto. Un gallo è per la vita quotidiana, poiché il suo suono sveglia la gente ogni giorno all’alba. Un cavallo rappresenta lo sforzo per ottenere un raccolto migliore. Il serpente è la creatura sacra che protegge la casa dal male.

Gli antenati maschili e femminili sono presenti sul tetto sotto forma di una forcina all’interno di una noce di cocco per la femmina, e una statua avvolta in fibre di palma, con in mano un machete e una lancia, per la figura maschile.

Un’idea cosmica tripartita si riflette nella costruzione delle case, che hanno tre livelli strutturali (fondamenta, pavimento e pareti e soffitto) e una struttura interna tripartita. La veranda (teda moa) per situazioni informali, di solito utilizzata dalle donne che tessono mentre si occupano dei bambini. Il teda, il primo livello interno, per le situazioni ufficiali, come il ricevimento degli ospiti. La parte interna (uno sao), è il centro spirituale della casa, accessibile da una piccola e breve scala di legno, il suo ingresso è una piccola porta, attraverso la quale ogni persona che entra è costretta a inchinarsi, in segno di rispetto. Qui si trova l’altare Mataraga, un mezzo per collegare gli dei con la terra. Ecco anche la semplice cucina, fatta di pietre, e un ngadhu (vedi sotto) per legare l’animale in attesa di essere cucinato.

Tradizionalmente, tutti i materiali sono interconnessi, senza l’uso di alcun metallo, anche se ora l’uso di tetti in zinco è diffuso.

Struttura della società Ngada e rituali a Bena

Situato sul lato orientale inferiore del monte Inerie, Bena è considerato il più antico Ngada village. Candlenuts, cacao e chiodi di garofano sono i principali prodotti su cui si basa l’economia tradizionale. Oggi, la tessitura di Ikat e il turismo si sono trasformati in un’importante fonte di reddito per gli abitanti del villaggio. Il mercato del giovedì a Jerebu’u, 3 km a sud di Bena, è il luogo in cui gli abitanti del villaggio possono rifornirsi di scorte. Per altre cose, dipendono dal mercato Boubou di Bajawa.

Sebbene i ruoli dell’autorità amministrativa del villaggio siano ufficiali, le autorità tradizionali, gli anziani per ciascun clan, sono quelle che contano davvero nell’organizzazione delle comunità.

Le case sono disposte intorno all’ampio cortile (kisanatha) dove si trovano i totem del clan e l’altare megalitico. Gli antenati maschili di ciascun clan sono rappresentati dal Ngadhu, un palo di legno scolpito con motivi rituali, tetto in paglia e fibra di palma con due mani che reggono un machete e una lancia (proprio come sulle case). Mentre la Bhaga, una costruzione a forma di scatola di legno, che assomiglia alla parte interna di una casa (uno sao), rappresenta le antenate femminili. Ogni villaggio ne ha tanti quanti il numero dei suoi clan.


La cerimonia Reba

Ogni anno, il 27 dicembre, tutti i clan di Bena si riuniscono per discutere dei loro problemi e del loro futuro. La cerimonia è anche un’espressione di ringraziamento agli dei per il raccolto dell’anno e una richiesta di benedizione per il prossimo.

Questo è il momento giusto per un uomo per proporsi ad una donna. Il rituale dura tre giorni: il giorno iniziale (laza rebha), quando tutte le famiglie si riuniscono nelle case principali per discutere, cenare e bere. Il giorno della pulizia (batu ngaza), con preghiere di massa, danze e canti, per finire di nuovo con una cena. Il terzo giorno con l’offerta sacrificale sull’altare megalitico.

Tessitura tradizionale Ikat

Ikat, o ikkat, è una tecnica di tintura utilizzata per modellare tessuti che impiegano la tintura resistente sui filati prima di tingere e intrecciare il tessuto. È diffuso in tutta l’Indonesia e la Malesia.

I vari motivi applicati all’Ikat hanno ciascuno il suo significato simbolico. Ci sono motivi per bambini, che rappresentano la ricerca della conoscenza. Motivi del cavallo, sventolati se l’ikat è usato sui mezzi di trasporto. Ghi-u, curve ad arco che ricordano le montagne, sono un segno che gli umani devono vivere dinamicamente. Ube, formando una lancia, come un indicatore di auto-protezione contro il nemico. Se il motivo è di dimensioni maggiori, si chiama gajah e può essere indossato solo da alti ranghi sociali, come simbolo di potere.

I motivi di Bhaga sono un simbolo di fertilità, indossato da donne con bambini. La particolarità degli Ikat di Bena è l’uso dell’indaco come colore di base, mentre in altri villaggi Ngada è solitamente il bianco.

Il nostro percorso, da Moni e Kelimutu a Bajawa in bicicletta

Tour in bicicletta da Moni a Ende – 62 km: il villaggio di Lio di Wolondopo

Dopo aver visitato i laghi del cratere Kelimutu e i dintorni di Moni, partiamo, sempre in direzione di Labuan Bajo, lungo la strada principale. Ancora 10 km in salita (oltre 1.000 m slm), un breve altopiano tra due valli e poi inizia la dolce discesa. I paesaggi sono sempre più sorprendenti, risaie terrazzate, foreste lussureggianti e grandi cascate. Dobbiamo fermarci ogni cinque minuti per scattare una foto.

