migliori isole Corea doegu do

la bella e minuscola isola di Doegu Do, vista dalla cima della collina che la sovrasta

Delle quasi 4,000 isole della Corea del Sud, durante in nostro viaggio in bicicletta ne abbiamo visitate circa 20. We fell in love with the atmosphere of Korean islands, especially the tiniest and less touristic ones, to such an extent that we kept on exploring random islands anytime we had the chance.

Quindi, dopo aver visitato le isole del Nord-Ovest, vicino a Seoul ed Incheon e un’altra isola molto remota al largo della costa Ovest, oltre a quelle raggiungibili via ponte nel Sud-Ovest, esploriamo l’ultimo gruppo di isole della Sud Corea, fuori dai circuiti turistici.

August 10, 2015

Ci svegliamo presto e raggiungiamo il porto di Wando. E’ più piccolo di quello di Mokpo, meno barriere per le biciclette, e ci sono anche meno traghetti. La cosa più semplice da fare é scegliere una destinazione a caso. Tutti vanno a CheongsanDo, isola piuttosto famosa perché ci hanno girato un altrettanto famoso drama coreano. Troppi turisti per i nostri gusti, non ci andiamo. Quindi, dato l’infinito numero di isole Coreane, proveremo a visitarne una (o più) scegliendole a caso.

isole Sud Corea, spiagge più belle

Spiaggia Geumilmyeongsa

1 – Doegu Do

Dopo essere riusciti ad ottenere una mappa all’ufficio informazioni decidiamo di andare a DoeguDo, altro scoglio sconosciuto ai turisti. Prendiamo la nave delle 15, anche all’imbarco non volevano farci salire pensando avessimo sbagliato traghetto!

Le sciure sulla nave, con permanente obbligatoria, ci fanno capire che nell’isola non c’é la strada e non si può andare in bici. Un altro tizio ci offre una birra e ci parla per tutto il viaggio in coreano.

Arriviamo, tra lo stupore generale. L’isola é bella e selvaggia, la strada veramente c’é ma la pendenza é del 25 %., e non ci sono spiaggette appartate, o per meglio dire, non ci sono spiagge del tutto. Quest’isola non ha più di un Km di strada in tutto.

C’é un piccolo villaggio abbarbicato sulla ripida pendenza della collina, probabilmente qualche centinaio di persone in totale, che vivono di molluschi, allevamenti di alghe e pesca tradizionale.

Un ragazzo ci porta a mangiare a casa di sua madre; zuppa di pesce, uova, kimchi, pescetti, riso e fagioli e alghe.

Doegu Do

Doegu Do

Andiamo a dormire in un praticello sulla scogliera, la vista é meravigliosa, ma le zanzare sono assassine, anche loro non vedevano umani lì da un po’…

Dopo una bella dormita salutiamo l’isola e prendiamo il traghetto delle 11 e 30. I pescatori e le loro mogli stanno sistemando le reti, c’é un grande silenzio, tutto sembra un film, fermo in un momento senza tempo.

Nella sala d’attesa c’é il WIFI e ne approfitto per cercare di aggiornare il blog. In Corea il free WIFI é davvero ovunque. Il ragazzo che ci ha offerto la cena ieri sera torna anche questa mattina con succhi di frutta e biscotti!

2 – Saengil do (isola) e Geumgok (spiaggia)

Con il traghetto arriviamo ad un’altra isola più grande, SaengilDo. Non c’é nessuno in giro, solo tende per seccare le alghe, ci facciamo il bagno al porto, dove c’é una grande spiaggia di ciottoli e l’acqua é abbastanza chiara. Iniziamo a pedalare l’unica strada esistente, per lasciare quest’isola dobbiamo attraversa e prendere il traghetto dall’altra parte, verso un’altra isola ancora. All’inizio le pendenze della strada sono pesanti poi migliora, la strada panoramica é bellissima, come sempre lungo le strade costiere Coreane.

