Stanforth Bikes Best for Touring

Cycloscope are proud users of the best touring bikes in the world

cicloturismo Sud Corea

La palude rossa fra Suncheon e Yeosu

Viaggiare in bicicletta in Sud Corea non é solo il “ciclopercorso dei sei fiumi”, se avete seguito il nostro diario di cicloviaggio in Corea sapete già quanto ci siamo innamorati di questo Paese, delle sue isole, e della costa selavaggia.

Questo articolo parla delle nostre ultime pedalate, saltando da isole a penisole lungo la costa meridionale della Corea del Sud, prima di dirigerci a Busan. Qui troviamo posti spettacolari e inaspettati che non dimenticheremo mai. Se state pianificando un viaggio in bicletta in Sud Corea non perdetevi questa zona.

Siamo stati in Corea del Sud per un paio di mesi, qui alcuni dei nostri articoli sul nostro viaggio in bici

13 destinazioni non turistiche in Corea del Sud

Suggerimenti e consigli per viaggiare in bici in Corea del Sud spendendo molto poco

Le 4 migliori isole non turistiche della Corea del Sud

La nostra isola alla fine del mondo

Il traghetto dalla Corea al Giappone

Per uscire dalla penisola di Goheung, prendiamo una strada abbastanza trafficata in direzione Suncheon. Niente da dire, se non che si tratta di un tratto noioso.

Cerchiamo di visitare il Suncheon Bay Wetland Park*, ma non arriviamo più lontano del parcheggio visitatori. A quanto pare si deve pagare (circa 8,000 won + 7,000 per un piccolo viaggetto in barca) per vedere le terrazze di riso, un canneto ed un’area paludosa, molto simile a tantissimi altri posti già visti in Sud Corea. Un’incredibile trappola turistica dove, a giudicare dalla quantità di gente, parecchi cadono.

All’uscita io vado da una parte e Daniele da un’altra così ci perdiamo, io andavo velocissima pensando che lui fosse molto più avanti e lui invece mi rincorreva … capita. C’é un fiume senza nessun ponte così per fare quelli che sarebbero 900 metri in linea d’aria facciamo 15km.

cicloturismo Yeosu Corea

cicloviaggiando fra Yeosu e Suncheon troviamo questo posto incredibile

La nostra palude secreta (ancora nella penisola di Suncheon)

Finalmente arriviamo nella penisola di Yeosu, é tardi, siamo stanchi e abbiamo fatto 90 km stressanti. Come spesso succede in queste situazione, quando meno te l’aspetti, ci appare una piattaforma di legno immersa in quello che prima era mare ed ora é distesa di erba e fiori rosa che con la luce del tramonto creano un panorama micidiale!

Uno dei posti più belli dove abbiamo dormito.


cicloturismo Sud Corea

Foto scattata dai fotografi al mattino

14th August, 2015

La piattaforma dove dormiamo é usata da appassionati di fotografia che vengono qui a fotografare questi colori. All’alba un uomo arriva, canta una canzone al mare e se ne va, poco più tardi arrivano dei fotografi che vogliono fotografare noi.

Sotto le piante rosse vivono i pesci del fango, finalmente li vediamo e poi dei granchi con una chela gigante.

Questo posto rimane una delle meraviglie del nostro viaggio in bicicletta in Corea. Per sapere dove si trova esattamente, cliccate sulla prima traccia della mappa, alla fine di questo articolo: il punto dove la traccia finisce é questo posto. Andate a visitarlo!

Suncheon baia Corea

La meravigliosa e gratuita palude della baia di Suncheon

Yeosu e le sue spiagge

Ritorniamo sulla strada che ha delle salite violente, arriviamo alla città di Yeosu, una città abbastanza grande, circa 300.00 abitanti, la attraversiamo alla ricera di cibo, visitiamo l’Expo site dove inizieranno a breve i giochi del mare e la festa della gioventù. Sul palco crew di ragazzini ballerini. Ci sarà pure lo spettacolo degli ologrammi.

Le spiagge di Yeosu

Nella zona di Yeosu ci sono un paio di buone spiagge che decidiamo di esplorare, la maggior parte si trova a nord della città most, mentre un altro paio si trovano nella piccola Isola di Dolsan, collegata alla terraferma da un ponte, a Sud.

Spiaggia di Manseongni e i suoi ciottoli

Andiamo alla spiaggia a vedere di trovare un posto tenda, la spiaggia é indicata come “black sand beach”, ma la sabbia non é nera. Invece é affollata di gente, si può fare il bagno solo in un piccolo punto recintato e col il giubotto di salvataggio. In pratica non si può nuotare.

Così andiamo alla spiaggia subito dopo che inspiegabilmente é deserta. Forse perché é di ciottoli e l’acqua é subito profonda, i Coreani in genere non sono grandi nuotatori. Questa spiaggia non sembra avere un nome e nuotare é proibito per via dell’assenza dei bagnini.

