Stanforth Bikes Best for Touring

Cycloscope are proud users of the best touring bikes in the world

dunajec river gorge rafting

Tutto sul fiume Dunajec e le sua gole: rafting, kayak, ciclismo, mappe, percorsi, cosa vedere, dove alloggiare

La gola del fiume Dunajec è un luogo perfetto per il rafting, il ciclismo, l’escursionismo e il relax. È stata per noi una delle parti più belle del nostro viaggio in bici di 5 mesi in Europa, una giornata piena di meraviglie, un luogo da non perdere se si viaggia in quest’area.

La gola del fiume Dunajec attraversa i monti Pieniny nel sud della Polonia e nel nord della Slovacchia (poiché Dunajec è il fiume di confine tra i due paesi dell’area). La gola presenta incredibili strutture geologiche e un ecosistema naturale unico quasi incontaminato dalla presenza umana. Il sito è incluso nell’elenco dei siti patrimonio dell’umanità dell’UNESCO in Polonia.

Dunajec Gorge è una delle principali attrazioni turistiche della zona: circondata dai Monti Pieniny, una piccola ma affascinante catena montuosa. I turisti vengono trasportati a valle, dai vicini castelli di Niedzica e Czorsztyn, su zattere di legno, una fonte di guadagno per il gruppo etnico Gorals dall’inizio del XIX secolo.

La gola del fiume Dunajec costituisce una breve sezione del confine tra Polonia e Slovacchia, molto vicino agli Alti Tatra, è il punto di ingresso/uscita perfetto per chi va in bicicletta in entrambi i paesi. C’è una pista ciclabile non asfaltata ma ben tenuta (che è anche un sentiero escursionistico), lunga circa 20 km, che in realtà si estende principalmente sul lato polacco. La gola ha stupende pareti rocciose calcaree bianche ricoperte da una vegetazione davvero affascinante quando dipinta nei colori autunnali.

Il sentiero termina sulla punta meridionale del lago Czorstyn (Jezioro Czorsztynskie), un serbatoio artificiale di bell’aspetto. Da lì, ci sono due modi per arrivare a Osturna, uno ti riporta indietro in Polonia, l’altro attraversando una valle slovacca, entrambi sono belli, facili e brevi, circa 10/12 km per arrivare nella zona di Osturna.


Pianificate un viaggio in Slovacchia? Date un’occhiata a

Osturna: la gemma nascosta dei Carpazi

Ti piace viggiare in bicicletta? Leggi il nostro articolo sul

Cicloturismo in Slovacchia

Itinerari in bicicletta in Polonia: GreenVelo, EuroVelo e altro ancora.

fiume dunajec cicloturismo

Il fiume Dunajec

Mentre la vera origine del fiume Dunajec si trova vicino a Zakopane, dove è conosciuto con un nome diverso, il fiume inizia ufficialmente solo a Nowy Targ, all’incrocio tra due brevi fiumi di montagna, il Czarny Dunajec e il Biały Dunajec (Dunajec bianco e Dunajec nero).

Questo flusso sinuoso scorre per 249 km attraverso la Polonia meridionale, a volte catturato in riserve sceniche (il Lago Rożnów ed il Lago Czorsztynskie). Il fiume Dunajec funge da confine naturale tra Polonia e Slovacchia per 17 km, tagliando la selvaggia catena del Central Pieniny, a est del bacino di Czorsztyn.

È qui che il fiume forma la gola; il massiccio del Trzy Korony con un precipizio di 500 metri, Červený Kláštor e due castelli di Pieniny a Czorsztyn e Niedzica. Il fiume continua quindi il suo corso verso nord, attraversando la città di Nowy Sacz prima di sfociare nel Vistula River in Opatowiec.

fiume dunajec

Le gole del fiume Dunajec 

La gola del fiume Dunajec è circondata da rocce calcaree verticali, alte fino a 300 metri, immerse nell’acqua in mezzo a una vegetazione diversificata e lussoreggiante. Fa parte del Parco Nazionale di Pieniny, fondato dal governo polacco nel 1932.

La gola è lunga circa 18 km, con un percorso ciclabile e pedonale (sterrato) che la attraversa, proprio accanto al fiume, attraverso un paesaggio magico, rigoglioso di alberi che si vestono in colori ipnotici quando arriva l’autunno.

Tra le numerose cime che si vedono svettare da qui, la più famosa è la Trzy Korony (Tre Corone) alta 982 metri, con le sue caratteristiche tre cime. I suoi pendii bianchi interrompono il paesaggio con grande luminosità.

