Spiti Valley Bikepacking – Il Nostro Viaggio in Bici nell’Himalaya

Last Updated on 10 Maggio 2024 by Cycloscope

spiti valley bikepacking

Il nostro tour in bici nella Spiti Valley: condizioni stradali, clima, dove dormire, sicurezza, segnale telefonico: tutto quello che devi sapere

Il nostro viaggio in bici sull’Himalaya è iniziato a Shimla, la capitale dell’Himachal Pradesh, ai piedi dell’Himalaya. Da qui abbiamo pedalato lungo la bellissima valle dello Spiti fino a Kaza, affrontato il difficile passo Kunzum e infine siamo approdati sulla Manali Leh.

È stato senza dubbio uno dei viaggi più belli della nostra vita. I paesaggi maestosi, la cultura millenaria, la gente, il cibo. Tutte queste cose rendono questa piccola parte del mondo una delle più uniche che puoi visitare.

Ovviamente la stagione migliore per visitare questa zona è l’estate. La strada è comunque mantenuta in buone condizioni, tempo permettendo, fino a Kaza. Siamo partiti all’inizio di giugno e, a parte un po’ di pioggia all’inizio, abbiamo trovato sole e bel tempo.

La stagione estiva (da giugno a settembre) è relativamente breve ma è il periodo migliore per visitare la Spiti Valley. Le temperature diurne sono piacevoli, variando dai 15°C ai 25°C circa, ma le notti possono essere ancora fredde. Il clima della Spiti Valley è caratterizzato da inverni rigidi, estati brevi, scarse precipitazioni e condizioni di alta quota.

Acclimatazione e mal di montagna

Questa strada non è a quote molto elevate come la Manali Leh, il punto più alto è il passo Kunzum (14.931 ft o 4551 m) ma è comunque necessario prestare attenzione ai problemi legati all’altitudine, sarete spesso al di sopra dei 3000 metri (9842 ft).

Il mal di montagna si verifica quando non si ottiene abbastanza ossigeno dall’aria ad altitudini elevate, causando sintomi come mal di testa, diminuzione dell’appetito e disturbi del sonno. Comunemente si verifica quando individui non abituati alle alte altitudini salgono rapidamente da quote più basse a 2500 metri (8000 piedi) o più in alto. Ad esempio, guidare su un passo di montagna elevato, fare trekking verso altitudini più elevate o raggiungere un resort di montagna possono causare sintomi come mal di testa.

Viaggiare in bicicletta naturalmente non comporterà un’ascesa così rapida come se si viaggiasse in auto. Allo stesso tempo, tuttavia, consumerete più ossigeno e anche se la salita stessa non è come pensate, sembrerà che stiate facendo molto più sforzo del normale.

Il mal di montagna lieve è un fenomeno comune e gli esperti non possono prevedere chi lo esperimenterà e chi no. Fattori come il livello di fitness o il genere non influenzano la probabilità di sviluppare il mal di montagna.

Nel nostro caso, Daniele non ha avuto quasi nessun problema mentre io ho sofferto un po’. Non so se il fatto di soffrire di asma lieve abbia contribuito, ma spesso avevo tosse di notte e difficoltà respiratorie. Un paio di volte ho preso farmaci comprati in India (Diamox) e mi hanno fatto sentire subito meglio.

I principi dell’acclimatamento sono delineati da tre regole, il rispetto delle quali massimizza il processo:

  • Salire in alto, dormire in basso: Salire a quote più elevate durante il giorno ma scendere a quote più basse per dormire. Questa esposizione graduale consente al corpo di adattarsi più efficacemente ai livelli ridotti di ossigeno alle altitudini più elevate.
  • Ascesa lenta, evitare sovraccarichi: Adottare un approccio graduale all’ascesa a quote più elevate, evitando cambiamenti rapidi. Questo aiuta il corpo ad adattarsi alle condizioni ambientali mutevoli. Bisogna ridurre al minimo lo sforzo eccessivo per evitare stress indebito durante il processo di acclimatamento.
  • Idratarsi, idratarsi, idratarsi: Mantenere adeguati livelli di idratazione bevendo costantemente una quantità sufficiente di acqua. Mantenere un’ottima idratazione aiuta a far fronte alle sfide fisiologiche poste dalle altitudini più elevate e supporta il processo di acclimatamento.

