cycling turkey

Cicloturismo in Turchia: 13 Percorsi in Bicicletta

Ultimo aggiornamento:

Last Updated on 31 Maggio 2024 by Cycloscope

cicloturismo turchia

Cicloturismo in Turchia In bicicletta o una breve vacanza in bicicletta? Cerchi percorsi MTB in Turchia? Ecco itinerari, consigli e tutto ciò che devi sapere per attraversare la Turchia in bici

Se sei arrivato qui, molto probabilmente stai progettando di attraversare la Turchia in bicicletta. Lascia che te lo dica, idea intelligente!

La Turchia è un’ottima destinazione ciclistica, anche se sottovalutata e priva di infrastrutture per le vacanze in bicicletta, il cicloturismo in Turchia è una bellissima esperienza.

Se stai facendo un viaggio in bicicletta più lungo, attraversando la Turchia sulla strada per la Via della Seta e l’Estremo Oriente, questa guida ti accompagnerà attraverso 5 diversi percorsi ciclabili a lunga percorrenza.

Se invece la tua idea è una vacanza in bici (o MTB) o un breve tour in bicicletta, ti forniremo 8 itinerari ciclistici dettagliati, tutti meravigliosi e memorabili.

La Turchia è più conosciuta per le vacanze al mare e chi ci va in bicicletta tende a cercare di andare altrove.

È un paese grande e bellissimo, con paesaggi diversi, gente amichevole, splendide rovine e monumenti antichi… tantissime cose da vedere, e vederle in bicicletta è un ottimo modo per sfuggire alla bolla turistica e goderselo davvero.

Questo articolo è interamente opera di Scott Newman, basato sui suoi numerosi viaggi in Turchia e sui consigli di altri amici ciclisti. È uno scrittore freelance ed ex studente post-laurea in archeologia.

Scott visita regolarmente la Turchia dal 1994 e ha viaggiato l’intero paese molte volte sia con che senza la sua bicicletta. Scott ha scattato tutte le foto nell’articolo, per altre foto e video della Turchia e delle sue altre avventure in giro per il mondo controlla il suo Instagram: SCOTTMINEWMAN


Disclosure: Some of our articles contain affiliate links. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running. (as Amazon Associates we earn commission from qualifying purchases)

cicloturismo cappadocia turchia
Cappadocia

In questa guida:

  • Geografia della Turchia
  • Meteo e clima in Turchia
  • Il periodo migliore per andare in bicicletta in Turchia
  • Le strade della Turchia in bicicletta
  • Trovare un alloggio durante il tour in bicicletta in Turchia
  • Campeggio selvaggio in Turchia
  • Sicurezza in Turchia
  • Costi del cicloturismo in Turchia
  • 8 migliori percorsi ciclabili in Turchia:
  • Izmir e l’Egeo centrale
  • L’Egeo meridionale e i monti Beşparmak
  • Percorsi ciclabili della Turchia sulla costa mediterranea
  • Tracia Turca [percorso ciclabile e traccia GPX]
  • Cappadocia in bicicletta [percorso ciclabile e traccia GPX]
  • La pista ciclabile di Kaçkars e la traccia GPS
  • Il Nord Est: Artvin – Doğubeyazit
  • L’Oriente: da Doğubeyazit a Diyarbakir

Geografia della Turchia


cicloturismo turchia
Cappadocia

La Turchia è un grande paese che fa da ponte tra Asia ed Europa, con una superficie di 783.356 chilometri quadrati e una distanza da ovest a est di circa 1.700 km percorrendo le strade. La popolazione è di circa 80 milioni, più densamente concentrata sulla costa occidentale.

Solo il 5% della Turchia si trova in Europa, un piccolo triangolo di terra che si estende per circa 200 km tra i confini greco e bulgaro e la mega-città di Istanbul. Il territorio è dominato da basse colline e un mix di agricoltura e fitta macchia.

Il restante 95% del paese è effettivamente una grande penisola rettangolare che si protende verso ovest dall’Asia, conosciuta come Anatolia, o Anadolu in turco.

Gran parte dell’Anatolia è un altopiano erboso a 1.000-2.000 metri, che scende ripidamente verso le lunghe coste del Mediterraneo, del Mar Nero e dell’Egeo, ma che si innalza fino a serie montagne nell’est, attraversate dai fiumi Eufrate e Tigri.

La costa egea è un classico paesaggio mediterraneo di colline di ulivi centrato intorno alla città industriale e portuale di Izmir.

Diversi grandi fiumi scorrono da est a ovest e hanno formato ampie pianure agricole. Tra Bodrum e Marmaris, la costa gira bruscamente a est e diventa il Mediterraneo.

Qui si trova la costa dell’antica Licia, dove le montagne sono più ripide e coperte di pinete, e la pianura costiera è spesso molto stretta. La costa licia termina nella grande città di Antalya, con importanti località turistiche e una lunga pianura.

Da qui, la costa diventa ancora più ripida e scoscesa, intorno ad Anamur e Silifke, prima di terminare con l’ampia pianura del Çukurova coltivata a cotone e le città di Mersin e Adana.

La costa del Mar Nero della Turchia è umida e verde, con ripide colline coperte di fitta vegetazione che scendono ripidamente verso la costa, e città e villaggi densamente popolati occupano ogni spazio vagamente simile a una terra piatta.

Le montagne dietro la costa si alzano da ovest a est, con il picco più alto, il Monte Kaçkar, che raggiunge quasi i 4.000 metri.

Molte valli fluviali nord-sud tagliano queste montagne ripide, quasi alpine, ma la valle del Çoruh è la più importante, essendo la principale via di comunicazione dall’interno verso la costa. Quella che una volta era una destinazione di rafting di classe mondiale, è ora dominata da diverse grandi dighe idroelettriche.

L’interno della Turchia occidentale ha subito una grave deforestazione ed è dominato da colline erbose e pianure dove pecore e capre pascolano a un’altitudine di circa 1.000 metri. Qui si trova la capitale Ankara e i paesaggi lunari vulcanici della Cappadocia.

L’est è più alto e montuoso, con grandi città come Van ed Erzurum a quasi 2.000 metri. Nel nord-est, vicino ai confini con l’Iran e l’Armenia, si trova la montagna più alta e famosa della Turchia, il Monte Ararat (Ağrı Dağı) di 5.137 metri.

Due dei fiumi più famosi del mondo, l’Eufrate e il Tigri, nascono nelle montagne della Turchia orientale e scorrono verso sud fino alla grande pianura della Mesopotamia, al confine con la Siria. Al centro, a 1.600 metri, si trova il Lago di Van, con i suoi 3.755 km² che lo rendono quasi un mare interno.


Clima in Turchia


Il variegato paesaggio della Turchia produce un clima locale diversificato, ma in breve possiamo riassumerlo con estati calde e umide e inverni freddi e nevosi, ma entrambi più freschi e secchi lontano dalla costa.

Le giornate estive a Istanbul e nella Turchia europea sono intorno ai 30°C, ma l’elevata umidità le fa sentire molto più calde.

L’inverno è dominato dall’aria fredda proveniente dai Balcani, ma il mare generalmente mantiene le temperature sopra lo zero.

La tarda primavera ha il clima più affidabile, generalmente soleggiato con temperature diurne intorno ai 20-25°C mentre l’autunno tende ad avere più piogge.

Anche l’Egeo e il Mediterraneo sono umidi, ma ancora più caldi con giornate a 40+°C comuni a luglio e agosto.

La primavera e l’autunno sono ideali con la maggior parte delle giornate soleggiate e 25-30 °C, ma intervallate da circa un giorno a settimana di forti piogge.

Gli inverni sono miti con una temperatura media intorno ai 15°C, ci sono ancora molte giornate soleggiate ma si prevedono 2-3 giorni di pioggia a settimana.

La costa del Mar Nero è più mite ma più umida. Le giornate estive sono intorno ai 25°C ma piove circa 2 giorni a settimana. Il resto dell’anno è di circa 3-4 giorni a settimana. Piove e circa 1 giorno di sole, ma giornate intorno ai 15°C in primavera e autunno e 10°C in inverno.

La Turchia centrale e orientale hanno un’umidità significativamente inferiore rispetto alla costa, con estati più miti ma inverni molto più freddi.

Nelle giornate estive si prevede una temperatura intorno ai 30°C con temporali occasionali. L’autunno e la primavera sono più miti ma con più piogge, in particolare nella Turchia occidentale.

