Stanforth Bikes Best for Touring

Cycloscope are proud users of the best touring bikes in the world

viaggio Norvegia bici

Norvegia in bicicletta – La guida completa per Cicloturismo e Bikepacking.

Completa di mappe degli itinerari più belli della Norvegia

La Norvegia è la destinazione europea per eccellenza per tutti i tipi di ciclisti. Viaggiatori esperti in bicicletta, ciclisti da strada, appassionati di mountain-bike: tutti si troveranno ad affrontare le difficoltà della pianificazione di un viaggio in bicicletta in Norvegia.

La Norvegia ha certamente tutto ciò che serve sia per fare una breve vacanza in bicicletta sia per il viaggio in bici della vita, ma naturalmente il meglio lo riserva a chi è disposto ad accettare tutte le sfide che questo paese offre. E le sfide sono sicuramente molte, feroci ma gratificanti.

Ci sono molte cose da considerare quando si pedala in Norvegia, in questo articolo del blog cercheremo di coprirle tutte e di essere i più completi possibile. Non esitate a contribuire nella sezione commenti per migliorare questo articolo.

Mappa dei luoghi da vedere in Norvegia – meraviglie naturali e strade sceniche

La Norvegia è scenica ovunque, qui abbiamo raccolto alcuni dei luoghi più importanti per avere una rapida panoramica ed iniziare a organizzare il tuo viaggio in bicicletta. Alcuni itinerari sono descritti di seguito in questo articolo, approfondiremo i dettagli di ognuno in una serie di articoli in arrivo.

Clima in Norvegia (e quanto condiziona un viaggio in bici)

In Norvegia, il clima è raramente amico del ciclista avventuroso, noi stessi abbiamo perso il morale dopo diversi giorni di pioggia incessante.

La Norvegia è molto estesa in latitudine, ha una costa frastagliata, altipiani e catene montuose, quindi ci sono diverse fasce climatiche da tenere in considerazione.

Il clima lungo la costa atlantica norvegese è umido, caratterizzato dal frequente passaggio di fronti meteorologici, di conseguenza nuvole, pioggia e vento dominano i cieli della costa tutto l’anno. Le previsioni per questa regione sono molto imprevedibili, potrebbe piovere a dirotto proprio sopra la tua testa mentre dall’altra parte del fiordo, a soli 200 metri di distanza, il sole potrebbe risplendere attraverso un doppio arcobaleno. Questo rende i cieli della Norvegia davvero epici con i loro colori affascinanti, ma porteranno con loro anche un sacco di bestemmie e giorni miserabilmente umidi e nebbiosi. Fortunatamente la Corrente del Golfo influenza “positivamente” le temperature, rendendole più miti che nelle zone interne, specialmente in inverno quando raramente scendono sotto i -7° C. L’area di Bergen è tra le più piovose al mondo, con una precipitazione annuale di circa 2.200 millimetri.

Le regioni della costa settentrionale, del Finnmark e della provincia di Tromso, compreso Capo Nord, si trovavano interamente nel circolo polare artico, le precipitazioni e il clima qui sono molto simili alla costa atlantica, forse un po’ meno umida ma leggermente più fredda. Anche qui le temperature non diventano mai insopportabili, ma i venti soffiano più forte.

La costa meridionale, invece, è più temperata e meno umida, con una media di giornate di sole più alta, mentre la regione di Oslo ha un clima baltico, con estati più calde ed inverni più freddi. Le regioni interne, lungo il confine svedese, hanno un clima continentale, con inverni freddi e nevosi ed estati brevi e miti.

Tipicamente l’interno è coperto da colline e montagne, la temperatura diminuisce con l’altitudine trasformandosi in clima montano anche a quote non così elevate. La neve in Norvegia è piuttosto bassa, circa 1.500 msl. Il Finnmark meridionale è considerato parte della Lapponia, con un’esplosiva estate corta e lunghi inverni gelidi (qui sono state registrate le temperature più fredde in Norvegia, -50 ° C nel 1999)

bici Norvegia

Periodo migliore per pedalare in Norvegia

Sebbene gli inverni nella maggior parte della Norvegia siano più secchi delle estati e non così freddi, l’estate resta la stagione migliore per il ciclismo in Norvegia.

Le giornate invernali sono troppo brevi per un paese così grande, e pedalare in notti polari ti priverà dell’orgasmo visuale del paesaggio (certo, potresti essere deliziato da qualche aurora boreale).

Le giornate estive sono invece infinite, il sole non tramonta a Tromso dal 21 maggio al 21 luglio. Lunghi giorni anche a basse latitudini consentono una maggiore distanza percorribile in bicicletta, più tempo per la fotografia, oltre all’esperienza di un tramonto senza fine e all’alba senza fine chiamato Sole di Mezzanotte.

strade più belle Norvegia

Strade della Norvegia

La maggior parte delle strade in Norvegia sono perfettamente asfaltate ma strette, le corsie di emergenza laterali sono un miraggio. Il paese è un continuo saliscendi, anche se non troppo impegnativo al di fuori delle zone montuose meridionali, ma avrete ancora bisogno di buone gambe per andare in bicicletta in Norvegia, non è esattamente un paese per principianti.


Traffico sulle strade norvegesi

A causa della mancanza di autostrade adeguate nel paese, il traffico motorizzato potrebbe essere da medio-pesante a pesante nelle strade principali durante l’alta stagione, tra seconda metà di luglio ed inizio agosto o nel periodo natalizio. La strada 7, ad esempio, è la principale connessione tra Oslo e Bergen ed è stata per noi una strada da incubo durante le festività nazionali di luglio. Lo stesso vale per E10 che attraversa le superturistiche isole Lofoten. Le strade contrassegnate con E (europee) sono generalmente più trafficate, sebbene meno nelle regioni settentrionali.


Piste ciclabili

Considerando come la Norvegia “avanzata” e “verde” viene immaginata e considerata (e ama considerarsi), ci sono sorprendentemente pochi percorsi ciclabili a lunga distanza, se non la completa assenza. Oltre alla Rallarvagen, l’unica pista ciclabile che abbiamo visto è quella che collega l’aeroporto di Oslo con il centro città, un percorso dedicato di 56 km che conduce nel cuore della capitale norvegese.

La Eurovelo 1 route, lungo la costa atlantica dell’Europa, ha una sezione norvegese che collega Bergen a Capo Nord. Questa è comunque per il 99% su strade principali, spesso su strade a traffico medio-pesante, e mal segnalato.

tunnel Norvegia sicurezza

I temuti ed infami tunnel norvegesi

Dato il suo paesaggio aspro, le strade norvegesi sono spesso costrette a scavare tunnel per superare fiordi e montagne. Ci sono oltre 1.000 tunnel nel paese, alcuni sono tra i più lunghi del mondo.

I tunnel sono una vera seccatura quando si pianifica un percorso attraverso la Norvegia, per fortuna i ragazzi dietro a CycleTourer hanno messo insieme una mappa di tutti i tunnel del paese, sarà la vostra migliore amica quasi ogni giorno. Date un’occhiata qui.

Potremmo dividere i tunnel norvegesi in 3 categorie:

  • Tunnel vietati ai ciclisti – questi sono i più lunghi e ce ne sono molti. A volte ci sono strade alternative che girano attorno al tunnel all’esterno, altre volte, invece, dovrai chiedere un passaggio o prendere un costoso autobus per attraversarlo. (questi tunnel sono contrassegnati in rosso).
  • Tunnel consentiti ma pericolosi – a volte lunghi e scarsamente illuminati (contrassegnati in giallo).
  • Tunnel che vanno benissimo in bicicletta (contrassegnati in verde).

Alcuni tunnel hanno uno speciale sistema che avvisa i conducenti della presenza di un ciclista. Tutto quello che devi fare è fermarti e premere un pulsante prima di entrare nel tunnel, si accenderà una luce oltre a un cartello che dice “Syklist i tunnel”. L’abbiamo visto solo a Senja, dove erano disponibili anche giubbotti riflettenti gratuiti (in una scatola proprio accanto al pulsante) da restituire alla fine dei tunnel, sempre mettendolo nell’apposita scatola.

Non tentare di attraversare tunnel proibiti, quasi sicuramente incorrerai in una grossa multa, oltre a rischiare seriamente la tua vita. I tunnel più lunghi, inoltre, potrebbero contenere grandi quantità di monossido di carbonio per via dei fumi dei veicoli e a causa della scarsa ventilazione.

rallarvagen norvegia

Geografia della Norvegia

La Norvegia era coperta di ghiaccio durante l’ultima era glaciale circa 10.000 anni fa. Lo scioglimento dei ghiacciai ha formato isole, laghi, fiumi, fiordi e montagne. I laghi di acqua dolce sono infatti molto comuni in tutto il paese, sono oltre 150.000.

Quasi tutta la costa (oltre alla costa meridionale) viene attraversata dai fiordi, rendendo il paesaggio una meraviglia sempre in evoluzione ma rallentando parecchio chi viaggia in bici a causa delle strade costantemente tortuose e dell’enorme quantità di attraversamenti in traghetto necessati per farsi strada lungo la costa Atlantica.


Montagne in Norvegia

Le montagne più alte si trovano nelle regioni meridionali tra Bergen e Kristiansund, nella zona centro-orientale. Anche se solo poche cime raggiungono i 2.000 msl, le montagne norvegesi sembrano e si comportano come montagne molto più alte, con paesaggi spettacolarmente aridi e un clima che cambia rapidamente.

Le catene montuose più importanti sono Jotunheimen (la più alta), il Parco Nazionale Hallingskarvet (attraversato dalla famosa pista ciclabile Rallarvagen), Breheimen e Reinheimen. Più a nord, le montagne scandinave hanno altitudini molto più basse, non superano i 1.500 msl e creano il confine naturale con la Svezia.

Natura Norvegia

Vegetazione

L’altitudine del limite del bosco scende sempre più andando verso latitudini più elevate; nel nord del Finnmark (la regione più settentrionale della Norvegia), il treeline raggiunge il livello del mare.

Il limite del bosco è anche più basso vicino alla costa e più in alto sulle pendici orientali delle montagne. Le foreste coprono poco più di un quarto della superficie terrestre della Norvegia. Si tratta principalmente di foreste di latifoglie nelle zone costiere della Norvegia meridionale e sud-occidentale, le specie principali sono la betulla, la cenere, il nocciolo, l’olmo, l’acero e il tiglio, ma in alcune località si possono trovare querce, tassi e agrifogli. Ad est e a nord, le foreste contengono un numero crescente di conifere. Spesse foreste di conifere boreali si trovano nelle regioni costiere e nelle valli della Norvegia orientale e centrale. Queste foreste sono dominate dal pino silvestre e dall’abete rosso, ma contengono anche betulla, ontano, pioppo tremolo e cenere di montagna. Le bacche selvatiche, come il mirtillo, il mirtillo rosso (il frutto del mirtillo di montagna) e il rovo, crescono nella maggior parte delle aree boschive. Nell’estremo nord e ad alte quote si trovano le regioni della tundra (da Countriesquest.com)

Solo le zone più settentrionali del Finnmark sono considerate tundra, sebbene a nord di Trondheim e lontano dalla costa il paesaggio sia per lo più senza alberi con poche betulle basse e contorte come unica specie di albero.

vegetazione norvegia


Ghiacciai in Norvegia

Insieme all’Islanda, la Norvegia ospita i pochi ghiacciai dell’era glaciale rimasti in Europa, tra cui Folgefonna, Svartisen, Hardangerjokulen e Jostedalsbreen – il più grande ghiacciaio della massa continentale dell’Europa continentale.

Le forme dello Jostedalbreen possono essere viste dalla strada vicino a Skei (alcuni tunnel proibiti, comunque), mentre l’Hardangerjøkulen è chiaramente visibile dall’imperdibile Rallarvagen. Lo Svartisen è facilmente raggiungibile da Kystriksveien – rv17, a sud di Bodo.

crociera fiordi Norvegia

Fiordi in Norvegia

L’ ammaccata costa occidentale della Norvegia è una distesa frastagliata di oltre 50.000 isole e dozzine di lunghi e profondi fiordi; tra i più famosi ci sono:

  • Sognefjord (il più lungo del mondo, 203 km)
  • Boknafjord (uno dei più vasti, con centinaia di isole, situato nella pittoresca regione di Stavanger)
  • Geirangerfjord (da dove si accede all’epica Eagle Road ed alla Trollstingen road)
  • Hardangerfjord (vicino a Bergen)
  • Moldefjord Lyngenfjord (vicino alle spettacolari e sottovalutate Alpi di Lyngen)

campeggio isole lofoten

Dove dormire in Norvegia

Campeggio libero in Norvegia – Il “right to roam” e la filosofia del forbudt

La Norvegia, così come gli altri Paesi Scandinavi, è famosa tra gli amanti della natura per la sua legge chiamata “diritto di vagabondare” allemannsrett in Norvegese (letteralmente il diritto di ogni uomo), un diritto tradizionale fin dai tempi antichi.

Questo in sostanza afferma che “in Norvegia, puoi camminare quasi ovunque tu voglia […] Puoi montare una tenda, o dormire sotto le stelle, per la notte ovunque in campagna, foreste o montagne […] “.

Per quanto figo possa sembrare, ci sono alcune regole da seguire, e i norvegesi sono severi e non perdonano molto. Le regole, quindi, sono queste:

  1. Le persone possono accamparsi ad almeno 150 metri di distanza dalla casa o cottage più vicino.
  2. I fuochi non sono ammessi nelle aree forestali dal 15 aprile al 15 settembre.
    (quando eravamo lì, nell’estate anormalmente calda e secca del 2018, questa regola veniva applicata ancora più severamente, vietando l’uso di qualsiasi fiamma viva nelle aree esterne, anche nei giardini privati, incluse stufe da campeggio e barbecue monouso)
  3. I turisti possono soggiornare in un posto solo per un giorno, trascorse 24 ore è necessario chiedere espressamente il permesso al proprietario terriero. Questa regola esclude le montagne e i parchi nazionali.

In aggiunta al fatto che il campeggio è vietato in quasi tutte le aree pubbliche servite (di solito quelle con servizi igienici e bidoni della spazzatura, per lo più spiagge e parchi) in effetti queste regole a volte limitano ampiamente le opzioni di campeggio nella Norvegia meridionale.

bici Capo Nord

Considerazioni sul campeggio libero in Norvegia – la nostra esperienza

Nella nostra prima notte in Norvegia, abbiamo subito dovuto affrontare l’archetipico “senso civico delle vecchie signore”. A causa di un problema meccanico siamo stati costretti a campeggiare vicino a Jessheim (una città vicina all’aeroporto di Oslo). C’è un parco che circonda un lago lì, sulla spiaggia c’è un segno esplicito che vieta il campeggio, ma nella foresta non c’erano segni del genere.

Piantiamo la tenda lì poco prima del tramonto, mentre molti locali stavano facendo jogging o camminando nei boschi. Due volte le vecchie signore si sono fermate a dirci (in un modo abbastanza rude, potrei aggiungere) che non ci era stato permesso di accamparci lì. Poco dopo il tramonto arrivarono due poliziotti, evidentemente chiamati da una di quelle vecchie signore. Sono stati molto educati e ci hanno confermato che il campeggio notturno era effettivamente consentito in quella zona, era semplicemente vietato accendere fuochi.

Racconto questa storia per affermare che “il diritto di ogni uomo” non è totalmente tollerato. Molti altri paesi al mondo consentono il campeggio gratis con regole meno rigide e più cordialità, non abbiamo mai avuto lamentele da parte di nessuno dei 35 paesi in bicicletta finora, tantomeno telefonate alla polizia!

Detto questo, abbiamo trovato sempre almeno un posto decente per il campeggio, senza dover lottare troppo, la situazione è migliorata notevolmente sulle montagne intorno a Bergen e proseguendo verso nord, con alcuni dei più panoramici posti tenda di sempre.


I posti migliori dove campeggiare in Norvegia

Sfortunatamente, visti i climi rigidi e umidi, c’è una mancanza di rifugi gratuiti in Norvegia, il che significa che tetti, portici o gazebo molto semplici sono un miraggio … dimenticate le meravigliose Lavu finlandesi o i Gazebo coreani (c’è però una rete di capanne nei boschi, ne parleremo più avanti).

La foresta offre una certa protezione dalla pioggia e dal vento ma non dall’umidità e dal freddo. I muschi della Norvegia del Nord sono dei soffici materaassi, inoltre trovare un campeggio vicino ad un lago o ad un corso d’acqua è di solito molto facile in Norvegia.

packrafting Norvegia

Campeggi in Norvegia

Ci sono oltre 1.000 campeggi di proprietà privata in Norvegia, sono letteralmente ovunque, specialmente nel Sud, ma anche nelle regioni più remote del nord ne troverete sempre lungo la strada, ad almeno la distanza di una tappa in bicicletta.

Quasi tutti i campeggi norvegesi hanno cabine, o bungalow, la forma più economica di alloggio in Norvegia. Sono particolarmente convenienti quando si viaggia in gruppi di tre, quattro o più persone poiché la maggior parte delle cabine ha da quattro a sei letti a castello, ma il prezzo non varia se a dormire è una persona o sono sei, si paga l’intera cabina.

Il prezzo delle cabine da campeggio (Hyttekos in norvegese) varia da un minimo di 400 NOK (€ 42), con prezzi che salgono alle stelle fino a 200/300 € per una cabina molto semplice nelle isole Lofoten in alta stagione. La maggior parte dei campeggi ha cabine di base a partire da 600NOK in estate, servizi igienici e strutture in comune, attrezzature da cucina di base (raramente acqua corrente) sono spesso presenti nella cabina stessa.

La maggior parte di questi campeggi sono aperti tutto l’anno, le cabine più economiche di solito hanno termosifoni elettrici, mentre quelli di fascia più alta potrebbero persino avere un camino.

I campeggi in Norvegia sono per lo più piccoli e accoglienti (escluso quello di Oslo e alcuni parchi per roulotte), c’è sempre una cucina condivisa e spesso una capanna chiusa per il barbecue provvista di tutto l’occorente e usufruibile da tutti.

Le docce sono quasi sempre escluse dalla quota base, costano 1/2 € per 4/5 minuti di acqua calda al massimo, dovrete imparare a fare la doccia molto velocemente. Lavatrici e asciugatrici sono onnipresenti nei campeggi norvegesi, di solito costano 4/5 € l’una. Il prezzo per un posto tenda in un campeggio norvegese va da 100 a 200 NOK (12-22 €).


Hotels e Ostelli in Norvegia

Gli hotel sono costosi in Norvegia, a partire da circa 70 € ma più spesso a circa 100 € o più per una camera doppia. Abbiamo dormito solo una volta in un hotel, il Thon Hotel vicino all’aeroporto di Oslo Gardermoen. Thon è una catena di alberghi abbastanza diffusa (per gli standard norvegesi) con una colazione a buffet molto abbondante, spesso inclusa, noi abbiamo pagato 65 €. Potete controllare costi, disponibilità e prenotare qui.

Gli ostelli sono presenti solo nelle principali città o cittadine turistiche, con un costo medio di 30 € a persona per notte in un dormitorio. Airbnb non è molto più economico. Tutti questi prezzi sono considerati in alta stagione, in bassa stagione i prezzi possono scendere fino alla metà.


Couchsurfing e Warmshowers in Norvegia

Non una grande comunità, l’enorme numero di ciclisti e viaggiatori in generale in alta stagione, insieme al tipico amore norvegese per la solitudine, rendono la ricerca di un host un compito molto difficile.

Ci siamo riusciti solo due volte e nessuno dei nostri ospiti era un norvegese, quindi non contateci troppo, per riposare e staccare un po’ dalle dificoltà della strada e godervi una doccia calda e un buon letto dovrete pagare per un alloggio.

Per quelli che non sanno cosa siano Warmshowers and Couchsurfing, date un’occhiata qui.

rallarvagen

Costi di un viaggio in bici in Norvegia

La Norvegia è uno dei paesi più costosi del mondo, pensavamo di aver capito come viaggiare in un paese costoso, ma la Norvegia ha davvero messo in crisi il nostro conto in banca.

Il cibo è incredibilmente costoso, dal 35% al 45% in più rispetto al Regno Unito sia per generi alimentari e ristoranti, l’alloggio è alle stelle, tanto più se sei da solo o in coppia, aggiungi a questo il costo dei traghetti richiesti se hai scelto di viaggiare lungo la costa (a volte più di un traghetto al giorno), il prezzo folle della birra (8/10 € alla spina, 3,5 € per una lattina al supermercato), le corse in autobus (a volte obbligatorie per attraversare un tunnel), e si può facilmente capire come  siamo finiti a spendere più di 25€ al giorno, due volte e mezzo in più rispetto alla nostra media, 3 volte di più di quanto abbiamo speso in Giappone.

campeggio cucina Norvegia

Cosa portare per un viaggio in bici in Norvegia

A meno che tu non abbia un budget molto più elevato, o tu stia andando per una breve vacanza in bicicletta, dovrai essere totalmente auto-supportato al fine di ridurre i costi enormi.

Portate attrezzatura da campeggio completa, una tenda 4 stagioni è un plus per temperature di 2°/0°C mentre un sacco a pelo comfort è indispensabile anche in estate. Uno spesso materassino da campeggio, considera la biancheria (lenzuola da inserire dentro il sacco a pelo. Portatevi pentole e fornellino, le bombole di gas standard sono ampiamente disponibili ovunque in Norvegia.

Gli indumenti devono comprendere strati di base, abiti per dormire in lana merino, scaldamuscoli o pantaloni lunghi (meglio entrambi), giacca hardshell and giacca antivento (softshell)guanti caldi, cappello di lana che copre le orecchie; abbiamo anche usato un piumino leggero ma caldo che siamo stati felici di usare per cucinare durante la serata.

Tutto quanto detto qui sopra è da considerare per l’estate (tarda primavera/inizio autunno), il clima può diventare freddo anche durante il giorno, specialmente a latitudini e altitudini più elevate. Tratteremo l’abbigliamento invernale in un prossimo articolo.

L’attrezzatura per la pioggia è ciò che fa la differenza tra un giorno infelice e un giorno molto miserabile. Riuscire ad avere almeno le parti più nascoste del tuo corpo asciutte dopo una giornata di pioggia a tutto campo dovrebbe essere il tuo obiettivo. Abbiamo usato Naturehike long poncho su una giacca antipioggia, pantaloni antipioggia, and scarpe antipioggia.

Infine, non commettere l’errore di visitare la Norvegia senza una macchina fotografica decente, quelle meraviglie valgono i ricordi.

norway cycling route map

Click on the map to navigate

Scegliere il percorso – Itinerario in Norvegia

Con una lunghezza di 2,544km, 21,525km di costa e un network stradale di più di 90,000km, non c’è che l’imbarazzo della scelta per la pianificazione di un itinerario in Norvegia.

Ogni anno centinaia di ciclisti allenati e non pedalano da e per Capo Nord, mentre  migliaia si imbarcano in gite in bicicletta più brevi ma spesso non meno impegnative.

Noi abbiamo pedalato da Oslo a Tromso in 40 giorni, a un ritmo lento di circa 60 km al giorno, utilizzando traghetti e persino facendo un giro in auto con amici durante il passaggio di un pessimo fronte meteo.

Se non vuoi pedalare in tutto il paese qui ci sono alcune idee, valgono tutte.

Puoi cliccare sulle mappe qui sotto per spostarle in una nuova finestra


La costa sud – da Kristiansund a Bergen

Cycling South Norway Route Map

Forse non è la strada più eccitante della Norvegia, almeno nella sua parte iniziale, diventa spettacolare nella sezione di Stavanger – Bergen. 562 chilometri adatti anche per i principianti, nonostante gli alti e bassi.

 

 

 

 

 

 

 


Le montagne – da Oslo a Bergen

Oslo to Bergen Cycling Route Map

 

Questo è un itinerario più impegnativo, ci sono diversi modi per raggiungere Bergen da Oslo, ma tutti richiedono l’attraversamento di alcune montagne alte, selvagge e panoramiche.

Anche la zona di Oslo è collinare e potrebbe essere piuttosto trafficata sulle strade principali. La Rallarvagen è un must assoluto, forse il più bel giro di due giorni nella nostra intera esperienza di tour in bicicletta fino ad ora.

 

 

 

 


I Fiordi e le strade sceniche (Eagle Road, Trollstigen, Atlantic Road)Norway eagle road trollstigen atlantic road cycle routes bike map

La Norvegia ti toglie il fiato quasi ovunque, ma questa via è un concentrato di alcune delle strade più epiche che il paese ha da offrire. Lunghe traversate in traghetto di alcuni dei fiordi più panoramici, le ripide e meravigliose sfide della Trollstigen e della Eagle Road, i ponti sfidanti per la gravità dell’Atlantic Road e le vette selvagge del Jotunheimen National Park (dove si trovano le montagne più alte della Norvegia). A seconda della tua forma fisica e a quanto sei disposto a soffrire, potresti percorrere alcune piste non asfaltate per attraversare il Jotunheimen (grandi percorsi in mountain bike), o evitarla interamente andando a Skei (è necessario un tragitto in autobus a causa di un lungo tunnel). Per questo percorso di 563 km sono necessarie gambe forti. Il percorso sulla mappa è solo un contorno.

 


La Norvegia centrale – da Trondheim a BodoCentral Norway Cycle Route Map - Trondheim to Bodo

Questo è spesso un percorso trascurato, ma senza una vera ragione. Ci sono due opzioni principali, la strada interna e la costa atlantica. Il percorso interno attraversa un paesaggio brullo simile alla tundra, su una strada principale che non vede molto traffico.

Le temperature sono più basse ma il clima dovrebbe essere più secco. La rotta atlantica è panoramica, molto piovosa, richiede molti traghetti e percorre strade costiere minori e più remote.

Attraverserai il ghiacciaio Svartisen e il più grande mulinello del mondo, il Saltstraumen, vicino a Bodo.

 

 


Perle dell’Artico – Isole Lofoten e Vesterålen Lofoten and Vesteralen Bike Route Map

Pura meraviglia artica, il ciclismo qui lascerà un’impronta indelebile nei tuoi ricordi. Mentre le Lofoten hanno visto un notevole boom turistico nell’ultimo decennio, alcune aree del Vesterålen sono ancora selvagge e fuori dai sentieri battuti.

Splendide spiagge bianche, acque cristalline, scogliere imponenti, minuscole isole, case di legno al di là dei fiordi, stazioni di ricerca scientifica dall’aspetto alieno, un’incredibile varietà di muschi … un percorso per lo più pianeggiante che ti farà sbavare costantemente in soggezione.

 

 

 


Finnmark, il Grande Nord – Sanja, Tromso, Capo Nord, KirkenesFinnmark Cycle Route Map Saja Tromso Nordkapp Kirkenes

Oltre ad essere il percorso più battuto per Capo Nord, questa è davvero un itinerario meraviglioso. Poche auto, pochi turisti, poche città, poche persone in generale, solo il grande arcipelago.

Questa zona della Norvegia offre un itinerario prevalentemente pianeggiante per i viaggiatori avventurosi in bicicletta, i suoi paesaggi non vi deluderanno, ma le distanze tra i piccoli negozietti di generi alimentari potrebbero essere enormi.

Da qui ci sono 6 diversi confini da attraversare per la Lapponia finlandese, abbiamo attraversato Helligskogen-Kilipsjarvi, dove ci siamo trovati immersi nello scenario onirico della tundra.

 

 


Potete vedere qui dove abbiamo trascorso la notte in tutto il nostro viaggio Europeo.

Eagle Road Norvegia

Traghetti in Norvegia e Hurtigruten

Fiordi infiniti attraversano le montagne lungo tutta la costa atlantica, a volte è possibile aggirarli, rendendo il viaggio molto più lungo, in altri casi i fiordi sono attraversati da tunnel sottomarini futuristici (quasi sempre vietati ai ciclisti), ma nella maggior parte dei casi i traghetti sono il solo modo di attraversarli.

Alcuni viaggi in traghetto sono molto brevi, con barche che vanno avanti e indietro ogni 30 minuti circa, di solito costano 7/8 € (alcuni sono gratuiti). Gli altri viaggi sono più lunghi, spesso spettacolari: i maggiori costi (300NOK per Hellesylt – Geiranger 1 ora) li sentirete meno pesanti se considerate la traversata come una crociera, ma peseranno ancora pesantemente sul vostro budget.

I viaggi in traghetto più belli sono da Gudvangen a Kaupanger, 2h 30min di costante ammirazione per il prezzo di 360NOK + 100NOK per una bicicletta.

Le biciclette viaggiano di solito gratuitamente nei percorsi più brevi mentre sono a pagamento (e non così economica) per i viaggi più lunghi. Tutti i traghetti hanno servizi igienici e caffetterie. Trovare informazioni su prezzi e programmi online non è sempre facile, cercheremo di dare informazioni su ciò che abbiamo fatto negli articoli del prossimo itinerario.


Il traghetto da Bergen a Capo Nord – l’ Hurtigruten

L’Hurtigruten è una rotta storica che collega l’intero paese, da Bergen fino alla remota area polare di Kirkenes, dal 1893.

Le navi attraversano isolette, arcipelaghi e città, alcune delle quali sono irraggiungibili con navi e auto ordinarie. La flotta costiera è composta da dodici navi, una parte da Bergen ogni giorno.

Saltellare su una nave Hurtigruten può essere un’esperienza interessante, ammirando la costa da una prospettiva diversa. Le navi sono belle e confortevoli, ma come al solito non sono economiche.

Abbiamo preso la Hurtigruten da Kristiansund a Brekstad nel fiordo di Trondheim, circa 3h per 600NOK.

cibo Norvegia

Mangiare e bere in Norvegia

Tra le tante cose per cui la Norvegia è famosa, sicuramente la sua cucina non è una di essa. Forse perché sono in pochi a provarla, visti i prezzi folli e, oltre a ciò, non ci sono molti ristoranti nei dintorni della campagna norvegese. Durante un viaggio in bicicletta in Norvegia, ci si dovrebbe affidare ai supermercati e ai propri attrezzi da cucina.


Supermercati in Norvegia

Ci sono alcune catene di supermercati che dominano la Norvegia (REMA, Kiwi, Bunnpris), almeno una di queste è presente in quasi tutte le città, puoi semplicemente usare google maps per individuarle. In alcune zone del nord, ci potrebbe essere una tappa di un giorno intero tra due supermercati (diciamo 70-80 chilometri), tenere presente che tutti, ad eccezione di alcuni Bunnpris, sono chiusi la domenica.

Questi supermercati sono costosi e non offrono una scelta molto ampia, ci siamo basati principalmente su legumi in scatola, pasta, riso, pane e formaggio. Qui non troverai cibo molto elaborato, il che è positivo per la salute dei norvegesi, ma in qualche modo inopportuno per il ciclista pigro.

Sappiamo di altri viaggiatori esperti in bici che hanno avuto più fortuna nel ricorrere ai supermercati per procurarsi cibo che altrimenti sarebbe stato gettato dai supermercati al momento della chiusura. Non ci abbiamo mai stupidamente provato, potrebbe essere un modo grandioso e sostenibile per tagliare i costi del viaggio in Norvegia.


Bere Alcol in Norvegia

La Norvegia ha una regolamentazione molto rigida sulla vendita e il consumo di alcol, che insieme ai prezzi elevati, si traduce in una sorta di proibizione per il povero avventuriero in bicicletta. I supermercati possono vendere birra fino a 4,5°, fino alle 20:00 durante la settimana e alle 18:00 il sabato.

La domenica non è possibile acquistare alcolici. Bevande più forti come vino e liquori sono vendute solo nei negozi di proprietà statale, sotto l’occhio del solito impiegato di mezz’età. I bar sono rari e molto costosi, ce ne sono davvero pochi, se non assenti del tutto nelle piccole città. 8/10 € per una birra alla spina.

Ci è parso che il risultato per i norvegesi che non vivono in città i problemi di alcolismo non sono affatto superati ma semplicemente comprano alcolici e li bevono da solo davanti alla tv, non essendoci nessun senso di socialità e comunità. Onestamente, non pensiamo che questo sia il modo di risolvere i problemi di consumo di un paese.

saltstraumen

Saltstraumen in un momento di massima potenza

Acqua

L’acqua del rubinetto è tra le migliori al mondo in Norvegia. In montagna (anche solo sopra 800 msl) è persino possibile bere direttamente dai torrenti, bere solo dalle acque correnti veloci.


Lo hai trovato utile? Condividete e dateci un seguito sui social network.

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media
Disclosure: Some of our articles may containg affiliate links, that means we might receive a small percentage compensation if you purchase one of the linked product whitin a ceratin time frame. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.