Stanforth Bikes Best for Touring

Cycloscope are proud users of the best touring bikes in the world

Osturňa

Osturna, Slovacchia: storia, architettura, cosa vedere, dove dormire.
Una guida ad una gemma nascosta dei Carpazi.

Ci sono molte piccole e nascoste gemme in Slovacchia, una che ci sentiamo davvero di raccomandare è il villaggio delle fiabe di Osturna, vicino al confine polacco (vedi mappa).

Questo è stata una delle più belle giornate del nostro intero viaggio in bici di 5 mesi in Europa, una giornata piena di meraviglie, un’area della Slovacchia da non perdere quando ci si trova da queste parti.

Osturňa è l’insediamento più occidentale del Lemkos. Sono tradizionalmente ortodossi, usano la scrittura cirillica e conservano un’architettura unica e meravigliosa.

Perchè non pedalare un po’ in Slovacchia?

O andare nella bellissima Polonia lungo il circuito EuroVelo o altri itinerari ciclabili

Osturna Slovacchia

Su Osturna

Osturna è un paesino rilassato con una storia interessante e le residue scintille di una cultura unica, che giace a 700 metri sul livello del mare al centro di una splendida valle. Questo villaggio di 9 chilometri di lunghezza è abitato solo da 390 persone.

Queste persone sono Rusyns o Gorals, un gruppo che fa parte di una minoranza etnica diasporica con una storia complessa, della quale parleremo più avanti, ed un’architettura affascinante.

Sono i discendenti dei Rusyn (Ruteni, Lemkos), ad oggi è una minoranza nazionale riconosciuta in Slovacchia, ma la loro identità distinta non è mai stata ufficialmente accettata dai paesi nei quali hanno sempre vissuto, come Polonia, Russia, Austria, Ungheria ed Ucraina.

Le 157 strutture in legno che compongono il borgo di Osturna sono riconosciute come tesoro nazionale. Attraversare Osturna è un salto di 9 km in un universo parallelo, ma ci sono anche molti ragioni per pernottare qui, e perché no, farla diventare la vostra base per esplorare i Monti Tatra, una delle regioni più belle della Slovacchia.

etnia Lemko

etnia Lemko

Rusyns, Goral, o Lemko? Etnie di Osturna

Per quanto possiamo capire, gli abitanti di Osturna sono Lemko, un sottogruppo etnico dei Goral, che a volte sono sovrapposti ai Rusyn.

Il nome Rusyn spesso non venne riconosciuto dai vari governi, in altri casi è stato formalmente proibito. Delle circa 1,2 milioni di persone di origine Rusyn, solo 90.000 persone sono state ufficialmente identificate come tali. Ciò è dovuto, in parte, al rifiuto di alcuni governi di contare i Rusyn presenti nei loro stati e/o consentire loro di autoidentificarsi durante il censimento, specialmente in Ucraina.

I Goral (letteralmente “highlander” ovvero “chi abita in montagna”) sono un gruppo etnico che si trova principalmente, e tradizionalmente, nella Polonia meridionale, nella Slovacchia settentrionale e nella regione della Cieszyn Silesia, nella Repubblica Ceca (galli Silesia). Vi è anche stata una significativa diaspora di Goral nell’area della Bucovina, nell’Ucraina occidentale e nel nord della Romania, così come oltreoceano: a Chicago c’è la sede dell’Alleanza degli Highlanders polacchi del Nord America.

Ciò che distingue la cultura Lemko è la loro profonda dedizione al cristianesimo orientale, introdotto agli slavi da Bisanzio nel IX secolo. La maggior parte dei Lemko di oggi sono cristiani ortodossi o cattolici di rito bizantino. Ad Osturna gli abitanti sono fedeli alla Chiesa ortodossa orientale.

osturna storia

Osturna: Storia e Geografia

Osturňa si trova nella valle di Osturniansky Potok (Fiume Osturňa), separata dal resto della Slovacchia da dorsali montuose. La Polonia è appena dietro il crinale più piccolo a nord, in effetti uno dei modi più diretti per arrivare qui è dalla città di Kacwin.

Entrambi i villaggi appartengono alla stessa regione – Spisz / Spiš che nel 1918 fu divisa tra due paesi neonati, la Polonia e la Cecoslovacchia.

Fondato nel 1313 sulle proprietà del castello di Niedzica, il villaggio di Osturna fu originariamente colonizzato da ruteni (lituani) provenienti dalla regione di Lemko, nella Polonia meridionale. Osturna è menzionata per la prima volta in documenti storici nel 1593.

I Rusyn avevano lottato per la loro indipendenza per secoli, e formarono due stati di breve durata dopo la prima guerra mondiale: la Lemko-Rusyn Republic e la Komancza RepublicAlcuni dei fondatori della Repubblica di Lemko-Rusyn sono stati condannati a morte o imprigionati dal pubblico ministero Kost Levytsky, futuro presidente della West Ukrainian National Republic.

Durante la seconda guerra mondiale, la Germania nazista cercò di germanizzare i Gorali, insieme agli estoni, ai lettoni e ai lituani, includendoli nei piani di reinsediamento.

Sotto le leggi razziali naziste, i russi bianchi, i gorali e gli ucraini erano considerati “indesiderabili”, e quindi soggetti a statuti speciali (riguardo il diritto del lavoro e della polizia) nei territori occupati dell’Europa orientale, sebbene in misura più mite rispetto ad altre etnie non tedesche.

Un numero variabile tra i 130.000 e i 140.000 Lemko vivevano nell’area nel 1939. Purtroppo, dopo il 1947, nessun villaggio Lemko sopravvisse a nord dalle montagne dei Carpazi (sul lato polacco e anche in Ucraina, più a est).

Queste persone furono soggette a reinsediamento forzato, inizialmente in Unione Sovietica (circa 90.000 persone) e in seguito alle terre occidentali acquisite dalla Polonia (circa 35.000). Inoltre, furono vittime dell’ Operazione Vistula alla fine degli anni ’40.

Si trattava della rimozione della popolazione civile da parte dello stato, in un’operazione di contro-insurrezione per rimuovere il potenziale sostegno alla guerriglia condotta dall’esercito ribelle ucraino (UPA) nella Polonia sud-orientale. Lo scopo dell’operazione era di sbarazzarsi dei gruppi partigiani che continuavano a combattere contro i sovietici dopo la Seconda Guerra Mondiale, trasferendoli e dividendoli.

Almeno, nella Polonia comunista, molti dei Lemko migliorarono la loro qualità di vita (ricevendo fattorie post-tedesche, generalmente più grandi, case di mattoni, acqua corrente) – esattamente il contrario di quanto accadde ai Lemkos nell’Ucraina sovietica che, nello stesso periodo , furono deportati in Kazakistan e in Siberia e costretti ad una vita in povertà estrema.

Mentre circa 5.000 famiglie Lemko ritornarono tra il 1957 e il 1958 (ricevettero ufficialmente il diritto di ritornare nel 1956), la popolazione di Lemko nella zona conta oggi solo circa 10.000-15.000. Altri 55.000 Lemkos vivono in altre zone della Slovacchia.

osturna architettura slovacchia tradizionale

Una peculiare architettura

Enigma affascinante è la tradizionale architettura vernacolare di Osturňa, oggi protetta dal governo slovacco. La vernacular architecture of the Carpathians attinge a risorse ambientali e culturali per creare disegni unici.

Il termine architettura vernacolare si riferisce all’architettura popolare non professionale, compresa quella dei contadini. Nelle montagne carpatiche e nelle colline circostanti, legno e argilla sono i materiali da costruzione tradizionali primari. L’architettura in stile Zakopane, istituita alla fine del 19° secolo, è considerata una tradizione Goral ed è diffusa nella regione di Podhale.

I dettagli variano da locale a locale, ma la maggior parte delle case in quest’area è tradizionalmente una pianta rettangolare a un piano; una o due stanze; un camino centrale; un timpano, tetto a padiglione, esterni intonacati e decapitati.

I materiali vengono acquistati localmente, legno (solitamente quercia), fango, paglia, pietra da campo, calce e sterco animale. I tetti sono tipicamente rivestiti di legno, con occasionali eccezioni costituite da paglia di segale. Gli edifici di Osturna sono fatti di tronchi orizzontali, dentellati per tenerli insieme.

La maggior parte delle case sono intonacate all’interno e all’esterno per prevenire l’umidità, migliorare l’isolamento, nascondere le imperfezioni nella costruzione e per l’intimità generale.

L’intonaco tradizionale è fatto di argilla, acqua, sterco o paglia. Si possono applicare più mani per creare una finitura liscia, quindi vengono rivestite con calce e acqua per ottenere un piacevole colore bianco e proteggere l’argilla dalla pioggia.

I tetti di paglia sono tradizionali ma la loro popolarità è in calo a causa del pericolo di incendio. I pavimenti di terra battuta sono comuni anche se al giorno d’oggi la maggior parte delle case ne ha uno in legno. Il centro della casa è dominato da un tradizionale forno in argilla.

157 delle strutture in legno di Osturna sono riconosciute come un tesoro nazionale dal governo slovacco. Nel villaggio c’è anche una delle pochissime chiese ortodosse della zona.

hotels in osturna

Goralska Drevenica, la nostra homestay ad Osturna

Dove dormire ad Osturna

Per fortuna non ci sono grandi alberghi a Osturna, sono disponibili alcune sistemazioni accoglienti e ben arredate. La maggior parte sono in stile tradizionale vernacolare, quindi potrai ammirare l’architettura di Osturna dall’interno. Siamo stati al Goralska Drevenicaun cottage molto accogliente con 3 camere, una cucina/soggiorno molto bella e un bellissimo giardino con vista.

Non ci sono campeggi ufficiali in Osturna, il campeggio selvaggio è legale in Slovacchia, potresti provare ad arrivare alla foresta o chiedere ad alcuni locali di piantare la tenda sul loro terreno.

C’è un piccolo supermercato nel villaggio, ricordate che il villaggio è molto allungato, quindi potrebbe essere un po’ troppo lontano a piedi.

Date un’occhiata a tutte le guesthouses nella zona di Osturna


Mappa degli hotel a Osturna

 

Come arrivare ad Osturna

Siamo arrivati ​​qui in bicicletta, provenendo dalla gola del fiume Dunajec, al confine con la Polonia, molto vicino agli Alti Tatra, questo è davvero il punto di ingresso/uscita perfetto per chi va in bicicletta da/per la Polonia. C’è una pista ciclabile non asfaltata ma ben tenuta (che è anche un sentiero escursionistico), lunga circa 20 km, che in realtà si estende principalmente sul lato polacco.

La gola ha stupende scogliere calcaree bianche ed è ricoperta da una vegetazione davvero affascinante quando dipinta dai colori autunnali. Il sentiero termina sulla punta meridionale del lago Czorstyn (Jezioro Czorsztynskie), un serbatoio artificiale di bell’aspetto.

Da lì, ci sono due modi per arrivare a Osturna, uno ti riporta indietro in Polonia, l’altro attraversando una valle slovacca, entrambi sono belli, facili e brevi, circa 10/12 km per arrivare alla zona di Osturna.

Da qui, la strada sale in direzione sud lungo una bella e solitaria strada verso il passo a 1.126 m slm, vedrai prima il massiccio Hight Tatra e poi finalmente il Passo Ždiar dall’alto. Questa parte è un po’ sudata specialmente alla fine, con pendenze fino al 9% (vedi mappa).


Cosa vedere a Osturna

Oltre a passeggiare per l’intera lunghezza del villaggio (che prenderà il massimo di una giornata), le cose da fare a Osturna sono per lo più attività per amanti della natura.

Ci sono diversi sentieri escursionistici che possono essere raggiunti a piedi, mentre per quelli con mezzi di trasporto (che si tratti di auto, furgone, moto, bicicletta o qualsiasi altra cosa) le opzioni sono infinite, e il villaggio potrebbe diventare la base perfetta per esplorare il dintorni.

Il foraggiamento è sicuramente una bella cosa da fare qui, in autunno sii pronto per molti funghi. Da non perdere una visita al pub (nº 159, Jan Pavlik, Pri Mlyne). Ti sentirai come negli anni ’80 sovietici.

 

 

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media
Disclosure: Some of our articles contain affiliate links, that means we might receive a small percentage compensation if you purchase one of the linked product whitin a ceratin time frame. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.