Gli inverni tendono ad essere nevosi, con temperature diurne appena sopra lo zero nella parte occidentale, ma le altitudini più elevate nella parte orientale significano abbondanti nevicate regolari, e le medie diurne sono più vicine a -5°C e molto più fredde di notte.

La pianura mesopotamica ha però gli stessi inverni freddi ma estati estreme con temperature comuni di 40+ C.


Stagione Migliore per il Cicloturismo in Turchia


cicloturismo turchia

Fondamentalmente, il momento migliore dipende da dove vuoi andare. Ovunque andrai, troverai l’estate calda e il sole forte. Più salirai, più sarà sopportabile.

L’estate nell’Egeo e nel Mediterraneo è però estremamente calda e umida con picchi di folla e traffico ed è meglio lasciarla agli amanti della spiaggia.

Se stai pianificando un tour di oltre 1.700 km da un lato all’altro, allora maggio-giugno e settembre-ottobre sono l’ideale – ma più ti avvicini all’estate più caldi saranno alcuni posti – mentre maggio e ottobre possono essere piovoso in alcune zone e freddo in altre, con possibilità di neve sui passi più alti nella parte orientale.

Se si riesce ad affrontare il sole intenso, andare in bicicletta alle quote più elevate dell’est può essere sopportabile anche ad agosto, soprattutto durante la siesta di mezzogiorno.

Se il tuo piano è quello di pedalare in Turchia lungo la costa del Mar Nero, l’estate potrebbe essere l’ideale, anche se umida è meno calda e molto meno piovosa rispetto alla primavera e all’autunno.

Se vuoi fare un tour in bicicletta in Turchia vicino alle aree dell’Egeo e del Mediterraneo, allora la primavera e l’autunno sono il clima ideale per il ciclismo e le folle se ne sono andate. Anche la metà dei giorni in inverno sono perfetti, ma dovrai affrontare un paio di giorni di pioggia intensa a settimana.


Le Strade della Turchia in Bicicletta


bikepacking turchia
Cycling beside Lake Van in Eastern Turkey

I turchi adorano costruire e negli ultimi anni sono stati spesi molti soldi per la costruzione di strade. Le strade turche tendono ad essere nuove e ben mantenute e spesso sorprendentemente buone rispetto alla quantità di traffico.

Come ciclista in un tour ciclistico della Turchia, ciò significa che sulle strade principali con traffico intenso avrai una buona spalla su cui pedalare, mentre le strade secondarie raramente avranno abbastanza traffico da farti sentire insicuro.

Lo svantaggio è che negli ultimi anni sono stati scavati moltissimi tunnel. Questi tendono ad essere ben illuminati e adeguatamente ventilati, ma alcuni sono più stretti di altri e alcuni sono addirittura interdetti ai ciclisti.

In genere, quelli inevitabili, come quelli nella valle di Çoruh intorno ad Artvin, sono sufficientemente larghi da essere sicuri, mentre i tunnel più stretti sono spesso vietati ai camion più grandi e la vecchia strada esiste ancora.

Fondamentalmente non esistono piste ciclabili dedicate, anche se alcuni comuni stanno sviluppando piste ciclabili urbane.

Le città turche sono ad alta densità e un forte aumento del numero di automobili possedute negli ultimi anni ha prodotto un traffico intenso e spesso caotico.

Piste ciclabili e percorsi dedicati stanno iniziando ad apparire nelle principali città, ma raramente sono utili per entrare e uscire dalla città. Le principali città, in particolare Istanbul, non sono ben progettate per entrare e uscire in bicicletta e, sebbene siano meno dannose rispetto ad altre grandi città asiatiche, è meglio evitarle.

Il modo migliore per entrare o uscire da Istanbul è in barca. Il sistema metropolitano sta crescendo rapidamente e porta le biciclette al di fuori delle ore di punta, ma non è abbastanza lontano da essere particolarmente utile: si spera che la situazione cambi presto.

Il porto di Yenikapi, nel centro di Istanbul, accessibile tramite una pista ciclabile costiera e diverse linee della metropolitana, offre diversi traghetti al giorno per Yalova, Mudanya e Bandirma, sul lato meridionale del Mar di Marmara, e noleggiano biciclette gratuitamente.

Le linee della metropolitana a Izmir e Ankara e, soprattutto, a Izmir porteranno le biciclette al di fuori delle ore di punta e avranno linee in alcune direzioni utili fino al confine della città o anche alle città vicine, allo stesso modo, il tram ad Antalya può farti risparmiare qualche brutto ciclismo in autostrada ai margini urbani.


Dove Dormire durante un viaggio in bici in Turchia


Warmshowers ha una presenza limitata in Turchia, gli host sono rari al di fuori delle principali città occidentali. Allo stesso modo, esistono campeggi formali in alcune città costiere più piccole e in luoghi frequentati da escursionisti come i Kaçkar, ma per il resto sono rari.

Ci sono ostelli solo a Istanbul e in alcune località turistiche, la maggior parte delle città però avrà uno o più hotel da due a tre stelle con colazione da 50 – 100 lire turche (7-14 euro).

La stragrande maggioranza degli hotel troverà un posto per la tua bicicletta, di solito una sorta di deposito, a volte sarà nel seminterrato e dovrai portare la bici giù per le scale.


Campeggio libero in Turchia


cicloturismo turchia
Wild Camp by Lank Tortum, North of Erzurum in the Kaçkar Mountains

La Turchia generalmente accetta abbastanza il campeggio libero, apparentemente con poche regole formali. Nelle aree remote, il campeggio invisibile è spesso possibile, ma tieni presente che le aree rurali sono piene di cani, in particolare del famigerato feroce cane da pastore locale noto come Kangal, uno dei maggiori pericoli per chi va in bicicletta in Turchia.

Più lontano dalla civiltà, nella regione mediterranea abbondano i cinghiali e alcuni orsi e lupi, in particolare nel nord-est. La campagna turca è prevalentemente rurale e se hai intenzione di campeggiare molto probabilmente ti troverai sulla terra di qualcuno.

I turchi sono generalmente accoglienti e ospitali e i luoghi che probabilmente attraverserai in bicicletta vedono pochi stranieri: le richieste di campeggio da parte di un cicloturista saranno spesso trattate con calore e generosità.

Gli abitanti dei villaggi, però, raramente conoscono l’inglese: la parola “campo” è semplicemente “Kamp” in turco, quindi questo dovrebbe farti capire.


Sicurezza in Turchia


La Turchia è stata spesso menzionata nelle notizie per le ragioni sbagliate e ora la prima domanda di molte persone è “È sicuro andare in bicicletta in Turchia?” La risposta è schiacciante, sì, ma la contea non è priva di problemi.

E anche se sì, la violenza e il terrorismo esistono, fondamentalmente i terremoti e i cattivi guidatori hanno maggiori probabilità di ucciderti.

La Turchia orientale, in particolare, è teatro di continue violenze tra l’esercito turco e il PKK, un gruppo armato separatista della minoranza curda.

Anche se è estremamente improbabile che tu venga coinvolto in qualche tipo di violenza, ti imbatterai in una forte presenza militare, il che significherà posti di blocco e alcuni limiti su dove puoi andare e in particolare dove puoi/dovresti accamparti.

Fondamentalmente è meglio evitare la regione montuosa nell’estremo sud-est del paese, a sud del lago Van e ad est del fiume Tigri e Batman. Gran parte di questi conflitti si verificano di notte, quindi il campeggio selvaggio o nascosto nelle aree curde non è assolutamente consigliabile: non accamparsi da nessuna parte qui senza la conoscenza, il consiglio e il consenso della gente del posto.

Infine, la Turchia ha la reputazione di essere un paese più piacevole per i viaggiatori uomini che per le donne. Le viaggiatrici, in particolare le cicloturiste sole, dovranno affrontare un’eccessiva attenzione da parte dei maschi locali.

La violenza vera e propria, anche se accade, è rara ma, per comodità e tranquillità, le cicliste dovranno porsi alcune domande fondamentali, in particolare riguardo al campeggio e alla scelta di percorsi più remoti. Sono domande a cui non possiamo rispondere per voi, ma domande con cui ogni ciclista dovrà confrontarsi.


Costo del Cicloturismo in Turchia


viaggio in bicicletta turchia
Mardin in Winter

La Turchia è più economica di molti paesi europei ma più costosa dei paesi più a est dell’Asia.

Negli ultimi anni, la lira turca (TL) è scesa drasticamente, rendendola sempre più conveniente. Tuttavia, l’inflazione è salita a circa il 20%, quindi i prezzi per il 2020 aumenteranno.

Quanto spendi varierà in base al livello di comfort che scegli e a dove ti trovi in ​​Turchia.

La Turchia è ricca di hotel con una varietà di prezzi. La Turchia è ricca di confortevoli hotel da due a tre stelle da 50 – 100 TL (7-14 Euro) con colazione.

Un pasto locale, come un kebab in un ristorante medio, costa circa 20-25 TL (3-4 euro), e un pasto più piccolo e leggero come un Dürüm (involtino di kebab) 7-15 TL.

Quindi, in media, l’opzione ‘comfort’ si aggira sulle 100-150 TL al giorno (15-20 euro). Se ti accampi regolarmente, questo prezzo può scendere molto, allo stesso modo, se cucini anche il tuo cibo: le forniture economiche sono facilmente disponibili, facendo scendere il budget a pochi euro al giorno.


Cicloturismo in Turchia sulla”Via della Cultura”


L’apertura del percorso escursionistico della Via Licia di 540 km nel 2000 è stato un momento chiave nello sviluppo del turismo d’avventura in Turchia.

Sebbene la Via Licia in sé non sia decisamente adatta alle biciclette, è diventata il primo di un numero crescente di “percorsi culturali”, molti dei quali hanno opzioni ciclistiche.

Spesso non sono ben segnalati, ma fondamentalmente hanno fatto il duro lavoro di trovare strade che siano buone da percorrere in bicicletta e passino da siti interessanti.

  • la ‘Mimas Route’ attorno a Izmir
  • la ‘Sultan’s Way’ nella Turchia Europea
  • la ‘Phrygian Way’ in Turchia centro Occidentale
  • la ‘Evliya Çeliba Way’ da Izmit via Iznik a Kuthaya
  • il ‘Sufi Trail’da Istanbul a Konya
  • la ‘Hittite Way’ e ‘Gastronomy route’ attorno Çorum, nord est di Ankara.

8 Migliori Itinerari Cicloturistici in Turchia


1. Izmir and the Central Aegean

Turchia Aegean itinerario
The Ruins of Ephesos on Turkey’s Aegean coast

Izmir è la terza città più grande della Turchia, anche se di per sé ha un interesse limitato, la regione attira turisti per le spiagge e i siti archeologici come Efeso.

La regione di Izmir ha una fitta rete di strade rurali che conducono il ciclista attraverso gli uliveti fino a rovine meno visitate e splendide viste sul mare.

Può essere sorprendente quanto sia facile uscire dai sentieri battuti con una bicicletta anche in vista di una delle attrazioni turistiche più visitate del paese.

La metropolitana di Izmir ha assorbito le linee ferroviarie regionali, rendendo facile viaggiare in bicicletta dentro e fuori città – a nord verso Menemen e Aliağa e a sud verso Tobali e Selçuk – mentre dirigendosi a ovest verso Çeşme, rimarrai bloccato sull’autostrada per ben 40 km.

Con una fitta rete di strade di campagna e numerosi alloggi relativamente economici, è anche un territorio privilegiato per chiunque voglia depositare le valigie in un hotel e uscire in bicicletta per gite di 1-2 giorni o per fare bikepacking leggero.

Il comune locale si sta rendendo conto di ciò e ha creato una rete di piste ciclabili, anche se per il momento sembra essere costituita da poco più che segnaletica in gran parte ignorata.


1a. The Çeşme peninsula


La penisola di Çeşme è una destinazione estiva molto popolare alle porte di una delle città più grandi e sviluppate della Turchia ma, soprattutto fuori stagione e lontano dalle principali località turistiche, può sembrare straordinariamente rurale.

La combinazione di sviluppo concentrato, tante bellissime coste e tantissime strade adatte alle biciclette attraverso l’entroterra rurale si aggiunge a una destinazione ciclistica ideale nella costa turca.

La pista ciclabile più attraente qui è la corsa costiera di 140 km da Urla a Ildır lungo il lobo settentrionale della penisola.

C’è anche un percorso di 90 km, in gran parte lungo la costa da Urla a Selçuk, passando per Seferhisar e le vaste rovine di Teos. Ma ci sono moltissimi percorsi nazionali suggeriti sulla mappa ufficiale che richiederebbero una settimana o più per essere esplorati.

Lo svantaggio principale sono i primi 40 km da Izmir a Urla dove ci sono poche alternative all’autostrada principale.

1b. Attorno a Selçuk

La maggior parte dei turisti visita Selçuk per un giorno per visitare le famose rovine di Efeso, ma la costa dell’Egeo e l’entroterra, pieni di colline ricoperte di ulivi, sono ideali per andare in bicicletta e possono essere una buona base per gite di un giorno.

Ci sono così tanti potenziali percorsi nella zona, la nostra pista ciclabile preferita però non era nella rete ufficiale: un percorso di 40 km dalla stazione ferroviaria di Torbali, attraverso le rovine di Metropolis, poi a sud fino ad Ahmetli e attraversando un remoto crinale prima di scendere con un mare incredibile. viste su Zeytinköy a Selçuk.

Le colline dietro Selçuk sono conosciute per l’ex villaggio greco di Şirince, un po’ turistico, ma oltre a questo, diventano rapidamente remote e aspre e le strade sterrate sono ottime per andare in mountain bike, anche se con una rete non mappata di strade forestali, è molto facile perdersi.


1c. Foça and Eski Foça


Un’altra destinazione popolare a Smirne è la costa settentrionale intorno alle antiche città di pescatori, Foça ed Eski Foça.

Puoi prendere la metropolitana di Izmir a nord fino a Menemen e tornare da Biçerova o Aliağa, questo apre un giro di 70 km in giornata con un bellissimo tratto di costa intorno a Foça ed Eski Foça.

Sfortunatamente, dopo Eski Foça c’è Aliağa, una grande città portuale industriale, mentre più a nord rimarrai bloccato su un’autostrada molto grande.


2. The Southern Aegean & the Beşparmak Mountains


cicloturismo turchia
Completely lost on a MBT adventure above Selçuk

L’Egeo meridionale ha alcune bellissime rovine rurali e meno visitate che sorprendentemente non sono influenzate dai vicini centri turistici.

L’area è attraversata da diverse autostrade principali, ma sono presenti numerose strade secondarie di buona qualità che rendono questa zona della Turchia ideale per il ciclismo.


2a. Around Sõke


cicloturismo turchia
Ancient Alabanda, in the Beşparmak Mountains near Turkey’s Aegean Coast

Da Selçuk c’è una ripida salita verso sud poi 45 km fino a Söke passando per le rovine di Magnesia con lo straordinario ma poco conosciuto Stadio, un enorme edificio che solo ora viene lentamente scavato tra le dune di sabbia.

Da Sõke è possibile fare un giro di 105 km per visitare le rovine di Priene, Mileto e il tempio di Didyma (l’attuale Didim). Questo circuito richiede una giornata lunga ma è ampio, pianeggiante e facile da pedalare. Altrimenti, puoi restare a Didim se sei diretto a sud da lì.


2b. The Beşparmak Mountains


Allitterativamente, da Magnesia, puoi dirigerti a sud-est per iniziare un anello dei Monti Beşparmak.

Da Magnesia, dirigiti a sud-est attraverso la pianura del fiume Büyük Menderes verso le montagne, e poi una bella stradina ti porta attraverso Koçarlı seguendo i margini settentrionali e orientali delle montagne fino a Çine, a circa 92 km da Selçuk.

Da Çine, dirigiti a est attraverso la zona collinare degli ulivi per le rovine di Alabanda (Doğanyurt) e Alinda (Karpuzlu), assicurati di prendere la strada Ömerler.

Da Karpuzlu è una dura salita di 700 m fino alla città tempio in rovina di Labraunda, in cima alla montagna, quindi una gloriosa discesa fino a Milas.

Da Milas sono 12 km a nord sull’autostrada fino al tempio ben conservato di Euromos, torna indietro un po’ e poi pedala per 19 km in salita e oltre fino al piccolo villaggio di pescatori di Kıyıkışlacık e alle rovine di Teos.

Altri 44 km ti porteranno a Didim o 90 km a Sõke per completare il giro.


2c. Muğla – Akyaka – Bodrum

All’estremità meridionale di Milas, vale la pena fare una deviazione di 5 km verso il castello di Beçin, anche se a un certo punto potresti voler legare la bicicletta e salire a piedi!

Beçin è un incrocio, potresti proseguire verso sud per 45 km, su e oltre fino a Ören, ma è più probabile che percorri i 49 km verso ovest sull’autostrada per Bodrum.

Andando verso est ci sono 30 km fino alle imponenti rovine di Stratonikeia, ma c’è anche una salita di 700 m su un’autostrada principale che non è il giro in bicicletta più divertente in Turchia: 5 km più avanti c’è la città di Yatağan, e 10 km su una strada laterale l’antico Tempio di Lagina merita una deviazione.

C’è anche un’altra autostrada da Çine ma in effetti è la stessa salita in 38 km. Yatağan è praticamente la cima, e i 25 km fino al capoluogo di provincia sono leggermente in discesa fino al piccolo capoluogo di provincia di Muğla.

Più interessanti sono i restanti 27 km fino al mare ad Akyaka, che negli ultimi 7,5 km scende di 750 m: è una discesa meravigliosa ma non vorrei salirla.

Infine, la strada da Akyaka a Bodrum è una bellissima pista ciclabile di 109 km che attraversa una costa remota e frastagliata.

Questa estrema robustezza, però, fa sì che in più punti la strada giri verso l’interno, con due salite principali di 400 metri e diverse salite minori.

I primi 24 km sono un facile tragitto costiero fino al grazioso paesino costiero di Akbük che può diventare molto affollato in estate ma paradisiaco in qualsiasi altro periodo.

Da Akbük alla spiaggia successiva nella cittadina di Ören, costruita sulle rovine di Keramos, sono solo 21 km ma i primi 400 m di salita.

Da Ören ci sono 63 km fino a Bodrum, un viaggio bellissimo, fatta eccezione per l’enorme centrale elettrica a carbone. La strada, però, sale presto altri 500 metri in 16 km, con diverse altre salite minori prima di raggiungere Bodrum.

Ci sono molte cose da fare nella stessa Bodrum, un’altra città turistica alla moda che fuori stagione si trasforma in una tranquilla città costiera e ha un accattivante castello crociato e i resti del Mausoleo di Alicarnasso, una delle sette meraviglie del mondo.

3. Turkey Cycling Routes on The Mediterranean Coast

The Western Mediterranean coast map


Dall’antica Knidos, sulla punta del Datça, alla capitale provinciale di Antalya, ci sono 500 km e la costa mediterranea turca è probabilmente ancora più bella dell’Egeo.

I migliori tratti dell’autostrada, come da Kalkan a Kaş e da Demre a Finike, sono davvero gloriosi per il ciclismo. Vale sicuramente la pena pedalare da ovest a est per trovarsi sul lato panoramico della strada!

Lo svantaggio però è che di solito hai poche alternative all’autostrada principale e gran parte di quell’autostrada è nell’entroterra.

3a. Marmaris & Datça

Marmaris & Datça are basically one multi-pronged peninsular sticking out from the southwest of Turkey. It’s quite hilly, and green, and outside of the main resort town of Marmaris, it can be quite remote.

If you’re on a longer cycling trip across Turkey, you can take the ferry from Bodrum to Datça or continue east from Akyaka for Köyceğiz and Fethiye.

Datça is a seaside town that has tourism but has managed to avoid being dominated by it. The 35km to the ruins of the Knidos on the peninsular’s tip makes a good day trip, the main road heads down the center but the detour down to the coast at Palamutbükü and Mesudiye is a beautiful bike ride.

From Datça to the resort town of Marmaris is 68km through surprisingly remote countryside, following the ridge of the peninsula with, again, a lot of ups and downs, totaling at least 1000m of climbing.

Marmaris itself is one of the least inspiring tourist towns on the coast, but it calms down a lot outside of summer and its location is stunning.

It has also set up a network of day-trip cycling trails in the area if you want to stay somewhere for a few days.

The western coast through Selimiye and Bozburun is equally spectacular, less developed, and magnificent cycling. You can either detour south off the Datça-Marmaris road or make one or two-day trips from Marmaris, but crossing the center of the peninsula means a 500-m climb.

3b. Marmaris a Fethiye

A est di Marmaris la costa è un’area militare off-limits, e i 140 km fino a Fethiye sono in gran parte nell’entroterra, passando per la città lacustre di Köyceğiz, l’aeroporto di Dalaman e la trendy città di yacht di Göcek.

Per raggiungere Göcek l’autostrada passa attraverso un tunnel di 900 m, ma i ciclisti devono scalare il passo Göcek alto 345 m, questo potrebbe cambiare quando verrà aperto il secondo tunnel per alleviare il traffico.

Puoi interrompere la sezione a Köyceğiz o 10 km a sud c’è la località turistica di Dalyan, famosa per le sue tartarughe marine Caretta Caretta, le rovine di Caunus (ci sono barche a remi che ti portano attraverso il fiume) e la vicina spiaggia di Iztuzu.

3c. Fethiye-Patara

Fethiye è una città in crescita su un’ampia baia, è un posto abbastanza piacevole in cui soggiornare, ma è più una base per visitare la regione circostante che un’attrazione a sé stante.

Dirigendosi verso est ci sono 80 km di autostrada relativamente noiosa. Puoi invece dirigerti verso Esenköy e prendere un percorso molto più tranquillo e panoramico, puntando al villaggio di Minare, con le selvagge ed estese rovine dell’antica Pinara.

In alternativa, prendi l’autostrada fino a Kemer, poi sali fino alle rovine di Tlos ed esplora a piedi il canyon di Saklıkent, attraversa il ruscello gelido e risali il canyon più lontano che puoi.

Entrambe queste rovine ti riportano all’autostrada vicino a Kınık con le rovine di Xanthos, e a 7 km dell’autostrada c’è il tempio di Letoon.

La tua ultima opzione per una deviazione è a 3 km dall’autostrada, la cittadina di Patara-Gelemiş che ha forse le migliori rovine lungo la costa, non perderti il ​​faro all’estremità del sito e, oltre le rovine, c’è un grande lunga spiaggia.

Una delle principali attrazioni di Fethiye è però lo splendido tratto di costa a sud che inizia con la “laguna blu” di Ölüdeniz e termina con gli isolati hippy alla moda della piccola Kabak.

Il viaggio verso Kabak è bellissimo ma, a meno che sfortunatamente non stai attraversando Kabak, è la fine della strada. Ma se torni indietro verso Faralya e sei disposto a fare una salita di 1000 m su ghiaia, puoi prendere la strada attraverso Kirme e Alinca per ricongiungerti all’autostrada a Esen. È una salita dura ma la ricompensa è un tratto di paesaggi meravigliosi.

cicloturismo turchia
On the beach near Datça

3d. Kalkan – Kaş – Demre – Finike


I 110 km da Patara a Finike comprendono due lunghi e splendidi percorsi costieri, che sono fondamentalmente il motivo per cui sei venuto in Turchia in bicicletta. Questa è una delle strade costiere più belle del mondo e non c’è modo migliore per vederla che in bicicletta.

Ci sono quattro città lungo il percorso:

Kalkan è nota per essere un po’ esclusiva ma senza spiaggia e con poco da vedere;

Kaş, anche se turistica, può sentirsi un po’ più rilassata e la vista sul mare dal suo teatro romano è meravigliosa;

Demre è una città di pomodori, ma la chiesa bizantina di San Nicola merita sicuramente una sosta; Le rovine dell’antica Demre/Myra sono praticamente solo un teatro romano, simile a molti altri che hai visto lungo la costa, ma il vicino antico porto di Andriake con il gigantesco granaio di Adriano è più interessante.

Finike fa un uso migliore della sua costa rispetto a Demre, ma non è esattamente memorabile.

Dopo la grande salita fuori Kaş, cercate la svolta a destra per Çevreli e Üçağız che è la prossima buona via di fuga dall’autostrada.

Il piccolo villaggio portuale di Üçağız è il fulcro delle famose gite in barca alla città sommersa. Non c’è molto da vedere, ma una gita in barca può rappresentare un bel cambiamento.

Se prendi in bicicletta le strade sterrate turche, a sinistra/est oltre il cimitero puoi salire sulla collina costellata di tombe licie e visitare il piccolo ex villaggio greco di Kaleköy: i ristoranti sul lungomare rappresentano un lusso molto piacevole.

Ci sono due rovine minori lungo questa strada, visitate in gran parte dagli escursionisti della Via Licia. Vicino al villaggio di Kılıçlı, a ovest di Çevreli, una strada molto semplice conduce a sud-ovest del villaggio e, a destra, una bassa collina contiene le magre rovine di Apollonia.

Ci sono molte tombe licie, una chiesa bizantina e un piccolo teatro, ma il castello in cima alla collina merita la salita per la vista. Mentre a est, proprio dove la strada Çevreli incontra l’autostrada, un altro gruppo di tombe licie segna il sito dell’antica Sura.

Nella valle sottostante c’era un tempio dei pesci dove i sacerdoti leggevano il futuro osservando nuotare i pesci sacri.



3e. Finike – Olympos – Antalya


rovine a patara
The ruins at Patara, Mediterranean Turkey

Da Finike sono 130 km fino ad Antalya, per lo più nell’entroterra lungo l’autostrada ma con molti tratti di vista sul mare. Ci sono due tunnel ma non c’è nulla di cui aver paura.

Dirigendosi a est da Finike c’è un lungo viaggio sull’autostrada vicino alla spiaggia ma, quando la strada gira verso l’interno per Kumluca, puoi continuare lungo la costa fino a Mavikent e Karaöz e poi girare a nord. Qui troverai tre località balneari molto diverse.

Il primo è Adrasan, che sembra molto distanziato con un’atmosfera molto sonnolenta di una cittadina balneare semidimenticata.

Il secondo è Olympos, situato in una spettacolare valle boscosa con rovine romane nella giungla e una bellissima spiaggia non sviluppata.

In estate l’Olimpo è pieno di studenti universitari turchi, ma per il resto dell’anno ritorna al suo aspetto pacifico.

La brutta notizia è che tornare in autostrada è una bella salita. Oltre Olympos, ma condividendo la stessa spiaggia, c’è Çıralı, che attira una folla più anziana e tranquilla: manca la drammaticità di Olympos ma non manca la naturale fiamma eterna, la Chimera (Yanartaş) sulle colline sovrastanti.

Da Olympos ad Antalya l’unica deviazione utile è un’altra serie di spiagge e rovine a Phaselis. Le restanti città, Tekirova, Göynük e Kemer sono ghetti turistici con poco da offrire.

La città di Antalya si autodefinisce la capitale del turismo della Turchia. È una vera città con una popolazione di 2 milioni di abitanti. L’attrazione principale è il centro storico fortificato ben conservato di Kaleiçi, arroccato sulla cima della scogliera con una magnifica vista lungo la costa verso Olympos. Anche il museo archeologico locale è uno dei migliori del paese.

A est di Antalya ci sono altri due importanti siti antichi, Perge e Aspendos, con il suo teatro romano perfettamente conservato. Puoi portare la tua bicicletta sul tram e dalla stazione di Aksu sono solo 3 km per Perge, ma 31 km per Aspendos.

cicloturismo turchia
Ending the day on Olmypos beach with a local hire bike

3f. Erdek, the Kapıdağ Peninsular and the Southern Marmara Coast

Anche se Istanbul non è una città particolarmente adatta alle biciclette, un breve viaggio in traghetto lungo la costa meridionale della Marmara è una storia molto diversa.

I traghetti da Yenikapı (stazione della metropolitana e pista ciclabile costiera) partono regolarmente per Yalova, Mudanya e Bandirma. I traghetti trasportano le biciclette gratuitamente, anche se raramente viene raggiunto un limite massimo.

Bandirma è la porta d’accesso alla penisola di Kapıdağ, un’isola collinare che si unì alla costa alcuni secoli fa.

La città principale, Erdek, una piacevole cittadina turistica relativamente modesta, più apprezzata dai turchi che dagli stranieri, si trova a 19 km dal porto. A metà strada si trovano le inaspettate rovine dell’antica Kyzikos, con il suo imponente tempio di Adriano, uno dei templi più grandi dell’intero mondo romano.

Se segui un sentiero che risale la valle dietro il sito, puoi trovare le rovine ricoperte di vegetazione dell’antico anfiteatro, ma per il resto c’è poco da vedere.

Una tangenziale costiera fa un giro circolare di 110 km dell'”isola” con spettacolari viste sul mare tutto intorno, anche se tieni presente che ci sono molti sali e scendi. Se sei fortunato potresti trovare alloggio a Turan, la città più grande della costa settentrionale.

Ci sono anche molte opportunità di campeggio, ufficiali e non ufficiali. Ci sono anche due strade che attraversano la penisola da nord a sud, entrambe comportano notevoli salite.

C’è la strada principale che dista 15 km da Turan a Erdek. Il secondo è di 29 km da Erdek a Ballıpınar, prevalentemente su ghiaia. Il sentiero lungo il lato nord è un bellissimo paesaggio riposante e sulla destra/est vedrai un “terreno da picnic” erboso aperto dove puoi trovare l’antica Kirazlı Manastırı greca in rovina.

La seconda destinazione ovvia è Yalova. Un giro completo della penisola sarebbe di circa 130 km, ma la penisola stessa offre abbondanti possibilità per percorrere le strade di campagna in bicicletta e anche per fare escursioni in mountain bike.

È anche possibile fare un giro attorno al vicino lago di Iznik e visitare la città vecchia di Iznik, con le sue mura, chiese e moschee romane, bizantine e ottomane.


4. Turchia Itineari Cicloturistici Suggeriti [GPX track]


Il piccolo angolo d’Europa della Turchia, conosciuto come Tracia orientale, non è né il migliore né il peggiore ciclismo della Turchia, ma è probabile che i ciclisti che visitano la Turchia in viaggi più lunghi lo attraversino. È una zona di basse colline ondulate con piccoli centri agricoli che vedono pochi turisti.

Se provieni dalla Bulgaria probabilmente arriverai nella città di Edirne. Questa è un’ex capitale ottomana famosa per la magnifica Moschea Selimiye del XVI secolo, opera dell’architetto più famoso della Turchia, Sinan. Edirne ha anche un piccolo bazar coperto, in gran parte chiuso ai turisti, e molte importanti moschee storiche che possono facilmente riempire un giorno o due.

Se stai percorrendo in bicicletta i 230 km fino a Istanbul, il tuo riferimento di partenza è la “Via del Sultano”, il percorso culturale che va da Vienna a Istanbul. Per i ciclisti cicloturisti, il percorso consigliato prende la vecchia autostrada attraverso Hafsa con la moschea Sokullu Kasim del XVI secolo, Babaeski, con la sua moschea Semiz Ali Pasha e il ponte di pietra del sultano Mehmet IV, e Lüleburgaz con la sua grande moschea Sokullu Mehmet Pasha del XVI secolo.

Il percorso principale alternativo per MTB si trova a nord dell’autostrada attraverso strade di campagna più piccole, ma senza nulla da vedere. Controlla il loro sito web per i dettagli.

4a. Pedalare a Istanbul

La Grande Istanbul non è la città migliore in cui entrare o uscire in bicicletta, se poi devi evitare la principale autostrada costiera e dirigerti verso la piccola città di Arnavutköy e poi a sud fino alla stazione della metropolitana Halkalı, a sud-est fino alla stazione della metropolitana Basaksehir o a est attraverso la foresta di Belgrado e la stazione della metropolitana Haciosman. Se sei davvero determinato a pedalare fino in fondo allora puoi puntare a Eyüp.

Potresti però evitare del tutto di pedalare per Istanbul e dirigerti a sud, oltre Uzunköprü e il suo ponte in pietra ottomano lungo 1,4 km, 230 km fino a Çanakkale.

Ci sono due traversate in traghetto dei Dardanelli, Gelibolu-Lapseki e Kilitbahir – Çanakkale.

Da Çanakkale puoi dirigerti a est verso Bandırma e la penisola di Kapıdağ e poi a est in Turchia o a sud verso Izmir.

Se vuoi visitare Istanbul puoi prendere il traghetto da Bandırma o Yalova. Questo è un bene anche per chi prende la traversata di Ipsala meridionale dalla Grecia.


5. Cicloturismo Cappadocia [bike route & GPX track]


La Cappadocia è uno dei paesaggi più famosi della Turchia e, ovviamente, puoi godertelo in bicicletta.

Un bel giro in bicicletta in Cappadocia, 180 km, inizierebbe ad Aksaray e si dirigerebbe a sud per visitare Selime nella Valle dell’Ilhara con le sue case e chiese scavate nella roccia. Puoi percorrere una strada sterrata fino a Belisırma ma per esplorare la parte principale della valle con le migliori chiese dovrai proseguire lungo la valle a piedi.

Da Belisırma dirigiti a Güzelyurt con la sua ex chiesa di San Gregorius. Torna indietro e dirigiti a est verso Derinkuyu oltrepassando le città sotterranee di Gaziemir e Derinkuyu, quindi prosegui verso est fino alla valle di Soğanlı, con un altro gruppo di case e chiese scavate nella roccia, poi a nord attraverso Ürgüp fino a Göreme, l’epicentro del turismo in Cappadocia, con molte giornate a disposizione opzioni di corsa.

Probabilmente non vorrai perderti le iconiche mongolfiere della Cappadocia. Se vuoi solo girare per questa regione, ecco come raggiungere la Cappadocia da Istanbul.


6. The Kaçkars Itinerario Cicloturistico e GPS track


The Kaçkars: Erzurum – Artvin – Georgia

Questa è una strada che probabilmente attraverserai se sei diretto in Georgia, ma è anche una delle regioni montuose più belle della Turchia, quindi vale la pena visitarla di per sé.

La cattiva notizia è che la valle principale di Çoruh, un tempo un bellissimo fiume selvaggio che ha ospitato anche i campionati mondiali di kayak, è stata sostituita da una serie di grandi dighe che si attraversano lungo una nuova autostrada scavata a metà della scogliera deforestata e ne affollano una dozzina o più. tunnel. L’unica buona notizia è che i tunnel sono ampi e ben illuminati e non presentano grossi rischi per i ciclisti.

Da Erzurum ci sono 35 km di salita facile, poi inizia la lunga e facile discesa. A circa 100 km da Erzurum, il Lago Tortum si è formato un secolo fa da una frana, e c’è una piccola penisola, vicino a Balıklı, che è un popolare luogo di picnic e una sorta di area designata per il campeggio libero. Ci sono anche alcune pensioni nella zona.

Sono altri 5 km fino all’imponente cascata Tortum (Tortum Şelalesi). Da Balikli è un bellissimo giro in bicicletta di 38 km fino a Yusufeli (che tra qualche anno sarà sommerso dalla prossima diga)

Vicino alla strada Erzurum-Yusufeli si trovano tre chiese georgiane medievali, segnalate dalla strada principale.

La prima è Haho-Khakhuli, ora la moschea del villaggio di Bağbaşi, situata a 8 km e 300 m di salita dalla strada principale. La deviazione è meglio segnalata per Pehlivli.

La seconda è Öşkvank nel villaggio di Çamliyamaç, che dista 7 km e 300 m di salita dalla strada principale.

La terza è Işhan, nel villaggio omonimo. Si trova dopo Tortum Şelalesi, dove, invece di girare a sinistra per Yusufeli e Artvin, bisogna girare a destra e percorrere altri 5,6 km, poi girare a sinistra sulla strada del villaggio, e infine affrontare una ripida salita di 6,3 km.

Da Yusufeli a Artvin sono 74 km o 103 km per Borçka. Questa strada è un susseguirsi di tunnel lungo una strada scavata a metà di una scogliera, senza altri paesi lungo il percorso e con opzioni di campeggio molto limitate.

I dodici o più tunnel sono lunghi circa 1-2 km, ben illuminati, con una corsia molto larga in ogni direzione. Questo significa che le auto ti vedranno e avranno spazio a sufficienza per evitarti. Artvin stessa è una dura salita di 300 m in 3,5 km su una strada trafficata, quindi è meglio restare sulla strada principale e cercare alloggio o un campeggio a Borçka.

Direttamente da Balikli a Borçka sarebbero 120 km, anche se sostanzialmente in discesa. Da Borçka, si lascia il fiume e i 40 km fino a Hopa sulla costa, con circa 400 m di salita se si prende il tunnel o 700 m se si prende la vecchia strada. Da Hopa, è facile percorrere 20 km sulla strada principale fino al confine georgiano a Sarp.

In teoria, i Kaçkar dovrebbero essere un’ottima area da esplorare e fare mountain bike, ma in pratica le strade delle valli laterali sono troppo ripide. Alcune opzioni sono però migliori di altre.

Da Yusufeli, sono 17 km via Tekkake fino all’impressionante chiesa in rovina di Dörtkilise, ma gli ultimi 6 km sono una salita di 400 m. Olgunlar, la fine della strada e accesso alle escursioni al Monte Kaçkar, è a 54 km di distanza ma con una salita di 1400 m.

Puoi suddividere la salita in due tappe soggiornando ad Altiparmak-Barhal, che ha la propria ex chiesa georgiana che sta per completare una grande ristrutturazione.

A meno che tu non stia pianificando di fare mountain bike intensiva in Turchia, e molti tratti a piedi, questo è un viaggio di andata e ritorno, ma la lunga discesa su una buona ma tranquilla strada accanto a un bellissimo torrente è una delle migliori pedalate del paese, rendendo il viaggio di ritorno più che valido.

Il campeggio libero è sconsigliato nella zona, ma ci sono pensioni a Olgunlar e Barhal e un campeggio a 3-4 ore di cammino da Olgunlar verso il Monte Kaçkar.

È sicuramente un buon viaggio da fare in bicicletta, trascorrere uno o due giorni facendo escursioni, e poi tornare indietro in bicicletta. Soggiornando a Olgunlar, puoi raggiungere il bellissimo lago di montagna Deniz Gölü con un’escursione di un giorno, mentre se soggiorni al campeggio, puoi tentare la salita alla vetta del Monte Kaçkar di 3.973 m.

Infine, la strada tra Ispir e Yusufeli segue la sezione superiore del fiume Çoruh ed è attualmente la cosa più vicina a quello che una volta era la valle principale. Sfortunatamente, sono previste dighe anche qui e una sta per essere completata tra Ispir e Bayburt.

Ci sono varie opzioni qui, tra cui un’escursione di un giorno da Yusufeli visitando i vari piccoli castelli lungo il fiume, prendendo il percorso leggermente più lungo di 220 km da Erzurum via Ispir, o anche venendo da molto più a ovest e pedalando i 175 km da Bayburt a Yusufeli.

Bayburt è anche l’inizio della leggendaria strada Bayburt-Of, una strada parzialmente sterrata che scende spettacolarmente verso la costa e che è stata soprannominata “la strada più pericolosa della Turchia”.


7. The North East: Artvin – Doğubeyazit


I 400 km tra Artvin e Doğubeyazit sono duri, remoti ma gratificanti pedalando in Turchia, mescolando le lussureggianti montagne verdi intorno ad Artvin con l’arido altopiano intorno a Kars.

Oltrepasserai il bellissimo lago Çıldır in alta quota e il monte Ararat a 5.137 m. Ci sono chiese georgiane abbandonate, la capitale medievale in rovina di Ani, il maestoso Castello del Diavolo e il magnifico Palazzo Ishak Pasha.

La sfida più grande è il Cam Pass 2.520 tra Şavşat e Ardahan, che è una salita di 1.200 m se vai a est da Şavşat ma solo 700 m in direzione ovest.


8. The East: Doğubeyazit to Diyarbakir


cicloturismo turchia
The 11th Century Great Mosque of Diyabakir

Si tratta di un giro in bicicletta di 535 km attraverso il cuore della Turchia orientale curda. Non è così remoto come una volta, sei sempre sull’autostrada, ma questo di solito significa una buona strada con poco traffico.

Lo scenario è aspro, anche se ciò significa una discreta quantità di dislivelli, il terreno purtroppo è in gran parte deforestato.

Lasciando Doğubeyazit dovrai affrontare il Passo Tendurek a 2600 m. La distanza da Van è di 160 km e l’unico hotel lungo il percorso è a Muradiye, dove vale la pena fermarsi alle cascate appena fuori dal percorso.

Da Van a Tatvan sono 137 km, sfortunatamente non c’è strada lungo il lago e ci sono molti sali e scendi, ma il passo più alto è stato sostituito da un tunnel relativamente sicuro. Lungo la strada, puoi fermarti a Gevaş e prendere una delle barche regolari per la piccola isola di Akdamar con la sua meravigliosa chiesa armena.

Gli ambiziosi possono svoltare e proseguire verso nord per 17 km lungo una bellissima strada sterrata accanto al lago fino al villaggio di Altınsaç, appena superato il villaggio lasciare la bicicletta e camminare fino al monastero abbandonato di San Tommaso.