C’é un bel gazebo in cemento a due piani con vista, vengono delle coppiette di innamorati in cerca di un posticino intimo e rimangono delusissimi quando trovano noi con la tenda.

15th August, 2015

Spiaggia di Mosageum 

Abbiamo dormito benissimo, al risveglio, riprendendo la strada troviamo la spiaggia di sabbia proprio dietro l’angolo, facciamo un bel bagno. La strada sale e scende come sempre, arriviamo alla terza spiaggia, é piccola ma bella e ci facciamo il bagno, anche se sarebbe vietato.

Spiaggia di Sindeok

La strada sale e scende come sempre, arriviamo alla terza spiaggia, é piccola ma bella, la nostra preferita tra queste. E’ la spiaggia di Sindeok, circondata da rocce e molto meno affollata delle altre. Ci facciamo un bagno anche qui. C’é anche una zona camping gratuita.

ponte di Choyangdaegyo Corea

Vista dal ponte Choyangdaegyo

Zona industriale di Yeosu

Dopo tutta questa bellezza la strada ci porta in mezzo alla zona delle raffinerie, ce ne sono per tutti i gusti. La parte peggiore della nostra pedalata in Corea.

Tutto attorno a noi giganteschi silos e camini, ma dopotutto siamo contenti di aver visto anche questa parte della Sud Corea. Esite e non può essere ignorata, pensare alla Sud Corea come “tutta verde campagna” é ingannevole.

Siamo costretti a passare su un ponte gigante, é diviso in due, nel mezzo si appoggia su un’isolotto che per sua sfortuna si trovava lì. La seconda parte del ponte che é di circa 4 km é paurosa, c’é vento, non c’é tanto spazio per noi e le macchine vanno velocissime. Attorno a noi fabbriche a volontà.

In città la situazione migliora, c’é la pista ciclabile. Ci fermiamo a mangiare e Daniele prende la salsiccia di sangue, specialità coreana, si chiama Sundae. Questa roba qui.

Yeosu Expo site

Yeosu Expo site

Isola di Namhae

Usciti finalmente dall’industrialità riprendiamo il lungomare che é tornato ad essere fango e cacciatori di pesci del fango, paguri e non so che altro. Arriviamo su un’altra isola di nome Namhae do, collegata da un ponte.

E’ la quinta isola della Sud Corea, e c’é persino qualche turista. There is a beautiful road for bikes along the sea, we stop to sleep in a small garden. C’é una bellissima strada per le bici lungo il mare, ci fermiamo a dormire in un giardinetto, ci sono un sacco di buchi per terra, pensiamo ci siano delle talpe ed invece ne escono un sacco di granchi rossi con gli occhioni azzurri. Uno mangia una patatina trovata per terra ed é tenerissimo. Anche qui i granchi preferiscono la terraferma.

hermit crab Namhae

hermit crab, the guy with a big single claw

16 August, 2015

Ci svegliamo con i granchi rossi sulla tenda. Still promenade until the bridge that brings us again back to mainland. Ci sono molte pozze di allevamento, con mulini, forse si tratta di gamberi? Lungo questa ultima parte di strada, si vedono le trappole per i pesci poste nei punti in cui la corrente é forte., una tecnica di pesca tipica di questa isola, Namhae do. Si chiama Jukbangryeom e viene praticata nello stretto di Jijok, isola di Namhae.

 
pescare con la corrente a namhae Corea

Pescando con la corrente a Namhae

Disastro meccanico e autobus per Busan

Incontriamo un ciclista coreano, sta per partire per un viaggio in Europa in bici. Ci vuole portare a pranzo ma nel frattempo la bici di Daniele si rompe, sembra trattarsi del mozzo posteriore, quello con il cambio interno, Sachs 3×7. Sappiamo già che sarà complicato. Cambio di programma, si va dal meccanico.

Non capisce niente di bici, prima dice che il problema é la catena che ha la sola colpa di essere vecchiotta, così invece di togliere la vecchia la rompe con la tenaglia! Poi dice che la causa non era la catena, potrebbe essere la pedivella perché pure lei é vecchia (?). Se é per questo anche la bci é vecchia…

Andiamo a mangiare con l’amico ciclista mentre il meccanico riflette. Al ritorno concludiamo che l’unica cosa da fare é cambiare la ruota ma in questa città non si trova la misura giusta (26 x 1 3/8),, dobbiamo a Busan.

ll ciclista ci paga la catena che ormai il meccanico ha sostituito poi ci accompagna alla spiaggia dove possiamo campeggiare. Domani prenderemo un autobus per Busan.

area industriale Yeosu

L’area industriale di Yeosu

Bicycle route map – from Suncheon to Busan
Cliccate sulla traccia per avere il percorso giornaliero e l’altimetria

Seguite il nostro giro del mondo in bicicletta

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media
Disclosure: Some of our articles contain affiliate links, that means we might receive a small percentage compensation if you purchase one of the linked product whitin a ceratin time frame. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.