Stanforth Bikes Best for Touring

Cycloscope are proud users of the best touring bikes in the world

Slovacchia cicloturismo

Consigli per la bicicletta da turismo sul ciclismo in Slovacchia mappe, itinerari, paesaggi, campeggio selvaggio, alloggio, strade, costi, tempo … tutto ciò di cui hai bisogno

Un viaggio in bici in Slovacchia, ti è mai passato per la testa? La Slovacchia è una destinazione cicloturistica sottovalutata, i principianti del cicloturismo spesso optano per luoghi più piatti e popolari, ciclisti che viaggiano per molto tempo, invece, sfiorano questo paese così piccolo finendo per attraversarlo velocemente in pochi giorni.

Ma la Slovacchia può essere una destinazione ciclistica davvero sorprendente; le vette più alte dei Carpazi, il grande Danubio e un interessante patrimonio storico sono sufficienti per farti divertire per 7/10 giorni.

Abbiamo pedalato in Slovacchia per 8 giorni nell’ottobre 2018 (con un breve pernottamento in Ungheria), entrando dalla Polonia attraverso gli Alti Tatra e uscendone nei dintorni di Vienna lungo il Danubio.

In questo articolo, cercheremo di fornirti tutte le informazioni di base necessarie per iniziare a pianificare un viaggio in bicicletta in Slovacchia, c’è anche una mappa navigabile del nostro itinerario suggerito.

Se state organizzando un viaggio in bici in Europa vi potrebbe interessare anche:

La splendida pista ciclabile delle gole del fiume Dunajec, tra Slovacchia e Polonia

Cicloturismo in Polonia, la Green Velo e gli itinerari del circuito EuroVelo

Geografia della Slovacchia

La Slovacchia è un piccolo paese senza sbocco sul mare di 49.000 chilometri quadrati e 5,4 milioni di abitanti, nell’Europa centrale. Nonostante le sue piccole dimensioni, il suo scenario è divertente e diversificato.

La sezione più occidentale dell’Arco carpatico occupa metà del paese, con le nude e magnifiche montagne delle Alte Tatra, che fungono da confine naturale settentrionale con la Polonia, qui si trovano le vette più alte dei Carpazi. Un po’ più a sud si trova la catena più piccola e coperta di foreste delle Basse Tatra, che offre molte opportunità di ciclismo più impegnativo per chi è alla ricerca di salite difficili.

Tra le due Tatra si trova la valle del fiume Hornád, una regione più densamente popolata. L’est del paese è collinoso mentre il sud-ovest fa parte della Grande pianura ungherese, con il Danubio che separa il paese dalla vicina Ungheria.

viaggio in bici Slovacchia

Clima in Slovacchia

La Slovacchia ha un tipico clima continentale europeo, con estati calde e secche ed inverni piuttosto freddi. Sulle montagne, ci sono in media 120 giorni nevosi all’anno, solo 40 in pianura, l’inverno porta anche forti venti da nord-est (Bora).

In estate le temperature diurne raggiungono facilmente i 20-25° C, a volte raggiungono anche i 30° C o più. Anche se le estati sono per lo più secche, a volte possono verificarsi forti temporali, specialmente nelle regioni montuose. Luglio è il mese più caldo con una temperatura media di 22° C.

Le precipitazioni annuali variano da 400 mm nelle zone meridionali del bassopiano fino a 1000 mm nelle regioni montuose.

Stagione migliori per viaggiare in bici in Slovacchia

Ogni stagione ha la sua bellezza in Slovacchia, ma il ciclismo in autunno è un puro spettacolo. I colori sono tra i più vividi che abbiamo mai visto,  potrebbero gareggiare, e vincere, con le meraviglie delle Alpi Giapponesi.

Ottobre è ancora abbastanza caldo, con medie giornaliere intorno ai 16 ° C e notturne di solito intorno al 2° / 4° C … non troppo freddo per campeggiare con attrezzature decenti.

Strade Slovacchia

Strade in Slovacchia

In generale, le condizioni stradali in Slovacchia non sono male per il ciclismo. La maggior parte delle strade sono strette ma hanno un buon marciapiede o corsia di emergenza, il traffico è pesante solo sulle strade principali.

Essendo per lo più un paese montuoso, è ovvio che le poche strade pianeggianti raccolgono la maggior parte del traffico slovacco. Nonostante sia attraversata da un’autostrada (D1), la valle del fiume Hornád è trafficata anche sulle sue strade secondarie.

La strada 537, ai piedi delle Alte Tatra, sembra ottima vista sulla mappa, ma non è così bella da pedalare. Le montagne sono per lo più nascoste dagli alberi e il percorso è piuttosto turistico, e quindi trafficato, soprattutto in estate e durante i fine settimana. Vale la pena pedalare qui se si è disposti ad affrontare una delle tante escursioni che gli Alti Tatra hanno da offrire.

Le strade che attraversano le Basse Tatra sono segnate come strade statali, ma il traffico non è troppo intenso, sia sulla strada 66 e 72, dato il gradiente delle salite in questione sono per la maggior parte prive di camion.

La pista ciclabile del Danubio, lungo il confine con l’Ungheria, è onestamente un po’ noiosa, raramente molto vicina al fiume, e spesso con un fondo molto povero, a volte vale la pena restare sulla statale 63 (non eccezionale) o su strade adiacenti più piccole, parleremo di questo percorso in dettaglio in un prossimo articolo.

Ci sono molte piccole e nascoste gemme in Slovacchia, una che sentiamo davvero di raccomandare è la strada che attraversa il villaggio fiabesco di Osturna, vicino al confine polacco (vedi mappa).

campeggio Slovacchia

Campeggio libero in Slovacchia

I ciclisti che organizzano un viaggio in Slovacchia saranno felici di sapere che il campeggio libero è legale in Slovacchia, la situazione qui è tra le migliori in Europa, anche meglio della Norvegia.

Ci sono solo alcune regole da seguire:

  • Il campeggio non è consentito nelle aree protette di livello 3 (Parchi nazionali)
  • Il campeggio non è consentito nelle aree forestali protette.

La prima regola significa che non sei autorizzato ad accamparti negli Alti Tatra, fortunatamente c’è una rete di capanne libere particolarmente utile per gli escursionisti (non è così facile da raggiungere su una bicicletta, temo), alcuni si possono trovare qui. I falò sono proibiti ma tollerati in aree sicure, sii molto attento però.

Ovviamente si applicano le regole standard di sicurezza: non accamparti vicino ai villaggi, non esporti troppo, monta la tenda poco prima del buio. Fai attenzione agli orsi negli Alti Tatra.

Slovacchia ciclabile danubio

Sicurezza in Slovacchia

La Slovacchia è generalmente un paese sicuro, si classifica 181 su 230 paesi per il tasso di omicidi intenzionali. Naturalmente, il piccolo furto può capitare, ma basta stare attenti e fidarsi del proprio istinto.

I conducenti sono nella media, non sempre rispettosi ma non tutti terribili. Prenditi il tuo spazio su una strada stretta per evitare che i guidatori ti sorpassino a distanza troppo ravvicinata.

Hotels, Guesthouses e Campeggi in Slovacchia

I campeggi sono molto diffusi in tutto il paese, vanno da semplici caravan park e prati a strutture di lusso con piscina e altro. Un posto tenda costa di solito costa 4/7 €. Sfortunatamente, la maggior parte dei campeggi è aperta solo da maggio a settembre, quindi se stai viaggiando fuori stagione potrebbe essere molto difficile trovare una sistemazione simile.

Anche le pensioni e gli hotel sono molto comuni, sono ovviamente aperti tutto l’anno. I prezzi partono da circa 20 € (molto rari), prevedete una spesa media di 30 € a notte per una camera doppia. Molte pensioni hanno una cucina disponibile gratuitamente per gli ospiti.

Couchsurfing e Warmshowers in Slovacchia

Warmshowers, la comunità in Slovacchia non è enorme ma presente e abbastanza attiva, vale sempre la pena provarlo per la possibilità di incontrare altri cicloturisti.