Arrived at the other end of the island we find that the ferry is at 4pm, we have three hours to lose and wait in the gazebo next to the ticket office. Arrivati all’altro capo dell’isola scopriamo che il traghetto é alle 16, abbiamo tre ore da perdere e aspettiamo nel gazebo vicino alla biglietteria dove arriva una vecchietta tutta matta che parla un sacco e sorride tantissimo. Poi ci va a comprare del Soju e il latte di soia. Era proprio una vecchietta simpatica.

Mentre io sonnecchio Daniele va a vedere una spiaggia dall’altra parte dell’isola, é stupenda, enorme con vicino il bosco e acqua verde trasparente. Fino a pochi anni fa non c’era la strada e si poteva raggiungere solo in barca. Ma su quest’isola niente turisti, gli alberghi sono tutti chiusi. Evidentemente non va di moda. Ma se ci girassero un drama tutto cambierebbe!

3 – Geumil Do

Arriviamo a Geumil Do, isola grande, forse 4 o 5.000 abitanti, con scuole e supermercati e più pianeggiante quindi anche campi coltivati. Inizia  a piovere e per fortuna troviamo un provvidenziale gazebo nella pineta. Durante la notte il vento é forte e c’é una tempesta paurosa.
tipico pasto casalingo Coreano

tipico pasto casalingo Coreano

12 August 2015, Geumil Do, southern South Korea

Al nostro risveglio vediamo che il clima é migliorato molto, la tempesta é finita. Ci accorgiamo di aver dormito vicino ad un’altra bellissima spiaggia, la Spiaggia di Geumilmyeongsa. Anche questa deserta, larga, lunga e piena di pini. Ci sono moltissime conchiglie. (qui trovate più informazioni su Geoumildo)
Fatichiamo un pochino a trovare il porto, il prossimo traghetto per la terraferma é alle 2:30 pm.

4 – Soryang do (Sadong ri)

Nell’attesa andiamo a visitare un’isoletta vicina, connessa da un ponte, Soryang Do. Il piccolo villaggio (Sadong ri) é molto bello, le case sono fatte di muri a secco e i tetti colorati con una strana sostanza, forse una protezione dal sale marino. Ci sono piccole stradine che salgono la collina e una vera atmosfera da villaggio di pescatori.

Tornati a Geumil, andiamo a visitare la spiaggia di Geumilhaedanghwa, le onde qui sono forti. Per poco non perdiamo il traghetto perché Daniele buca, o meglio, ha un raggio della misura sbagliata che ha bucato la camera d’aria.

Il traghetto da qui é costoso, 18.000 won, ma ci riporterà sulla terraferma, nella provincia di Goheung, una grande penisola.
Il viaggio dura un’ora e mezza, mangiamo noodles e parlimao con un signore che lavora sulla barca, ha 70 anni ma ne dimostra 50. Dice di lavorare 12 ore al giorno e di avere 5 giorni di ferie all’anno.

corea casette galleggianti pesca

Igloos galleggianti per pescare

floating igloos for fishing

Di ritorno sulla terraferma, penisola di Goheung

Il viaggio in traghetto é piacevole, si passa accanto a diverse isole. Ci sono degli igloo galleggianti molto carini che vengono usati dai pescatori che possono poi dormire lì.

Arriviamo di nuovo sulla terraferma, al porto di Nokdong-gu, dopo un po’ di strada lungomare ritorniamo in campagna, incontriamo due pescatori di Timor East, proseguiamo sulla strada dell’interno, c’é una bella salita. Ci fermiamo a dormire nel solito gazebino, questa volta in mezzo alle risaia. Stavolta non é in legno ma in metallo, la notte piove.

Conclusioni: quali sono le isole più bella della Corea del Sud?

Scrivere un articolo sulle isole più belle della Corea del Sud é impossibile, ce ne sono veramente troppe, a volte diventano famose e poi dimenticate. Il nostro consiglio é di esplorare il più possibile e non seguire la folla.

La Corea del Sud é una nazione marittima, e la sua vera cultura e stile di vita tradizionale si trova nelle isole, in particolare quelle piccole e meno turistiche.

Soryang do

Soryang do

la nostra strada attraverso le isole

 

Seguiteci mentre ci perdiamo

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata