Stanforth Bikes Best for Touring

Cycloscope are proud users of the best touring bikes in the world

telai su misura

Uno dei migliori designer e artigiano di bici da turismo nel Regno Unito (e in tutto il mondo), Simon Stanforth, ci racconta della nascita di Stanforth Bikes

Quando la mia amata bici di 80 anni è morta in Laos avevo bisogno di trovare una nuova bici per continuare il mio giro del mondo; sapevo che non sarebbe stato facile sostituire una bici come la mia. Avevo bisogno di qualcosa di altrettanto speciale, così ho iniziato a scavare nel mondo delle biciclette costruite a mano. È così, grazie ad un collega cicloviaggiatore, blogger e amico, che ho scoperto le Stanforth Bikes e mi sono subito innamorato del loro elegante design.

Ora, a maggio 2018, la mio nuovissima Stanforth Kibo Dirt Drop Expedition fatta a mano mi sta aspettando a Brighton, in Inghilterra, dove ha sede Stanforth Bikes, e non vedo l’ora di provarla dall’Artico all’Antartico.

Durante questi ultimi mesi, sono stato in contatto con Simon, proprietario e fondatore di Stanforth Bikes, e da quando sono diventato sempre più appassionato di costruzione e design di telai artigianali, ho deciso di fargli qualche domanda, quindi ecco la nostra

intervista a Simon di Stanforth Bikes

Ciao Simon, grazie per aver accettato questa intervista. Prima di tutto, raccontaci qualcosa di te e di come ti sei appassionato alle biciclette

Ho 45 anni, vivo a Hove, sulla costa meridionale dell’Inghilterra, e sono stato appassionato di bici da tutta la vita. Dal sentire da bambino la storia del mio trisavolo alle Olimpiadi del 1908 nel Velodromo di Herne Hill all’ottenere la mia prima bici da corsa a 6 anni: le bici sono sempre state nel mio sangue. Mio padre ha comprato la Saracen Cycles nel 1985, da allora la mia passione e il mio coinvolgimento hanno fatto un grande passo avanti.

Ho provato le mountain bike Saracen nei miei anni dell’adolescenza e la mountain bike è ancora uno dei miei tipi preferiti di ciclismo, ma è il viaggio che mi è sempre stato più vicino. Andare oltre essendo auto-supportato dà un senso di libertà senza rivali. Essere in grado di scoprire nuovi paesi, nuove culture, incredibili paesaggi, tutto con il proprio potere, è davvero appagante.

Suppongo che il primo momento in cui l’ho realizzato è stato quando i cugini Crane hanno pedalato sul Kilimangiaro. L’avevano fatto con le bici Saracen, così mio padre chiese loro di fare alcuni talk sul viaggio: le loro foto e le loro storie hanno avuto un grande impatto su di me.

Hai fatto dei lunghi viaggi in bicicletta?

Non così lunghi come vorrei. Molti viaggi di 2-4 settimane in diversi paesi, tra cui Svezia, Danimarca, Francia, Spagna, Nuova Zelanda, Vietnam, e più vicino a casa nelle Highlands scozzesi e nella maggior parte delle aree del Regno Unito.

Il laboratorio di Stanforth telaio artigianale

Il laboratorio di Stanforth bikes a Brighton UK

Quando e come hai deciso di iniziare a produrre biciclette? Perché andare in bicicletta?

Ho iniziato a produrre nel 2014, ma avevo deciso molto prima di allora. Ho sempre avuto interesse per la geometria e le bici da turismo. Dato che ho avuto l’opportunità di guidare così tante bici attraverso la società di mio padre, ero curioso di capire come la maneggevolezza fosse cambiata con la modifica della geometria della bicicletta, in particolare il modo in cui diverse geometrie e set di tubi rispondevano al peso delle borse. Circa 5 anni fa ho deciso che era il momento giusto per lanciare la mia bicicletta da turismo, la bici da viaggio 26″ Kibo.

Sei un designer e un costruttore di telai?

Disegno i telai e Lee Cooper ne costruisce la maggior parte, sia con le alette che con le saldature brasate sull’acciaio. Lee è probabilmente l’artigiano di telai più esperto nel Regno Unito; ha iniziato a costruire telai sin dalla metà degli anni ’80, settimana dopo settimana. Stava costruendo telai per la compagnia di mio padre oltre 30 anni fa. È un capomastro, quindi ogni telaio è costruito secondo standard elevati.

Sappiamo che personalizzi le bici partendo da alcuni modelli diversi, puoi descriverli e dirci quali sono le differenze tra loro?

Ci sono tre gamme: Kibo, Skyelander e Conway.

La Kibo è una bici da carico completa, gira il mondo, attraverso tutti i tipi terreni dove il viaggio ti porta.

Lo Skyelander è il classico tourer. Facciamo entrambe le versioni 700c e 650b. La 700c è un classico tourer britannico con freni a disco e cambio a leva, ottima anche in un giro del mondo. Lo Skyelander 650b è più un classico tour randonneur francese.

La Conway, lanciata di recente, è una tourer più veloce, progettata con il contributo dello specialista del touring leggero Sean Conway. È progettata per viaggiare a ritmo sostenuto con bagagli leggeri. È dotata di freni a disco e trasmissione stradale STI per ingranaggi superiori rispetto a Skyelander e Kibo. Sean Conway ha appena infranto il record del mondo per la traversata europea senza soste più veloce su questa bici.

Cosa rende fantastica una bici una bici da cicloturismo?

Una bici che è confortevole per il pilota è di primaria importanza, motivo per cui la geometria personalizzata è importante. Deve essere durevole e riparabile. Deve essere adatta allo scopo, con questo intendo che i tubi e i componenti siano stati selezionati per l’attività che deve andare ad affrontare, sia che si tratti di tour completi a pieno carico, di touring veloce o touring off-road.

Qual è la più grande sfida per un costruttore di telai?

Penso che nel Regno Unito sia difficile per i costruttori di telai competere con i telai e le biciclette molto meno costosi che arrivano dall’Estremo Oriente. È molto raro vedere un telaio di fabbricazione artigianale britannica in un negozio di biciclette.

Penso che se c’è un tipo di bici che giustifica avere una geometria personalizzata e realizzata da un costruttore di telai, allora è una bici da turismo. Una bici sulla quale sarai in sella per molte ore al giorno. Una bici su cui dovrai fare affidamento mentre sei in viaggio. Una bici che ha bisogno di essere abbastanza forte da poter sostenere il peso delle borse piene di bagagli. È qui che una bici ben fatta per adattarsi all’individuo diventa davvero unica.

Come scegli i componenti?

Sui modelli standard è una combinazione di fattori, il tipo di guida per cui la bici è stata progettata, per esempio, la Kibo ha bisogno di avere una trasmissione più dura con ingranaggi inferiori per le gerle caricate in vari terreni. Facilmente risolvibile è un fattore chiave per un tourer, motivo per cui non abbiamo freni idraulici di serie su nessuna delle nostre bici. La durata è importante anche per un tour mondiale.

Trovo anche che i forum di cicloturismo siano davvero luoghi utili dove le persone condividono le loro esperienze con ciò che funziona e cosa no – in qualche modo, questa è la ricerca più efficace anche per noi e ha una grande influenza nella selezione dei nostri componenti.

Come sta andando l’industria delle biciclette da turismo artigianali? Lo percepisci come in crescita?

Le biciclette da turismo sono decisamente in crescita, ma penso che le biciclette personalizzate rimangano stabili. Parte della crescita sta venendo dalla tendenza del bikepacking che è una forma di touring, non è nuova ma solo una nuova definizione che cattura l’attenzione della gente. Così ho visto alcuni tourers cambiare le borse tradizionali per le frame bag e gli appassionati di mountain bike avventurarsi in viaggi più lunghi su biciclette commercializzate come bici da tour.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro? Qualche novità in arrivo?

Cercheremo sempre di migliorare le nostre biciclette, testando nuovi componenti, è qualcosa che amo fare. Parlo con molti dei nostri clienti dei componenti mentre sono in viaggio per vedere come stanno andando. Negli ultimi due anni abbiamo sviluppato e lanciato molte nuove biciclette, quindi penso che ora si tratti di concentrarci su queste. Ora abbiamo biciclette per tutti i tipi di touring, completamente caricate a velocità elevata.

Poiché l’industria delle biciclette è costantemente innovativa e introduce nuovi componenti e metodi, testiamo e valutiamo sempre la loro idoneità per i tour.


Visita il sito ufficiale di Stanforth Bikes

Segui Stanforth Bikes su Facebook

Dai un’occhiata a

35 best custom touring bike frame builders in the USA

Stanforth bikes Sean Conway world record

Simon Stanforth e Sean Conway

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media
Disclosure: Some of our articles contain affiliate links, that means we might receive a small percentage compensation if you purchase one of the linked product whitin a ceratin time frame. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.