La valle di Dunajec è dominata dal castello di Niedzica, originariamente costruito nel XIV secolo sulla collina. Oggi il castello è circondato dal lago artificiale Czorsztyn ed è uno dei luoghi più pittoreschi della Polonia. Sull’altro lato della riserva ci sono le rovine di un castello medievale, dalle quali il lago prende il nome.

Qui qualche posto per dormire vicino alla gola

gole fiume dunajec

Rafting, Canoa, Kayak, o Packrafting sul fiume Dunajec

Diverse compagnie organizzano i cosiddetti “rafting trips“, i più popolari sono su zattere di legno, ma è anche possibile praticare il kayak. Il viaggio di solito si svolge su cinque zattere di legno, legate insieme e spinte giù dal fiume da due vogatori con pali/remi, spesso vestiti in abiti tradizionali.

Su una zattera sono ammessi fino a 12 passeggeri. La natura è assolutamente spettacolare e la corsa è adatta a tutti, le poche rapide sono facilmente gestite dal timoniere, assolutamente sicure. Il viaggio dura circa 2-3 ore, iniziando nella frazione di Sromowce Wyżne, per concludersi nel villaggio turistico di Szczawnica, a 18 km a valle.

C’è anche una sezione più corta, lunga solo 5 km ma molto panoramica, da Szczawnica a Krościenko e Dunajcem. La gola fa 7 loop in questa sezione, circondati da rocce che raggiungono quasi i 300 metri di altezza. Durante questo viaggio, non dovrai fare altro che rilassarti, guardarti intorno, goderti il panorama e magari abbronzarti. È una piacevole escursione, molto caratteristica, ma non è il vero e proprio rafting.

Qui ci sono alcune escursioni rafting che possono essere prenotate online

Alcuni tour includono anche il trasporto e un paio di soste in luoghi turistici, di solito il Castello Niedzica e la Cappella Debno Podhalanskie del XV secolo – l’unico sito UNESCO della regione.

Quelle sono escursioni di un giorno di circa 7/8 ore. Coloro che cercano attività più emozionanti possono remare a valle in kayak, questa sezione del fiume di 18 km impiegherà circa 2 ore, il fiume è adatto anche per i principianti.

dunajec river cycling path

Le gole del fiume Dunajec, pista ciclabile.

Ci sono molte belle piste ciclabili in Polonia e Slovacchia, che corrono lungo valli fluviali, fiancheggiate da montagne e colline, attraversando foreste primordiali e ampie pianure, seguono antiche rotte commerciali, attraverso piccole città piene di storia.

Tra queste, la pista ciclabile del fiume Dunajec si presenta come una gemma piccola ma luminosa. Gli itinerari ci portano lungo le vecchie alzaie, appena sopra il livello dell’acqua, dove per secoli i cavalli tiravano le barche e le zattere a monte.

La lunghezza della pista ciclabile è di 18 km, aggiungendo 4 km se si inizia a Krościenko nad Dunajcem, la pendenza è assolutamente trascurabile. Concedetevi almeno 90 minuti se volete godervi il posto e magari fermarti a fare qualche foto.

Sebbene fiancheggiata da ripide montagne, la pista ciclabile lungo il fiume è dolce e piacevole, con solo poche brevi pendenze. La strada è sterrata ma molto ben tenuta, facilmente percorribile per tutti, questo è un perfetto viaggio in bicicletta per famiglie.

Le innumerevoli zattere di legno che si muovono su e giù per il fiume aggiungono suggestione all’atmosfera già evocativa della gola. Alcuni anni fa, l’apertura di un nuovo valico di frontiera ha aperto l’accesso ad alcuni sentieri attraverso le colline Pieniny sul versante slovacco.

Per i cicloviaggiatori a lunga distanza, la gola del fiume Dunajec costituisce un perfetto punto di ingresso/uscita tra la Slovacchia e la Polonia, fungendo da ponte che collega due regioni tra le più idilliache dei rispettivi paesi.

 

Cose da vedere nei dintorni

niedzica-castle

La leggenda del Castello di Niedzica 

Questo castello ha 700 anni, è costruito su un’antica roccaforte, prima della costruzione del bacino di Czorsztyn, il castello aveva un abbigliamento piuttosto vampiresco, arroccato su una roccia sopra il fiume Dunajec.

Ci sono sempre state storie e leggende su questo posto, alcune dal timbro piuttosto gotico: torture, omicidi, ecc. Il racconto più famoso al giorno d’oggi riguarda Sebastián Berzeviczy, che ha viaggiato nelle Americhe nel XVIII secolo. La storia dice che ha sposato una principessa inca. La coppia ebbe una figlia che sposò il nipote di un capo dell’insurrezione Inca, Túpac Amaru II.

Túpac Amaru fu giustiziato dagli spagnoli dopo essersi ribellato contro il regime coloniale. Apparentemente, era in possesso di alcune sacre scritture Inca che alla fine finirono nelle mani dei suoi familiari sopravvissuti, cioè la figlia di Berzeviczy, Umina, e suo marito, Andrés Túpac Amaru.

La famiglia fuggì in Italia, dove Andrés fu ucciso in circostanze sospette. Sebastián Berzeviczy, Umina e suo figlio si trasferirono in Ungheria e si stabilirono nel castello. Umina fu assassinata qui qualche tempo dopo. Il testamento del figlio Anton, scritto nel 1797 e conservato nel castello, conteneva presumibilmente informazioni sul tesoro perduto degli Incas.

Un baule di piombo è stato trovato al castello con alcuni scritti “quipu”, ma è stato successivamente perso a Cracovia. L’idea che la mappa di un tesoro Inca possa essere nascosta da qualche parte qui è ancora creduta vera oggi.

Parco Nazionale Pieniny

Le Tre Corone

Parco Nazionale Pieniny 

Costituita da due parchi diversi, suddivisi amministrativamente tra la Slovacchia e la Polonia, questa area protetta relativamente piccola prospera con centinaia di specie di piante, tra cui 640 tipi di funghi e tra le 6.500 e le 15.000 specie animali.

Ci sono molti uccelli, pesci, rettili e anfibi. Tra i mammiferi, il predatore più importante è la lince, mentre la lontra prospera sulle rive del Dunajec.


Krościenko nad Dunajcem

Uno dei più antichi insediamenti nella parte polacca dei Monti Pieniny, la storia di Kroscienko risale alla fine del 12° secolo. Negli anni’ 30, grazie alle sue acque minerali, Krościenko fu ufficialmente riconosciuta città termale, diventando una popolare località turistica dove le case degli ospiti e le terme proliferavano.

Krościenko e Dunajcem hanno numerose attrazioni turistiche che includono il Museo del Parco Nazionale di Pieniny, una Chiesa del XIV secolo ricostruita in stile barocco nel 1589, i sentieri nei monti Pieniny, percorsi per mountain bike per tutti i livelli. C’è una buona scelta di alloggio, dagli hotel alle case vacanza. In inverno, gli impianti di risalita di Szczawnica-Palenica sono disponibili a 6 km di distanza.

qui qualche bell’hotel nella città di Kroscienko

Szczawnica

La città resort Szczawnica

A pochi passi da Kroscienko, Szczawnica è un altro villaggio turistico dove grazie alla presenza di sorgenti termali alcaline e condizioni climatiche favorevoli vengono trattate molte malattie del tratto respiratorio e del tratto digerente.

Szczawnica è anche una località sciistica, numerosi i sentieri e le piste, il più lungo (2 km) si trova a Palenica, ed è dotato di un impianto di risalita per 4 persone.

Szczawnica è una delle tra le più antiche e belle città resort della Polonia, ci sono sorgenti di dodici acque minerali acide, le cui proprietà curative furono menzionate per la prima volta nel XVI secolo. Tutt’oggi, le loro proprietà curative attirano pazienti da tutto il mondo.

Cerca una sistemazione nella città di Szczawnica


Sromowce Wyżne

All’altra estremità della gola c’è il piccolo villaggio di Sromowce Wyzne. Se vi capita di passare un po’ di tempo qui provate a visitare la Camera regionale organizzata dalla cerchia locale delle casalinghe rurali e la chiesa di San Stanisława, accanto alla quale ci sono i monumenti dei suoi fondatori.

Il paese ospita feste estive con esibizioni di gruppi regionali. C’è anche un museo sulle tradizioni dell’altopiano. Vicino al villaggio si trovano lo skilift Polana Sosna e la centrale idroelettrica di Niedzica.

Osturňa Slovacchia

Osturna

Anche se non esattamente nelle vicinanze, il villaggio di Osturna merita sicuramente una deviazione. Osturna è un luogo fiabesco e rilassante con una storia interessante e le scintille residue di una cultura unica, che giace a 700 metri sul livello del mare in mezzo a una splendida valle. Questo villaggio di nove chilometri è abitato solo da 390 persone.

Queste persone sono Rusyns, una minoranza etnica diasporica con una storia complessa e un’architettura affascinante, 157 delle sua strutture in legno sono riconosciute come un tesoro nazionale. Pedalare attraverso Osturna è un salto di 10 km in un universo parallelo.

Sono disponibili alcune sistemazioni accoglienti ed economiche, un bar tradizionale e un piccolo supermercato.

Se vuoi saperne di più su Osturna leggi qui


 

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media
Disclosure: Some of our articles may containg affiliate links, that means we might receive a small percentage compensation if you purchase one of the linked product whitin a ceratin time frame. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.