Ci sono molte basi militari lungo il percorso, se ti senti male recati da loro, sanno come trattare i sintomi e sono gli unici che possono aiutarti. Purtroppo, molti turisti indiani non prendono alcuna precauzione e ci sono morti ogni anno. L’alcol non aiuta, quindi non bere. I piccoli negozi lungo la strada vendono bombole di ossigeno.


Condizioni Stradali e Clima

Le condizioni della strada da Shimla a Kaza sono piuttosto buone. La maggior parte della strada è asfaltata ad eccezione di alcune parti dove ci sono lavori in corso. Date le condizioni climatiche difficili, spesso ci sono lavori per riparare la strada, specialmente dopo l’inverno.

La strada per la Valle di Spiti, sebbene sia stata oggetto di miglioramenti negli ultimi anni, affronta ancora sfide in termini di costruzione e manutenzione stradale. Pendenze ripide, passaggi stretti e terreno instabile rendono difficile stabilire un’infrastruttura stradale stabile, aumentando il rischio di frane. Deforestazione, pratiche di uso del territorio non corrette e la presenza di numerosi ghiacciai possono contribuire alle frane attraverso il ritiro glaciale, il disgelo del ghiaccio e il rilascio di detriti sulla superficie della valle. Abbiamo incontrato più di qualche frana lungo la strada, è sufficiente attendere, di solito un paio d’ore, mentre puliscono il passaggio.

Considerate che la strada per il Passo Kunzum apre tra la fine di maggio e l’inizio di giugno, a seconda delle condizioni. Puoi verificare lo stato delle strade qui.


Segnale del telefono, elettronica e GPS

Il segnale è abbastanza buono, avevamo Airtel India e avevamo ricezione nei villaggi mentre lungo la strada non sempre. Abbiamo sentito dire che BSNL (l’operatore nazionale) ha una migliore ricezione nei luoghi remoti. Nei villaggi più grandi puoi trovare il wifi negli hotel e negli ostelli, non funziona sempre ma è sufficiente per controllare le cose essenziali.


Spese ed ATM

Ci sono sportelli automatici nei principali villaggi, ma non sempre funzionano con le carte internazionali e il limite di prelievo è piuttosto basso, di solito 100.000 rupie. Consigliamo di portare con sé abbastanza contanti per il viaggio. Pagare con carta non è molto comune e anche se prenoti tramite Booking.com o simili, il pagamento è gestito dall’hotel ed è di solito in contanti.


Attrezzatura per il Tour in Bicicletta da Manali a Leh

Abbiamo deciso di affrontare questo viaggio in bicicletta in modo molto leggero, senza portare alcuna attrezzatura da campeggio, specialmente considerando l’autostrada da Manali a Leh, che richiede molto sforzo soprattutto a causa dell’altitudine, meno peso da trasportare e più leggerezza per le nostre gambe.

Il nostro equipaggiamento per il viagggio in bici nella Spiti Valley


Dove Dormire nella Spiti Valley

Disclosure: Some of our articles contain affiliate links. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running. (as Amazon Associates we earn commission from qualifying purchases)

spiti valley cicloturismo

Ci sono guest house, hotel e homestay ovunque lungo la strada. Non avrai problemi a trovare un posto dove dormire. Al contrario, specialmente lungo la prima parte della strada, non ci sono molte opportunità di campeggio selvaggio. Mentre lungo la strada da Manali a Leh ci siamo pentiti di non essere riusciti a campeggiare in posti meravigliosi, lungo la Valle di Spiti non abbiamo molto sentito la mancanza della tenda. I muri ai lati della strada sono verticali e le frane sono comuni. Altri ciclisti ci hanno raccontato di aver spesso campeggiato sui tetti piatti delle case locali.

Abbiamo scelto le homestay locali, spesso sono case tradizionali, molto economiche, solitamente intorno alle 1200 rupie, cena e colazione sono incluse e avrai l’opportunità di interagire con gli abitanti. Nei principali villaggi, troverai anche hotel, di solito con ristorante, a prezzi leggermente più alti.

Le nostre Home Stay preferite


Festivals nella Spiti Valley

Alcuni dei festival celebrati nella Valle di Spiti:

  • Festival di Losar: Losar segna il Capodanno tibetano e viene celebrato con fervore nella Valle di Spiti. Di solito cade tra febbraio e marzo, a seconda del calendario lunare. Il festival coinvolge vari rituali, tra cui canti, danze mascherate (Chham) e offerte di preghiere per la prosperità e la buona salute.
  • Festival di Tsheshu: Questo festival viene celebrato nei mesi estivi, di solito tra giugno e luglio. Coinvolge colorate danze mascherate eseguite dai monaci presso vari monasteri della Valle di Spiti. Queste danze raffigurano storie della mitologia buddhista e fungono da forma di insegnamento religioso e intrattenimento.
  • Festival di Gochi: Gochi è un festival del raccolto celebrato dai locali nel mese di settembre. Segna la fine della stagione agricola ed è un momento di gioia e celebrazione per i villaggi, per festeggiare l’abbondanza della terra. Canzoni popolari tradizionali, danze e banchetti sono parti integrali del Festival di Gochi.
  • Festival di Gataur: Celebrato nel mese di febbraio, Gataur è un festival unico dedicato al culto degli animali. I villaggi si riuniscono per rendere omaggio al loro bestiame, cercando benedizioni per il loro benessere e prosperità. Il festival è caratterizzato da rituali, preghiere e offerte agli animali.
  • Dakthok Tseschu: Dakthok Tseschu è un importante festival buddhista celebrato al Monastero di Dakthok nella Valle di Spiti. Di solito cade a luglio e coinvolge danze mascherate, preghiere e rituali eseguiti dai monaci per commemorare Guru Padmasambhava, il fondatore del Buddhismo tibetano.

Festival del Monastero di Sakya Tangyud: Questo festival si svolge al Monastero di Sakya Tangyud nel villaggio di Kaza. Di solito si tiene a giugno e presenta musica tradizionale tibetana, performance di danza e cerimonie religiose. Il festival attira locali e turisti da tutto il mondo.


Permessi per la Spiti Valley Road

Avrai bisogno di un permesso per una parte della strada, puoi ottenerlo a Rekong Peo o Kaza, a seconda della direzione che stai seguendo. Noi l’abbiamo ottenuto a Rekong Peo; il permesso è abbastanza facile da ottenere. Siamo andati da un agente all’interno dell’edificio dell’ufficio turistico (qui), abbiamo compilato un modulo, pagato e aspettato un paio d’ore.


Il nostro tour in bici nella Spiti Valley


spiti valley cicloturismo

Giorno 1 da Shimla a Kumarsain (92km)

Shimla è stata una piacevole sorpresa. Qui tutti camminano con respiro pesante, scale e ripide salite collegano le case in un labirinto di spettacolari vicoli. Originariamente stabilita come capitale estiva durante il dominio britannico, la sua architettura coloniale, inclusa l’iconica Viceregal Lodge, aggiunge al suo fascino storico.

A Shimla abbiamo fatto controllare le nostre biciclette presso @bikebros, che noleggia anche biciclette e organizza avventure in bicicletta nell’Himalaya. Inoltre, sono stati molto utili durante il nostro viaggio, abbiamo avuto alcuni problemi meccanici lungo la strada e sono stati in grado di inviarci i pezzi di ricambio di cui avevamo bisogno.

Abbiamo lasciato Shimla attraverso una ripida salita di 8 km, il traffico era intenso e rumoroso. Abbiamo iniziato il nostro viaggio all’inizio di giugno, insieme a centinaia di migliaia di turisti indiani. Le principali festività indiane durano circa 2 settimane, se possibile evitare quella stagione. Da Shimla c’è una strada alternativa per raggiungere il primo passo, è più lunga di 5 km e meno faticosa, ma non conosciamo le condizioni di traffico/strada.

Dopo aver raggiunto i 2700 metri c’è una bella discesa nella valle delle mele e delle ciliegie, tutti gli alberi da frutto sono coperti da reti per proteggerli dalla grandine che colpisce spesso duramente qui. Un’altra bella salita fino al resort sciistico di Narkanda, affollato anche senza neve, prima di iniziare la ripida discesa boscosa che dai 2600 metri ci porterà giù fino a soli 800, dove inizierà veramente il nostro viaggio fino ai 5000 metri.


Giorno 2 da Kumarsain a Jeori (67km)

spiti valley bikepacking

Raggiungiamo la valle del fiume Sutlej, che nei prossimi giorni risaliremo il suo corso, da 850 a 3000 metri. Il primo impatto è piuttosto triste, qui è in corso un grande progetto idroelettrico, un piano per allagare tutta questa zona della valle (potete vedere il livello che raggiungerà l’acqua nelle ultime 2 foto). La strada è polverosa e caotica.

Una volta superato l’ingresso attrezzato della diga, tutto diventa più tranquillo e lentamente la bellezza naturale del paesaggio inizia a farsi strada. La potenza del fiume, le cime innevate, le case colorate e l’occasionale statua di Hanuman ji .

Il Padam Palace nella trafficatissima città di Rampur merita una breve sosta, anche se è chiuso. Un tempo fungeva da capitale invernale dell’ex stato principesco di Bushair.

La salita è dolce e graduale, ma il tempo lo è meno. Un’improvvisa pioggia ci sorprende non lontano dall’obiettivo della giornata, ma dura poco e la nostra attrezzatura regge. In questo tratto siamo ancora abbastanza bassi e la pioggia non è rara.


Giorno 3 – da Saini a Raang (61km)

spiti valley cicloturismo

La prima cosa al mattino è un tempio indù con sorgenti termali all’interno, ci sono piscine per uomini e per donne dove fare il bagno.

La strada in questa sezione è affascinante, con dislivelli di centinaia di metri, passaggi scavati nelle montagne e l’onnipresente fiume con la sua potente potenza. Gli apicoltori vendono il miele ad ogni curva, mentre i fabbri martellano attrezzi di ferro come facevano mille anni fa.

Ma anche le frane sono ovunque, e a dire il vero fanno abbastanza paura. Per prima cosa ne incontriamo uno fresco e dobbiamo aspettare circa 90 minuti affinché le macchine sgombrino la strada. Poi ne assistiamo uno dal vivo, un’esplosione enorme come un’esplosione e grandi pietre che rotolano giù dalla scogliera, la polvere si alza in alto e rende l’aria irrespirabile. Per fortuna era dall’altra parte del fiume.


Giorno 4 – da Raang a Rekong Peo (21km)

spiti valley cicloturismo

Giornata breve con la ripida salita verso la cittadina di Rekong Peo dove dovremo richiedere il cosiddetto “Permesso della Linea Interna”. Per i prossimi 200 km la strada costeggerà praticamente il confine con il Tibet, o come la chiamano i cinesi “regione autonoma del Tibet”.

Questa è una delle numerose aree che hanno visto scaramucce negli ultimi e meno recenti anni tra le forze armate dell’India e della RPC, infatti l’area è fortemente militarizzata e in qualche modo limitata. Ciò che attraverseremo faceva parte del Tibet e la cultura, i costumi e i volti lo confermano.

Il permesso è abbastanza facile da ottenere. Siamo andati da un agente all’interno dell’edificio dell’ufficio turistico (qui), abbiamo compilato un modulo, pagato e aspettato un paio d’ore. Mentre aspetti puoi fare una deviazione all’antica città di Kalpa, presumibilmente la dimora estiva dello stesso Shiva.


Giorno 5 – da Rekong Peo a Pooh (71km)

spiti valley cicloturismo

Al mattino splende il sole e le cime innevate appaiono limpide e croccanti, lassù nella notte ha nevicato e il bianco della neve è soffice e brillante.

Da Rekong Peo, la prima sezione della strada è piuttosto remota e non c’è nessun posto dove mangiare per più di 20 km. Il paesaggio è ancora più aspro di prima, le pareti verticali di pietra grigia e l’assenza di vegetazione gli conferiscono un’atmosfera da altro pianeta.

A pranzo mangiamo momos in un locale gestito da due ragazzi, uno potrebbe avere 10 anni e l’altro 13/14. La giornata procede tranquilla fino alla salita finale al villaggio di Pooh.


Giorno 6 – da Stuck a Pooh

ropa valley villaggio tradizionale

Dovevamo restare un paio di giorni a Pooh perché il nostro nuovo deragliatore si era appena rotto e dovevamo aspettare la spedizione da Shimla. Il proprietario dell’hotel in cui alloggiavamo (Om Hotel and Restaurant) stava portando un gruppo di studenti universitari a visitare un remoto villaggio tradizionale, quindi alla fine ci siamo uniti al gruppo per una gita molto bella.

La Ropa Valley è una strada senza uscita a circa 20 km a sud di Pooh, la valle è meravigliosa e piena di meli, quindi sarebbe un’ottima deviazione e la suggeriremo nella nostra guida.

Il villaggio di Ropa presenta tre diversi stili architettonici: il più antico è uno interamente in legno, senza chiodi, tutte le parti comunicanti; il secondo più antico è costituito da muretti a secco in pietra intrecciati con strati di legno per renderli elastici e resistenti ai terremoti; il terzo sono mattoni e cemento moderni, non di provenienza locale, non efficienti dal punto di vista energetico.

Il secondo luogo che visitiamo è la città di Labrang, con il suo misterioso forte del XIV secolo. Qui ci viene ricordato perché non vorremo mai prendere alcun mezzo di trasporto qui in Himalaya. La strada è strettissima, piena di tornanti e senza alcun guardrail, ogni volta che incontriamo un’altra macchina qualcuno deve spingersi a pochi centimetri dal baratro.

Un altro buon motivo per cui il bikepacking è il modo migliore per viaggiare sull’Himalaya.


Giorno 8 – da Pooh a Nako (38km)

spiti valley cicloturismo

Dopo qualche chilometro inizia la zona riservata vera e propria della “Inner Line”, dove la strada si biforca, prendendo la destra saremo in Tibet in 10km, peccato che quei confini non siano alla nostra portata. Ancora qualche km e salutiamo il fiume Sutleji, che invece è libero di andare in Tibet, beh in realtà viene da lì.

Qui il bivio è uno di acque, con lo Spiti che entra, il suo colore più verde e più pulito. Stiamo ufficialmente pedalando nella Spiti Valley!

Il primo vero passo è davanti a noi, una ripida salita che ci porterà dai 2800 ai 3600 metri del villaggio di Nako, e oltre fino ai 3800. I panorami sono incredibili come al solito, il sole picchia e dobbiamo spalmarne un altro. dose di zinco del surfista sui nostri nasi e sulle nostre mani già bruciati.

Mille metri in un giorno non sono un guadagno da poco a queste quote, anzi cominciamo a sentirci un po’ strani una volta superati i 3200. Arrivo a Nako senza voce e con qualche dolore ai polmoni.

Nako è un bellissimo paesino, con le sue vecchie case tradizionali in pietra e un minuscolo monastero millenario, i cui dipinti murali sono incastonati con vero oro.


Giorno 9 – da Nako a Tabo (63km)

bike tour spiti valley

Lasciando Nako ci restano ancora 250 metri per salire al passo senza nome a 3850 msl, l’aria è rarefatta e abbastanza fresca al mattino. La discesa è psichedelica dai colori incredibili, ricorda la montagna arcobaleno di Zhangye in Cina.

Ovunque intorno ci sono i veri eroi dell’Himalaya, uomini e donne che riparano costantemente la strada, puliscono le rocce sciolte e costruiscono muri per proteggersi dalle frane, sono BRO e rendono possibile il nostro viaggio.

La valle dello Spiti è più verde del previsto, con gli onnipresenti meli, salici, olivello spinoso e campi di orzo appena piantati.

La strada diventa sempre più stretta, con dislivelli non protetti e un continuo passaggio di minibus turistici che la rendono a tratti piuttosto inquietante. Aggiungilo ai massi sporgenti che riescono a malapena a bilanciarsi e alle dune instabili di limo e capirai perché quelle sono spesso definite come alcune delle strade più pericolose del mondo.


Giorno 10 – da Tabo a Shichiling (25km)

spiti valley cicloturismo

Abbiamo optato per una giornata breve e per dormire al livello del fiume prima della ripida salita che domani ci porterà a Dhankar e Lhalung (3800msl). Per la prima volta in questo viaggio ci rammarichiamo di non avere una tenda, finalmente ci sono davvero alcuni ottimi campeggi selvaggi, che non esistevano sulla ripida e instabile valle del Sutleji.

Formazioni rocciose simili al famoso Camino delle fate della Cappadocia punteggiano il paesaggio tra rocce colorate e cime innevate. La strada però è strettissima, e il flusso di minibus turistici, taxi, turisti senza guida e motociclisti è costante e fastidioso. Avvistiamo molti grifoni himalayani, enormi con la loro apertura alare di 3 metri.

Ci fermiamo presto, rinfrescandoci in riva al fiume dopo pranzo con la zuppa più piccante del mondo.


Giorno 11 – da Shichling a Lhalung (23km)

templio tibetano

Come se non ci fosse già abbastanza salita nel percorso previsto, oggi abbiamo fatto una deviazione in salita.

Una serie di stretti tornanti ci hanno portato al piccolo villaggio di Dhankar, con il suo Gompa (monastero buddista) del IX secolo incastonato tra pinnacoli rocciosi. Una bella suggestione da lontano ma forse non vale del tutto i 600 metri di dislivello… Ma la deviazione non finisce qui.

Una spaventosa strada sterrata con dislivelli verticali ci porta all’idilliaco villaggio di Lhalung, tutte le sue case nello stile caratteristico della Valle dello Spiti: fondamenta in pietra e mattoni di Adobe, lavati con vernice a calce e sormontati da un tetto di paglia e fango.

Qui c’è un altro antico monastero, molto meno famoso del precedente. Lo troviamo chiuso ma una donnina millenaria ci dice di non preoccuparci, sparisce e torna con le chiavi, che ci consegna! Possiamo aprire queste camere ancestrali e godercele tutte da soli

Alloggiamo presso una gentile famiglia del posto, ci raccontano come la neve non cade come dovrebbe negli ultimi anni, mentre un nuovo fenomeno ha fatto la sua comparsa: la pioggia

Questa valle è così fragile che un cambiamento come questo può causare un disastro. Un villaggio, infatti, è stato completamente spazzato via da una frana dovuta a un’improvvisa e inaspettata pioggia.


Giorno 12/13/14 – da Lhalung a Kaza e giorni di riposo

Nonostante siamo sopra i 3000msl da 5 giorni, ed abbiamo dormito a 3800 già due volte, arrivati ​​a Kaza ci ritroviamo piuttosto senza fiato. Kaza è la città principale della Valle dello Spiti e la destinazione finale di molti turisti che arrivano qui, solo i più avventurosi osano proseguire.

Kaza doveva essere un bel posto non molto tempo fa, ora il turismo di massa l’ha distrutta. Polveroso come un cantiere permanente, pensioni a buon mercato che spuntano ovunque senza alcuna pianificazione o regolamentazione urbanistica.

Almeno possiamo assaggiare alcune prelibatezze locali (da non perdere sono l’Hotel Deyzor & Restaurant di proprietà di una coppia di cicloturisti e il Café Piti per l’autentica cucina tibetana.


Giorno 15 da Kaza a Chicham

Pronto a lasciare il polveroso comfort di Kaza. Ci sono due strade per arrivare a Losar, l’ultimo villaggio della Spiti Valley: una è l'”autostrada” in leggera salita, l’altra è una strada secondaria con al centro una ripida salita sopra i 4000 metri.

La nostra scelta va per la strada secondaria, quindi iniziamo la salita verso la prima tappa della giornata, il Monastero di Key, il più grande centro buddista di Spiti. È più bello dalle foto che dal vivo, anche se la grotta di meditazione ha una forte energia.

Poi c’è il Chicham Bridge, che sostiene di essere il ponte più alto dell’Asia, non ne sono sicuro, ma è comunque piuttosto vertiginoso su uno splendido canyon.

Concludiamo la giornata nel pittoresco villaggio di Chicham, dove apprendiamo che la neve è stata così scarsa quest’inverno che il terreno è asciutto e i raccolti hanno dato tra il 5% e il 10% del dovuto. Una stagione molto magra che lascerà molte famiglie a terra.


Giorno 16 – da Chicham a Losar [37km]

Siamo in viaggio dal 2014, attraversando più di 50 paesi, ma ciò che abbiamo visto oggi in questi brevi 37 km difficilmente è paragonabile a qualcosa che abbiamo avuto il privilegio di ammirare prima.

In un solo sguardo: i pendii viola del limo, i pinnacoli ombrosi di castelli fantasmagorici, il verde fiume sinuoso e il suo ampio letto azzurro, l’erba arancione, la sabbia gialla e le bianche cime innevate.

Così quello che doveva essere un breve viaggio diventa un lungo sogno ipnotico, un’esperienza che cerchiamo di assaporare il più lentamente possibile, cercando di posticipare per sempre la sua fine.

Quindi no, sembra che non ci sia limite alla bellezza


Giorno 17 – da Losar a Batal [34km]

spiti valley cicloturismo

A circa 8 km da Losar diremo addio al possente fiume Spiti e con esso all’asfalto. Il percorso da questa valle alla successiva, quella del fiume Chandra, attraversa uno dei passi montani più aspri dell’Himachal Pradesh, il Passo Kunzum alto 4560 m.

Per la prima volta la neve non è sopra di noi, ma sotto, e presto proprio al nostro fianco, sempre più alta mentre lottiamo verso la vetta. Il sentiero su Kunzum da Losar finisce per non essere poi così brutto. In cima, gli stupa obbligatori, le campane e i turisti che si fanno selfie.

La situazione cambia durante la discesa, la superficie su questi stretti e spaventosi tornanti di fronte all’abisso del veloce fiume Chandra sottostante non è quella di una strada. Grandi sassi e acqua che scorre veloce dalle pareti di neve che si scioglie.

Qualche minibus turistico si blocca, avrei il terrore di trovarmi su uno di quelli. Come se la giornata non fosse già abbastanza terribile, si avvicina un temporale, temiamo la neve e invece comincia a piovere, cosa molto insolita da queste parti.

Quindi, congelandoci il culo in questa discesa lenta e tecnica, abbandoniamo il progetto di raggiungere Chandrataal, un lago glaciale che richiederebbe una deviazione di circa 16 km (+16 eventualmente per tornare indietro).

Raggiungiamo l’insediamento temporaneo di Batal proprio quando la pioggia comincia a cadere molto più forte. In questo paesaggio lunare, ci sediamo e assaporamo il masala chai caldo nella mitica dhaba di Chaca e Chachi, una coppia locale che offre rifugio ai viaggiatori stanchi.


Giorno 18 – da Batal a Chattru (34km)

kunzum pass bicicletta

Sulla carta oggi c’è una leggera discesa lungo il fiume Chandra… Peccato che in parte sia praticamente DENTRO il fiume.

La giornata inizia lasciando le pianure lunari di Batal attraversando il letto del fiume, grandi ciottoli e ampie pozzanghere prima di raggiungere il primo enorme tunnel di neve.

Pareti di ghiaccio alte più di 10 metri fiancheggiano la cosiddetta strada mentre si sciolgono velocemente e scorrono sulla pista… Almeno è nuvoloso e freddo quindi non si sciolgono troppo velocemente.

È un giro su acqua e sassi, impegnativo anche per le nostre mountain bike, molto meno per la light tourer di Matteo, le cui pastiglie nuovissime (montate due giorni fa) sono finite all’osso a meno di metà strada da Chattru. Diverse auto e motociclette sono bloccate su ripidi pendii bagnati o profondi guadi fluviali, è pazzesco che questa non sia considerata una strada riservata solo ai 4×4.

Verso il primo pomeriggio raggiungiamo una zona più verde dove enormi greggi di capre e pecore spuntano dal nulla, i pastori sembrano essere abili scalatori quanto i loro animali, li vediamo passeggiare su pendii incredibilmente ripidi.

Vorremmo spingerci fino alla fine dello sterrato, fino all’incrocio con l’autostrada Manali-Leh che dista solo 19 km, ma dopo un pranzo tardivo al km Chattru, decidiamo di chiudere qui. Ci sono un paio di campeggi panoramici dove godersi le ore d’oro.


Giorno 19 – da Chattru a Sissu

spiti valley cicloturismo

Ci svegliamo con la notizia di una frana che blocca la strada, dicono che ci sia spazio per il passaggio di un mezzo a due ruote ma non per qualcosa di più grande. Bene! Meno traffico!

Ci sentiamo riposati e pronti per affrontare i restanti 19 km d’inferno, non dovrebbe volerci così tanto… Peccato che ci siano più attraversamenti fluviali in questo tratto rispetto ai 70 km precedenti, ed erano tanti.

Alcune fragorose cascate si infrangono dritte sulla strada dissestata prima di precipitare nel burrone… Non si sente molto sicuro.

Un’auto di turisti indiani è rimasta completamente bloccata in una di quelle cascate. Tre ragazzi cercano di rimuovere grossi sassi da sotto l’auto mentre tre donne con i tacchi alti e abiti estivi scrivono i loro nomi sulla neve, una indossa una maglietta con scritto “vita di città”. L’auto blocca quasi completamente il passaggio ma non per un pastore con qualche centinaio di pecore e una dozzina di cavalli, che passano quasi calpestando il veicolo e il suo passeggero.

Diversi pastori si sistemano in tende per l’estate, portando i loro greggi per la transumanza come hanno fatto per secoli. Un’altra macchina a noleggio viene abbandonata sotto un’altra caduta e l’asse anteriore è completamente scomparso.

Anche se il mix di verde blu e bianco nel paesaggio è stupefacente, la salita finale è un massacro… E sembra davvero una tappa del Giro d’Italia quando finalmente arriviamo all’asfalto e ci sono centinaia di macchine e polizia e tutti ci fermano e fanno domande come se stessero intervistando i vincitori.

Siamo ai piedi del Rohtang Pass, una località molto turistica, dove la gente della pianura viene a farsi selfie sulla neve indossando le tute da sci.

Torniamo sull’asfalto e ci si sente benissimo anche se la strada è super affollata. Una veloce discesa ed una breve salita ci portano alla cittadina turistica di Sissu, famosa per il suo orribile lago artificiale dove si noleggiano pedalò, figuratevi. C’è una panetteria però e le torte di mele sono semplicemente deliziose.

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media

Sharing is caring!