Se non andate troppo veloci, potresti notare un piccolo cartello sul lato destro della strada dove si trova il tradizionale villaggio di Wolondopo, a due chilometri di distanza. Una deviazione che vale la pena prendere. La strada è una salita ripida, che raggiunge questo meraviglioso piccolo villaggio circondato da piantagioni di caffè e giungla.

Le case sono fatte di bambù, non hanno finestre, sono completamente aperte sui lati. All’esterno c’è una cucina comune, dove gli abitanti del villaggio, a turno, cucinano per tutti.

Gli abitanti di quest’area sono chiamati Lio, e sono un altro dei gruppi etnici di Flores.

La gente ci guarda stupiti, siamo alieni, penso che qui vedano raramente un uomo bianco o un turista in generale, devono pensare che ci siamo persi. Questa é la bellezza del tour in bicicletta a Flores (o altrove).

Ende

Proseguiamo la spettacolare discesa che, a un certo punto, viene bloccata da una frana. Ci fermiamo ad aspettare, a lato della strada ci sono venditori di cibo e bevande, questo ci fa preoccupare del tempo di attesa. Aspettiamo un’ora, mangiamo uova sode e beviamo caffè mentre la strada viene liberata.

Ritornati sulla strada principale, continuiamo la discesa, raggiungendo il livello del mare a Ende, una tipica brutta città di Flores con alcune brutte pensioni.

Entriamo in un ristorante per mangiare ma il cibo è letteralmente marcio. Scappiamo alla ricerca di un ristorante gestito da cinesi, e per fortuna lo troviamo. A parte una pietra trovata nel piatto, è tutto commestibile. In Flores, tutto è bello tranne il cibo.

Strada da Ende a Bajawa – 124 km

Dopo una notte in città, partiamo di nuovo verso Bajawa che, naturalmente, è a 1200 metri. A Flores non c’è via di fuga, si sale fino al 1200, si ritorna al mare, si torna a 1200 e si ritorna al mare, e così via.

Andando in bicicletta verso est, per i primi 40 km, la strada è una bella montagna russa costiera. Le spiagge di sabbia vulcanica nera sono perfette per rinfrescarsi, ma abbiamo incontrato acqua agitata. Poi inizia la salita a Bajawa, ci fermiamo in un ristorante di bambù gestito da moglie e marito, inizia a piovere molto forte e così ci dicono che possiamo dormire lì. Montiamo la tenda per proteggerci dalle zanzare all’interno del ristorante.

Oggi affrontiamo la vera ascesa, lunga e costante, 80km fino a 1.400msl. Non è ripida come quella di Moni, ma la sua lunghezza la rende estenuante. Come al solito in questo viaggio nell’isola di Flores, le viste mozzafiato sono abbondanti, con incredibili terrazze di riso che fanno impallidire quelle di Bali. A circa 1.000 msl la vegetazione cambia completamente, passando dalla giungla tropicale alla foresta quasi alpina. Diventa anche freddo.

Anche lungo questa strada, non ci sono molte opzioni per il cibo e nessuna sistemazione. Preparate le provviste e preparatevi a piantare la tenda da qualche parte se non riuscite a raggiungere la città in tempo, anche se non sarà facile trovare un posto per il campeggio.

Dopo una giornata abbastanza devastante, in qualche modo ce la facciamo e la sera arriviamo a Bajawa dove Daniele è felice di mangiare il Sape Babi, spiedini di maiale con salsa di arachidi.

Bajawa, i villaggi Nngada , e le terme di Malanage

Bajawa è di per sé una città abbastanza grande per gli standard di Flores, con molte sistemazioni disponibili, buone opzioni per mangiare e un bel mercato.

Bena è a circa 13 km da Bajawa, aggiungetene un altro paio Gurusina. Viaggiare in bicicletta verso questi villaggi è però molto difficile e richiede molto tempo. Sebbene la strada sia asfaltata, le pendenze sono estreme per i tour in bicicletta. Quindi di nuovo noleggiamo uno scooter al prezzo di 6 € al giorno.

Non lontano da Gurusina c’è un posto quasi segreto da non perdere, il Malanage Hot Springs (GPS -8.883712, 121.003758 – Google lo sa). Qui un fiume estremamente caldo scorre incontrandosi con un fiume freddo, fare il bagno qui è il perfetto finale di giornata, semplicemente muovendosi nell’acqua le temperature cambiano, consentendo di trovare la temperatura preferita.


Se siete interessati a visitare questa isola magica, date un’occhiata

Il perfetto itinerario dell’Isola di Flores

Consigli per cicloturisti e avventurieri a Flores

e i nostri articoli in dettaglio su: 

Maumere e Koka Beach, un cavallo fantasma su una spiaggia di sabbia bianca

Laghi nei crateri del Monte Kelimutu, il cancello per un altro mondo

Il percorso del nostro viaggio a Flores, cliccate sulla traccia per vedere il profilo altimetrico

Leggilo più tardi! Salvalo su Pinterest (scorri il mouse sull’immagine)

bena gurusina travel guide

Seguite il nostro viaggio

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata