Last Updated on

Queste 10 cose ti faranno desiderare di essere rimasto a casa:
quello che odio del viaggio in bicicletta

Certo che amiamo il viaggio in bicicletta, ha letteralmente cambiato le nostre vite, e ora non possiamo davvero vedere noi stessi a fare altro. Da quando abbiamo iniziato a vivere sulla strada ci sentiamo molto meglio, sia fisicamente che psicologicamente, conosciamo molte più cose sul mondo e su noi stessi, abbiamo trovato opportunità di guadagno on the road che non avremmo mai pensato esistessero, e nel complesso siamo semplicemente più felici .

Ma nonostante questo, ci sono alcune cose che odiamo del cicloturismo, non sono molte e di sicuro non ci impediranno di continuare a pedalare in bicicletta per il mondo. Ma eccole, ricordandoci sempre che nulla è perfetto, nemmeno il viaggiare in bicicletta.

Ti potrebbe interessare anche

30 regole da seguire durante un viaggio in bicicletta

17 miti da sfatare sul cicloturismo – le 9 storie più assurde dai nostri 2 anni di viaggio in bici


10 cose che odio del viaggio in bici

cose che odio viaggio in bici

depressione post-viaggio

1. La depressione post-viaggio

Seriamente merita il numero 1. Ogni volta che mi fermo dal viaggiare, specialmente se torno alla mia casa natale (la casa dei miei genitori, dato che non ho più una casa mia), vengo letteralmente preso d’assalto da un sentimento cupo, avvolto nell’apatia, niente mi interessa, non c’è una sola cosa che voglio fare tranne sdraiarmi sul divano, magari leggendo un libro.

Questo non succede quando faccio una pausa, ma sono ancora all’estero, ma solo quando torno in Italia. Non ho ancora trovato una soluzione a questo … o forse l’ho trovata, basta continuare ad andare in bicicletta ed esplorare il mondo.

Disclosure: Some of our articles contain affiliate links, that means we might receive a small percentage compensation if you purchase one of the linked product whitin a ceratin time frame. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running. (as an Amazon affiliate I earn from qualifying purcheses)
cose che odio cicloturismo

Una giornata di pioggia in Malesia

2. Pioggia

La pioggia può assumere molte forme, e non tutte sono cattive per me. I brevi acquazzoni tropicali del Sud Est Asiatico sono spesso più che benvenuti: ti sciacquano dal sudore, abbassano la temperatura della strada, coprono il sole implacabile, creano una bella pausa e contribuiscono al benessere generale del ciclismo.

Ma quando il clima è più freddo e la pioggia non si ferma per ore o giorni, quando tutto quello che indossi è bagnato, i tuoi piedi schizzano dentro le scarpe, l’acqua ti passa sopra gli occhi rendendoti faticoso a vedere la strada … questi sono i momenti nei quali quasi quasi desidero tornare a casa.

Stanforth Bikes Best for Touring

Cycloscope are proud users of the best touring bikes in the world

traghetto mar nero

Un ubriaco molesto molesto sulla nave attraverso il Mar Nero

3. Gente molesta

Questa è, sfortunatamente, una delle cose peggiori, non posso nemmeno immaginare quanto annoiante, e talvolta anche spaventoso per le donne che pedalano da sole. Molte volte durante i nostri viaggi, specialmente (ma non solo) quando c’è una certa distanza tra noi due, sono arrivati dei bastardi che hanno iniziato a molestare Elena, per lo più verbalmente ma alcune volte anche fisicamente.

Alcuni paesi sono più inclini a questo comportamento, con l’Italia come una dei peggiori, insieme all’Azerbaigian, all’Indonesia e persino al Laos.

In Azerbaijan, alcuni ragazzi si sono spinti fino a chiedermi il prezzo della mia compagna, sarebbe finita molto male.

È incredibile e così triste vedere quanti teste di cazzo ci sono in tutto il mondo.

ciclismo male sedere

Photo Credit @Revolution_Ferg

4. Male al sedere

Nessuna sella di lusso né costoso gel hi-tech ti farà risparmiare la maledizione più famosa del ciclista: il dolore al culo. Pedalare molto è l’unica cosa che aiuta, le ossa si adattano alla sella e in qualche modo il dolore è alleviato, almeno per i primi 70 / 80km. Ci sono voluti 3 mesi di guida quotidiana per sbarazzarci del mal di sedere, e una volta che ti fermi per un po’, devi ricominciare di nuovo tutto da capo.

La posizione sulla bici e lo stile di guida possono aiutare un po’, il tuo peso non dovrebbe mai essere caricato sul perineo ma dovrebbe rimanere sulle gambe, con il resto del peso sul manubrio. Questo non è sempre facile da fare, una volta che ti stancherai inizierai naturalmente a rilassarti e a spostare il peso del tuo corpo proprio sulla sella. Ecco perché andare in salita è meno doloroso, perché stai costantemente spingendo sui pedali … quindi, meno pianura e più montagne è la risposta … o assumi una posizione sdraiata con una bici reclinata.

things I hate about bike touring

Image rights CC @Tiia Monto

5. Animali spiaccicati sul ciglio della strada

“Sali in libertà sulla tua bici!”, dicono. “Il modo perfetto per avvistare la fauna selvatica”, aggiungono. Sì, certo, carcasse per lo più in decomposizione sul ciglio della strada. In due anni avremo visto almeno cento diverse specie, scimmie, uccelli, enormi serpenti, varani, tartarughe, rane, roditori, cervi … tutti uccisi dalle macchine e lasciato marcire. Non riesco nemmeno a immaginare quanti animali selvatici muoiono in questo modo ogni anno, senza menzionare cani e gatti.

La verità è che abbiamo visto anche alcuni esemplari viventi, il raro hornbills in Brunei, gli orsi della luna in Giappone, la dusky leaf monkeys (langur) in Thailandia, criceti delle steppe in Qinghai (Cina), e molti altri tipi di serpenti, insetti, uccelli e quant’altro … quindi è vero, vedrai la fauna selvatica quando vai in bicicletta, una bicicletta silenziosa non li spaventa e, cosa più importante, non li uccide.

ragazzi in macchina

Solo alcuni ragazzi che si fermano a chiederci se abbiamo figli

6. Rispondere alle stesse identiche domande

Otkuda, otkuda?” che significa “da dove vieni?”, “Dieti iest, dieti?” che significa “Hai figli?” sono le prime frasi in russo che imparerai mentre vai in bicicletta in Asia centrale … ma non preoccuparti, sentirai le stesse identiche domande ovunque. Altre sono: “sei sposato?”, “perché stai facendo questo?”, “dove stai andando?”, “dove dormi?”, “quanto costa la tua bici?”.

Sicuramente è bello connettersi con la gente del posto, ma a volte è così noioso ripetersi centinaia di volte al giorno, specialmente in alcuni Paesi, come ad esempio in Kazakhstan, dove letteralmente ogni macchina che si passa ferma per interrogarti. Fortunatamente non ci sono così tante macchine in Kazakistan.

Abbiamo incontrato un ciclista in viaggio in Kirghizistan che aveva decine di copie dello stesso testo, in russo, su quel pezzo di carta c’erano le risposte a tutte le domande più comuni. Li conservava in tasca e li distribuiva come volantini a tutte le persone che si avvicinavano con le loro macchine o motociclette, idea brillante.

autobus sorpassa ciclisti

image @NPS Photo / Kent Miller

7. Gli autisti degli autobus

Cosa c’è di peggio del pedalare lungo strade trafficate? La risposta è: pedalare in una strada trafficata piena di pullman. Gli autobus turistici sono il peggior compagno con cui condividere la strada nella nostra esperienza, non sappiamo davvero perché.

Generalmente riceviamo rispetto dai camionisti, che per la maggior parte dei casi ci danno molto spazio quando sorpassano e spesso ci salutano. Meno spesso dalle auto che in media tendono a tagliare la strada quando ci sorpassano, e si attaccano ai nostri culi quando semplicemente non possono superare … ma i conducenti di autobus turistici sono innegabilmente i peggiori, almeno secondo le nostre statistiche, che ora si basano su un campione piuttosto significativo.

Forse hanno tutte le ragioni per essere stressati, trasportando dozzine di turisti che possono essere fastidiosi, maleducati, a volte pretenziosi e rumorosi, mentre percorrono strade tortuose per ore ogni giorno. Ma il modo in cui di solito passano a pochi centimetri da noi, quasi come se non esistessimo, ci fa sempre pensare due volte a percorrere certi percorsi dove sappiamo che ce ne sono molti. Cosa pensate dei conducenti di pullman?

Felici possessori di un visto Cinese

Felici possessori di un visto Cinese

8. Visti

Essendo italiani avere a che fare con i visti è di solito piuttosto semplice per noi, il passaporto italiano è uno dei passaporti più forti del mondo, con un punteggio di 161, il che significa che non ci viene richiesto di richiedere il visto in 161 paesi!

Non possiamo neppure immaginare come sia per i cittadini di paesi con passaporti più deboli, come la Cina, le Filippine, l’Uzbekistan e molti altri. In sostanza, oltre l’85% della popolazione mondiale deve subire stressanti problemi burocratici per recarsi semplicemente in viaggio in altri Paesi.

Tuttavia, trattare con il mondo dei visti è fastidioso anche per noi. Ogni volta che devi richiedere o estendere il visto, sei costretto ad aspettare giorni e giorni, bloccato in città trafficate e a volte costose, mentre vorresti trovarti nella campagna selvaggia, senza nemmeno menzionare le tasse da pagare, la necessità di documenti che a volte sei obbligato a falsificare, come biglietti aerei, prenotazioni alberghiere, estratti conto bancari e simili.

Tuttavia, siamo molto grati di essere tra i pochi fortunati.

tunnel ciclismo

Un lungo tunnel in Cina, ma questo era molto ampio e ben illuminato

9. Lunghi e bui tunnel

Ci sono stati alcuni momenti durante il nostro viaggio nei quali ci siamo sentiti in pericolo, ma non abbiamo mai avuto una tale sensazione di morte imminente come quando abbiamo attraversato alcuni tunnel lunghi e bui in Giappone, ed anche in qualche altro Paese.

Anche con le luci della bici, questi tunnel erano molto pericolosi, sappiamo che i conducenti non si aspettano biciclette ingombranti, e le gallerie erano così strette che in pratica significava che le auto e gli autobus turistici malvagi, ci hanno quasi toccato quando passavano.

Abbiamo finito per fermare le auto davanti all’ingresso dei tunnel chiedendo loro di scortarci standoci dietro con le luci di emergenza accese.

cicloturismo Laos

Fango in Laos

10. Fango

Le strade rocciose sono fastidiose, la sabbia è dura, gli washboard ti dividono il cervello dal cranio, ma il fango è un vero inferno. Trascinando una bicicletta a pieno carico attraverso fango fitto è come immagino la vita dei ciclisti dannati nelle profondità dell’Inferno.

E come se un giorno nel fango non fosse abbastanza, alla fine devi passare un paio d’ore per pulire la tua bici da tutto ciò.


Ti potrebbe interessare anche

30 regole da seguire durante un viaggio in bicicletta

17 miti da sfatare sul cicloturismo – le 9 storie più assurde dai nostri 2 anni di viaggio in bici

oppure

10 destinazioni facili per il tuo primo viaggio in biciclettacome iniziare a viaggiare in bicicletta

quanto costa pedalare per il mondocome trovare sponsor per la tua avventura a lungo raggio

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.