Couchsurfing è grande e anche in questo caso vale la pena provare. Se non sai di cosa stiamo parlando, controlla il nostro articolo sulla rete di ospitalità gratuita nel mondo.

Mappa Cicloturismo in Slovacchia

Itinerari e percorsi ciclabili in Slovacchia

Anche se la Slovacchia non è un paese di grandi dimensioni, grazie alle sue montagne ci sono molte scelte quando si tratta di itinerari per il cicloturismo.

Ci sono diverse piste ciclabili nazionali, molte informazioni in inglese su di esse e un sacco di informazioni postate dagli utenti (Tatra Velo sembra avere un account ufficiale su Komoot). Abbiamo pianificato il nostro itinerario giorno dopo giorno mescolando le fonti online ad un alto grado di improvvisazione, finendo per percorrere un itinerario molto divertente per lo più su strade a traffico leggero. Ecco cosa abbiamo fatto:

1 – Da Dunajec River Gorge a Osturna e Ždiar Pass – 46km

ciclabili Slovacchia

Dunajec River Gorge

Questo è stato uno dei migliori giorni del nostro intero viaggio in bici di 5 mesi in Europa, una giornata piena di meraviglie, una zona della Slovacchia da non perdere quando giri in bicicletta qui. La gola del fiume Dunajec giace al confine con la Polonia, molto vicino agli Alti Tatra, questo è davvero il punto di ingresso/uscita perfetto per chi va in bicicletta da/per la Polonia.

C’è una pista ciclabile non asfaltata ma ben tenuta (che è anche un sentiero escursionistico), lunga circa 20 km, che in realtà si estende principalmente sul lato polacco. La gola ha stupende scogliere calcaree bianche ricoperte da una vegetazione che è davvero affascinante quando dipinta dai colori autunnali. Il sentiero termina sulla punta meridionale del lago Czorstyn (Jezioro Czorsztynskie), un serbatoio artificiale di bell’aspetto.

Da lì, ci sono due modi per arrivare a Osturna, uno ti riporta indietro in Polonia, l’altro attraversa una valle slovacca, entrambi sono belli, facili e brevi, circa 10/12 km per arrivare alla zona di Osturna. Osturna è un luogo fiabesco e rilassante con una storia interessante e le scintille residue di una cultura unica, che giace a 700 metri sul livello del mare in mezzo ad una splendida valle.

Questo villaggio lungo 9 chilometri è abitato solo da 390 personeSi tratta dei Rusyns, una minoranza etnica diasporica con una storia complessa e un’architettura affascinante, 157 delle sue strutture in legno sono riconosciute come tesoro nazionale. Pedalare attraverso Osturna è un salto di 10 km in un universo parallelo.

Sono disponibili alcune sistemazioni accoglienti ed economiche, un bar tradizionale e un piccolo supermercato. Da qui, la strada sale in direzione sud lungo una bella e solitaria strada verso il passo a 1.126 m slm, vedrai prima il massiccio delle Alte Tatra e poi finalmente il Passo Ždiar. Quest’ultimo è un po’ sudato, specialmente alla fine, con pendenze fino al 9% (vedi mappa). Descriveremo Osturna e la Gola di Dunajec in altri due prossimi articoli.

2 – Le Alte Tatra da Ždiar Pass a Poprad – 35 km

monti tatra in bici

Alte Tatra

Una volta raggiunto il Passo Ždiar, le Alte Tatra si presenteranno alla fine in tutta la loro magnificenza, compatte (80 km di lunghezza, 19 km di larghezza) ma con una serie impressionante di cime affilate. Sfortunatamente, qui finirai sulla strada più trafficata, la 66, fiancheggiata da piste da sci.

Attraversando la località turistica invernale di Ždiar, con la vista sui Monti Tatra alla tua destra, dovrai guardare più che altro le macchine mentre sei in discesa. Ždiar è un bel villaggio con molte case in stile tradizionale, ancora grazioso nonostante sia un po’ viziato dal turismo. Ci sono molte opzioni di alloggio a Ždiar, anche se potrebbero essere un po’ troppo care in alta stagione.

Lascerai la strada 66 per la strada 537, che gira intorno alle pendici meridionali degli Alti Tatra. Questa strada sembra molto bella sulla mappa ma in realtà non lo è, le montagne sono raramente (leggi “mai”) visibili, le corsie sono un po’ strette, il traffico è medio-pesante, gli alti e bassi sono noiosi. C’è almeno una buona ragione per percorrere questa strada, tutte le escursioni sugli Alti Tatra dal lato slovacco iniziano qui, sono molte e sono belle. Puoi vedere tutti i sentieri attraverso questa app.

Vysoké Tatry è la città più grande in questa zona, alloggi e supermercati possono essere facilmente trovati qui.

3 – Le Basse Tatra, da Poprad al confine Ungherese – 180 km

cicloturismo Slovacchia

Road 66 vicino Tisovec

Da Poprad, la strada principale che porta alle Basse Tatra è di nuovo la 66. Fortunatamente, è molto più tranquilla qui. Le ripide salite che stai per i successivi 13 km (da 600 a 1.060 msl, fino al 12%), libereranno la strada dalla maggior parte dei camion e delle auto, lasciandoti in una bellissima strada boscosa semi solitaria.

Subito dopo Telgart, è possibile continuare a percorrere la strada 66, o imboccare la rapida discesa verso sud sulla 531, verso Muran, Tisovec e infine al confine ungherese. Se hai tempo, stai bene e ti stai godendo il ciclismo in Slovacchia, ti consigliamo di esplorare le Basse Tatra un po’ più a lungo, noi dovevamo raggiungere velocemente il Danubio e ce ne siamo un po’ pentiti.

La strada 531 è comunque un percorso bello ed interessante, che passa tra le falesie calcaree del Muránska Planina National Park, e attraverso il villaggio di maggioranza Rom di Muranska Huta, sormontato da una collina che é un punto magnifico con vista stupenda per campeggiare.

Da Tisovec in poi, la strada diventa sempre meno interessante, colpendo la Grande Pianura Ungherese a Lucenec (città dimenticabile). Da Lucenec ci sono diverse strade che portano sulle rive del Danubio, sia che tu voglia andare in Ungheria per un breve periodo (come abbiamo fatto noi, vedere la mappa) o rimanere in Slovacchia, resterai sempre su strade piatte.


4 – La pista ciclabile del Danubio, da Vac a Bratislava – 200km

ciclabile Slovacchia

Cicloturismo Danubio

La pista ciclabile lungo il Danubio è probabilmente il percorso più famoso d’Europa, e di certo il più lungo; dalla Germania all’Austria, poi sul confine tra Slovacchia e Ungheria per poi scendere in Croazia, Serbia e Romania fino alla foce sul Mar Nero, per un totale di quali 1400 chilometri.

Abbiamo incontrato il fiume Danubio a Vàc, in Ungheria, e abbiamo pedalato lungo tutta la ciclovia fino a Vienna, lungo il confine tra Slovacchia e Ungheria, passando per Bratislava. Questa tratta fa parte dell’EuroVelo 6

Questo è un percorso molto popolare per famiglie e cicloturisti leggeri, ma quando l’abbiamo pedalata in ottobre non abbiamo incontrato quasi nessun altro ciclista, tranne un ragazzo coreano che ha pedalato con noi a Vienna e ci ha aiutato a non morire di noia in alcuni parti del percorso. Perché sì, l’idea di andare in bicicletta lungo il Danubio può sembrare romantica, ma spesso il paesaggio rimane lo stesso per chilometri e chilometri.

La prima tratta, da Vac a Esztergom (40 km), è la più interessante, soprattutto con il fiume in bella vista, tra castelli e spiagge di sabbia bianca. Esztergom è una bella città, per tre secoli è stata la capitale dell’Ungheria nel Medioevo, l’importantissima Basilica di Esztergom è la più grande chiesa del paese.

Dopo Esztergom e fino a Bratislava il sentiero diventa noioso, il fiume scompare dietro gli alberi e solo sbircia molto raramente, il paesaggio è piatto e un po’ monotono. Spesso la ciclabile è una distesa di piccole rocce, una tortura se avete copertoni stretti, a volte siamo stati costretti a tornare sulla parallela strada principale.

La cosa più interessante da vedere è la diga e il bacino idrico di Gabčíkovo-Vodné, la più grande centrale idroelettrica della Slovacchia, che garantisce l’11% del fabbisogno energetico del paese. Da qui in poi viaggerete lungo il bacino artificiale per diversi chilometri, tra una moltitudine di uccelli acquatici.

Nonostante sia la capitale della Slovacchia, basteranno un paio d’ore per visitare il centro storico della città di Bratislava. La città però è ben collegata dal percorso ciclabile.

Alcuni anni fa abbiamo pedalato una parte della ciclabile del Danubio fra Serbia e Romania, tra le meravigliose Porte di Ferro, dobbiamo ammettere che quel tratto è stato per noi il più interessante.

In ogni caso, la pista ciclabile Euro Velo 6 è quasi sempre una pista ciclabile dedicata, lungo il percorso ci sono ristoranti, alberghi e campeggi, è molto adatta per le vacanze in bicicletta in famiglia e, in generale, per tutti i tipi di viaggiatori in bicicletta, allenati e non.

In questo articolo parliamo in dettaglio della Danubiana, da Vàc a Vienna.

Mappa Ciclabile Slovacchia

Lingua e persone

La lingua slovacca appartiene alla famiglia slavo occidentale, è molto simile a quella polacca e ceca. Potrebbero essere d’aiuto alcune parole di qualsiasi lingua slava, qui puoi trovare qualche frase e parola utile. Circa l’8,5% della popolazione è di etnia ungherese, quindi la lingua ungherese è ampiamente diffusa nelle regioni meridionali.

L’esatta percentuale di Rom non è chiara (tra il 2% e il 10%), ce ne sono molti però (di sicuro sono la seconda minoranza), con villaggi abitati quasi esclusivamente da Rom, specialmente nelle regioni montuose dei Bassi e Bassi Tatra.

Nella nostra esperienza, le persone slovacche sono per lo più amichevoli e socievoli, più di quanto abbiamo visto in Polonia, non è difficile essere intercettati in un bar e che vi venga offerto da bere. L’inglese non è molto diffuso, molti giovani conoscono alcune nozioni di base, ma è difficile trovare qualcuno con cui conversare al di fuori delle principali città.

 

Slovacchia Turismo

Costo del cicloturismo in Slovacchia

Rispetto alla maggior parte dell’Europa, la Slovacchia è ancora un paese abbastanza a buon mercato, i suoi prezzi sono allineati a quelli della Polonia, anche se i supermercati sono significativamente più costosi. Non è troppo difficile pedalare in Slovacchia con 10/15 € al giorno, a condizione di campeggiare liberamente o ricorrere a qualsiasi altro tipo di alloggio gratuito per almeno 1/3 delle notti.

  • Una camera in un albergo economico va da 20€ a 40€;
  • un pasto in un ristorante economico si aggira attorno ai 5/7€;
  • un pinta di birra alla spina a soli 1.30€ (non male!).

Più informazioni qui su Numbeo.


Cibo e Supermercati in Slovacchia

Non aspettatevi di trovare una vasta gamma di scelte alimentari nei supermercati slovacchi, principalmente roba in scatola, pochi tipi di formaggio, la Slovacchia sembra stranamente attaccata allo stile degli anni ’90 dell’Est Europa … probabilmente non durerà molto a lungo, il “cibo internazionale” si sta facendo lentamente strada anche qui.

Se state organizzando un viaggio in bici in Europa vi potrebbe interessare anche:

La splendida pista ciclabile delle gole del fiume Dunajec, tra Slovacchia e Polonia

Cicloturismo in Polonia, la Green Velo e gli itinerari del circuito EuroVelo

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media
Disclosure: Some of our articles may containg affiliate links, that means we might receive a small percentage compensation if you purchase one of the linked product whitin a ceratin time frame. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.