Da Tatvan sono 80 km in discesa sull’autostrada fino alla cittadina di Ziyaret, una dura salita di 1000 m in direzione nord.

Ziyaret è di scarso interesse per i turisti, ma la tomba del santone locale Veysal Karani è un’attrazione popolare. Da Ziyaret ci sono 150 km fino alla capitale provinciale di Diyarbakir, oltre il ponte Malabadi del XII secolo e Silvan con le sue antiche mura e la Grande Moschea del XII secolo.

La stessa Diyarbakir è un’importante città antica con le sue grandi mura di basalto nero risalenti alle città romane e la Grande Moschea dell’XI secolo.


Attraversare la Turchia in Bicicletta


cicloturismo turchia
Cycling beside Lake Çıldır, N.E. Turkey

La maggior parte dei cicloturisti in Turchia, nel bene e nel male, cercano di spostarsi da una parte all’altra. Pedalando attraverso la Turchia dalla Grecia o dalla Bulgaria alla Georgia o all’Iran.

Non esiste un candidato ovvio per il percorso migliore e l’abbondanza di scelte dipende dalla distanza, dal tempo e da ciò che vuoi vedere.

Esiste un numero quasi infinito di variazioni sulle variazioni. Cercheremo di scomporlo in 5 percorsi fondamentali.

  1. Black Sea Coast: Istanbul – Hopa [ca.1350 km]
  2. North Central Crossing: Yalova – Dogubeyazit [ca. 1750 km]
  3. Through Central Turkey: Bandirma – Doğubeyazit [ca. 2000 km]
  4. The Inner South Route. Izmir – Doğubeyazit [ca. 2250 km]
  5. The coastal route and East: Izmir – Doğubeyazit [ca. 2500 km]

Tour in bicicletta in Turchia sulla costa del Mar Nero – Mappa del percorso 1

cicloturismo turchia itinerario

1. Pedalando lungo la costa del Mar Nero: Istanbul – Hopa [ca. 1350 km]


Pro: percorso pianeggiante, più breve per la Georgia, meno caldo d’estate.

Contro: Molto umido e piovoso, la sezione orientale è un’autostrada lunga e noiosa.

La strada:

Guardando una mappa questa è la strada più ovvia da percorrere, soprattutto se sei diretto in Georgia. Il percorso però presenta due grossi inconvenienti, la pioggia e l’umidità, e la noiosa sezione orientale.

Uno dei vantaggi del percorso è la facile uscita da Istanbul, in direzione est da Beykoz, sul lato orientale del Bosforo settentrionale.

Una volta superata la città industriale di Zonguldak, la strada per Sinop e Samsun è una delle zone più remote della Turchia, con una piccola strada di campagna che unisce i villaggi di pescatori, e questo è uno dei punti salienti di questo percorso.

Dopo Samsun, però, la sezione orientale è una brutta autostrada ampia e trafficata. Il terreno è così ripido che non ci sono strade alternative est-ovest e gran parte della strada stessa è una brutta cicatrice da vedere, soprattutto se si pedala verso est sul lato interno.

Questo è l’unico percorso che fondamentalmente esiste uno e un solo percorso. Un’opzione però, soprattutto se vai in Iran piuttosto che in Georgia, è quella di percorrere la bellissima e remota parte centrale, quindi girare nell’entroterra da Samsun verso Amasya e Tokat e unirti alla Route 2.

Cose da vedere:

Uno degli svantaggi di percorrere in bicicletta questo percorso attraverso la Turchia è che ci sono meno cose interessanti da vedere rispetto ad altri percorsi, ma ci sono comunque alcune attrazioni.

All’estremità occidentale si trovano le antiche città di Amasra e Sinop mentre a est si trova la grande città di Trabzon, un tempo capitale di un regno greco medievale indipendente.

L’attrazione principale è l’ex monastero di Sumela, nel profondo delle montagne, ma per una gita di un giorno dovrai prendere l’autobus.

L’interno di questa costa ha foreste lussureggianti e molti villaggi di vecchie case di legno, ma le strade sono generalmente troppo ripide per essere adatte alle biciclette.

Ci sono alcune valli, come da Pazar, oltre Çamlıhemşin al castello di Zil, oltre molti vecchi ponti di pietra a schiena d’asino che possono essere tentati.


Cicloturismo Turchia: mappa Itinerario 2 e GPX

cicloturismo turchia itinerario

2. Incrocio Centro-Nord: Yalova – Dogubeyazit [ca. 1750 chilometri]


Pro: Il percorso di fondo più breve, una buona opzione estiva.

Contro: Meno da vedere e meno varietà rispetto ai percorsi più a sud. Nessun ciclismo costiero.

Il percorso in bicicletta:

Prendi il traghetto da Istanbul a Yalova e dirigiti a sud-est verso Iznik. Proseguire verso est lungo la vecchia strada attraverso Geyve, Göynük e Beypazarı è un’opzione migliore rispetto alle due autostrade su entrambi i lati.

Se vuoi visitare Ankara, ma è facilmente deviabile, prima di dirigersi a est verso Yogat e l’antica capitale ittita di Boğazkale, qui puoi esplorare le piste ciclabili della “Via Ittita”. Da qui raggiungi la storica città di Amasya, poi prendi l’autostrada attraverso Erzincan ed Erzurum fino a Doğubeyazit.

Se vuoi uscire dall’autostrada, puoi andare a nord ed esplorare la strada di montagna attraverso Bayburt e İspir, e anche Yusufeli se hai tempo o sei diretto in Georgia.

Oppure, da Boğazkale, invece, dirigiti verso Sivas e Divriği con la sua moschea medievale e l’ospedale, patrimonio dell’UNESCO. Da lì puoi seguire l’Eufrate superiore attraverso Kemaliye e Kemah fino a Erzurum.

Cose da vedere lungo la pista ciclabile della Turchia centrale:

Questo percorso ciclabile ti porta attraverso molte città turche ottomane e pre-ottomane. La prima è la città lacustre di Iznik con le sue grandi mura e porte romano-bizantine e diverse importanti moschee e madrase ottomane, sia Taraklı che Göynük sono città museo di epoca ottomana poco visitate, con più case che monumenti.

Riverside Amasya è orgogliosa di essere l’antica residenza dei principi ottomani e conserva molte dimore lungo il fiume, alcune ora trasformate in hotel, così come molte moschee ottomane e tombe scavate nella roccia degli antichi re del Ponto.

L’austera Erzurum era la capitale di un piccolo principato o beylik e ha due magnifiche madrasse turche.

Questo percorso attraversa anche il cuore degli Ittiti, i sovrani dell’età del bronzo dell’antica Turchia. L’ampio sito è forse più interessante che accattivante, ma il canyon claustrofobico di Yazılıkaya, una cappella virtuale dedicata agli dei ittiti scolpita sulle sue pareti, è unico.

Il sito è vasto con molti templi in rovina e lunghe mura con la famosa porta dei leoni. Esplorare il “sentiero ittita” ti consente anche di visitare altri siti vicini come Alacahöyük con la sua porta della Sfinge e il Grande Tempio di Sapinuwa vicino a Ortaköy.


Itinerario 3 attraverso la Turchia centrale: mappa e GPX

cicloturismo turchia itinerario

3. Attraverso la Turchia centrale: Bandirma-Doğubeyazit [circa 2000 km]


Pro: buon equilibrio tra distanza e visite turistiche.

Contro: nessun ciclismo costiero.

Il percorso in bicicletta:

La prima sezione più semplice di questo percorso è prendere il traghetto per Yalova e iniziare con il percorso “Sufi Trail”, attraverso Iznik, Eskişehir e Afyon fino a Konya. È possibile seguire il percorso escursionistico relativamente da vicino su strade secondarie sterrate o meno da vicino sul vicino bitume.

Da Konya puoi dirigerti a est attraverso i resti neolitici di Çatalhöyük verso la Cappadocia. Da lì dirigiti a est attraverso Tufanbeyli e Malatya fino a Elazığ e poi attraverso le montagne fino a Diyarbakir.

Da Diyarbakir, dirigiti a est verso Silvan e la cittadina di Ziyaret dove girerai a nord salendo fino al Lago Van a 1.600 m.

Da Van City, puoi dirigerti a est fino al primo valico di frontiera con l’Iran o a nord attraverso il passo Tendurek a 2600 m fino a Doğubeyazit (e il secondo valico con l’Iran) o lungo la strada verso nord verso la Georgia.

Ci sono molte varianti possibili nel primo tempo. Potresti invece prendere il traghetto per Bandrima, esplorare la penisola di Kapıdağ, quindi dirigerti a sud-est verso Kütahya e unirti alla via Sufi a sud di Eskişehir.

Intorno a Kütahya, Eskişehir e Afyon puoi esplorare le valli frigie, in particolare non perderti Yazilikaya con gli imponenti resti di Midas Şehri, con la sua “Tomba di Midas” simile a Petra.

Da Yazilikaya alla Cappadocia puoi saltare Konya e prendere il percorso più breve attraverso Emirdağ e Cihanbeyli e attorno ai margini della pianura del lago salato di Tuz Gölü. Questa zona è pianeggiante e piuttosto remota.

Un’altra alternativa vi porta passando per Yalvaç, con le rovine di Antiochia Psidiana, fino a Konya passando per Beyşehir con la sua moschea Eşrefoğlu del XII secolo.

Cose da vedere:

Questo percorso offre molto da vedere, la città vecchia di Iznik, l’imponente “Tomba di Mida” nelle Valli Frigie, la tomba di Rumi a Konya e il neolitico Çatalhöyük.

Ci sono i paesaggi della Cappadocia con i suoi tubi e le sue chiese sotterranee e le massicce mura della Vecchia Diyarbakir.

C’è il gigantesco lago Van nell’entroterra con la chiesa medievale di Akdamar sulla sua piccola isola e il remoto palazzo in rovina di Ishak Pasha a Doğubeyazit.


Cicloturismo in Turchia: mappa e percorso della Route 4


Il percorso del sud interno. Smirne – Doğubeyazit
[circa. 2250 chilometri]


cicloturismo turchia
The ancient theatre of Hierapolis, Pamukkale

Partendo da Izmir avrai un assaggio della costa prima di una lunga corsa nell’entroterra con una buona varietà di paesaggi.

Pro: Un po’ di tutto, un mix di paesaggi e opportunità di esplorare strade secondarie. Ancora caldo ma possibile in estate, ma più sopportabile.

Punti negativi: Troppe scelte!

La strada:

Dirigiti a sud attraverso Selçuk e prendi la strada Koçarlı, puoi restare a sud della strada principale Aydin-Denizli (oppure puoi esplorare la costa a sud di Didim e attraversare da Milas via Labranda fino a Çine).

Da Denizli attraversi il “distretto dei laghi” della Turchia fino a Burdur, poi dirigiti a Sagalassos vicino a Isparta, e poi puoi esplorare le montagne intorno a Sütçüler prima di risalire attraverso Beyşehir fino a Konya.

Qui ti unisci alla Route 2 per la Cappadocia e dirigiti verso est attraverso Tufanbeyli e Afşin. Lì il percorso si biforca nuovamente e ti dirigi a sud-est attraverso Göksun, attraverso le montagne dell’Anti-Tauro in direzione di Kahta e il monte Nemrut.

Da Kahta dirigiti a est verso Siverek, Diyarbakir e Batman e poi la grande salita fino al Lago Van a 1600 m. La città di Van è il sito di un valico di frontiera con l’Iran, l’altro, Doğubeyazit, si trova oltre il passo Tendurek a 2600 m. Se stai pedalando verso la Georgia, prosegui verso nord, supera Kars e il lago Çildir.

Ci sono molte varianti possibili, in particolare unendo i percorsi 2 o 3 dopo la Cappadocia o il percorso 5 dopo Nemrut. Un’altra variazione importante sarebbe quella di saltare la Cappadocia e dirigersi invece a sud verso Karaman e prendere la strada Mut a sud verso Silifke e raggiungere una piccola costa mediterranea e unirsi alla Route 5.

Cose da vedere:

Uno dei vantaggi di questo percorso è la vasta gamma di attrazioni e paesaggi lungo il percorso. Da grandi città come Efeso e Pamukkale, attraverso laghi e montagne fino a siti meno visitati come Sagalassos e Adada, vicino a Sütçüler.

Poi c’è la moschea Eşrefoğlu del XIII secolo a Beyşehir, la tomba di Rumi a Konya e il vicino Çatalhöyük neolitico.

Dopodiché, ci sono i paesaggi lunari della Cappadocia, con le loro chiese bizantine, e poi il remoto Anti-Toro con le spettacolari statue in cima alle montagne del Monte Nemrut.

Da lì si arriva al cuore curdo, con la città medievale fortificata di Diyarbakir seguita dalle chiese armene abbandonate attorno al grande lago Van ad alta quota.


Attraversa la Turchia in bicicletta: mappa del percorso 5 e GPX


5. Pedalando lungo la costa della Turchia e dell’Est: Izmir – Doğubeyazit [ca 2500 km]


Un percorso più lungo, che sfrutta al meglio la bellissima costa. Fa molto caldo in estate, è il clima ideale per il ciclismo in primavera e autunno, clima perfetto e meno fatica.

Pro: Tanti bellissimi percorsi in bicicletta lungo la costa, un mix di “Mediterraneo” e “Mediorientale”, molto da vedere lungo il percorso, ottimo per chi arriva dalle isole greche.

Contro: Alcune parti sono piuttosto turistiche, calde e affollate in estate, potenzialmente più lunghe.

Meteo: l’estate è spesso superiore ai 40 C, umida a ovest e secca a est. La primavera e l’autunno sono generalmente stabili a 20-30 C, con tempo soleggiato perfetto. L’inverno a ovest è un misto di pioggia e fresche giornate soleggiate, a est può essere sotto lo zero e nevicare.

La strada:

Il percorso più semplice è dirigersi a sud da Izmir, attraverso Selçuk, Söke, Didim e Bodrum, prendere il traghetto per Datca e poi seguire l’autostrada attraverso Fethiye e Kas fino ad Antalya. Poi proseguire verso est attraverso Anamur e Silifke fino a Mersin e Adana.

Qui finisce il Mediterraneo e si passano alcune delle città più orientali della Turchia, GaziAntep, ŞanlıUrfa e Mardin.

Quindi gira a nord verso Batman e sali al Lago Van a 1600 m. La provincia di Van è il sito di un valico di frontiera con l’Iran, l’altro, Doğubeyazit, si trova oltre il passo Tendurek a 2600 m. Se stai pedalando dalla Turchia alla Georgia, prosegui verso nord, supera Kars e il lago Çildir.

Se provieni dalle isole greche ci sono anche diversi punti di arrivo possibili, Çeşme-Chios, Kuşadası-Samos, Bodrum-Kos e Marmaris-Rodi..

Cose da vedere:

Le regioni dell’Egeo e del Mediterraneo comprendono molti dei “più grandi successi” del turismo turco, dalle rovine di Efeso e il teatro romano di Aspendos alle spiagge di Oludeniz e Olympos e, se visiti in primavera o autunno adatti al ciclismo, le folle sono più sopportabile.

Ma ci sono molti altri posti, grandi e piccoli, ben conosciuti (come Knidos e Patara) e meno visitati (ad esempio Magnesia con il suo straordinario stadio e la remota collina Labranda).

A est di Antalya i siti diventano più rari ma fuori dai sentieri battuti, ci sono belle rovine romane ad Anamur e il magnifico castello al largo di Kızkalesi. Nelle vicinanze si possono visitare anche i canyon del ‘Paradiso’ e dell’ ‘Inferno’.

Intorno ad Adana ci sono molti castelli e Yılankale e Toprakkale sono entrambi vicini all’autostrada. Una variante, soprattutto se vuoi uscire dall’autostrada, è dirigersi a nord da Yilankale verso le rovine romane di Anavarza e il tempio neo-ittita di Karatepe.

Da Urfa si possono fare escursioni alle rovine di Göbeklitepe e Harran mentre a Midyat si possono visitare le chiese Suryani. Dirigendosi a nord c’è meno da vedere fino a raggiungere la vecchia Bitlis e le chiese armene attorno al lago Van.


Conclusioni


Andare in bicicletta in Turchia è un’ottima idea. Non importa se hai intenzione di fare un giro in bicicletta attraverso il paese o di venire in Turchia per una breve vacanza in bicicletta.

Anche se sei un appassionato ciclista di mountain bike (MTB), ci sono molti sentieri che aspettano di essere esplorati in Turchia.

Speriamo di avervi dato tutti gli itinerari, i consigli e tutto quello che c’è da sapere per attraversare la Turchia in bicicletta.

Please contribute in the comment section to make this blog article better!

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media

Sharing is caring!