Stanforth Bikes Best for Touring

Cycloscope are proud users of the best touring bikes in the world

Dunhuang Dune di Sabbia Cina

Le giganti e meravigliose dune di sabbia a Dunhuang, in Cina

Il deserto del Gansu, nella Cina occidentale

Una visita alle grotte di Mogao e come godersi gratis le più

grandi dune di sabbia della Cina

Dunhuang è probabilmente la destinazione più turistica della Cina occidentale. Le attrazioni principali sono sicuramente le Grotte di Mogao e le enormi dune di sabbia attorno al Crescent Moon Lake.

Le grotte di Mogao sono uno dei beni più preziosi del mondo, paragonabili alla Cappella Sistina o alle rovine di Angkor; grotte affrescate perfettamente conservate, che mostrano 1000 anni di evoluzione dell’arte buddista.

Il Crescent Moon Lake (Yueyaquan*) in sé, è un’attrazione sopravvalutata, con un biglietto d’ingresso elevato. Le dune di Dunhuang però sono spettacolari, probabilmente le migliori dune di sabbia in Cina, e tra le più belle del mondo. In questo articolo, spiegheremo come arrivare gratuitamente alle dune di sabbia di Dunhuang.

Accanto a questi luoghi famosi, ci sono molte altre piccole cose da vedere a Dunhuang, e la città stessa è degna di alcuni giorni di soggiorno. È una piccola città piacevole, un’altra oasi tra due deserti, il Taklamakan e il Deserto del Gobi. Un altro caravanserraglio lungo la Via della Seta. 

La strada da Turpan a Dunhuang

Dalla stazione degli autobus di Turpan, verso Dunhuang (wiki).

Vado in una banca pensando che sia la biglietteria, quindi riceviamo l’aiuto davvero amichevole di un impiegato, che parla un po’ di inglese e viene con noi alla vera biglietteria.

Per mettere la bicicletta nel bagagliaio dell’autobus devi pagare una piccola bustarella, da dividere per l’autista e la signora della biglietteria. Il compito in sé non è facile, non c’è spazio e ci sono altri due ciclisti cinesi.

Ma per fortuna i passeggeri sono pochi, penso dieci, e abbiamo più spazio per dormire. Il bus è lento e noioso e veniamo fermati tre volte per il controllo passaporto.

La mobilità delle persone dallo XinJang è piuttosto limitata, specialmente se sei uiguro verrai controllato spesso. In effetti c’è un uomo con un Taqiyah (tipico cappello musulmano) e barba che ha qualche problema con la polizia.

Dall’autobus vediamo anche la polizia che pratica arti marziali nel cortile della stazione, strano.

Dunhuang dune di sabbia gratis

tramonto sulle dune di sabbia di Dunhuang

Dovevamo arrivare intorno alle 8 del mattino, ma sono le 11 passate quando arriviamo a Dunhuang. Siamo passati dallo Xinjiang al Gansu, felici di aver saltato un giro in bicicletta che, oltre alle spettacolari Montagne Flaming appena fuori da Turpan, sarebbe stato una strada polverosa nello stesso deserto roccioso, punteggiato da fabbriche sparse, fabbriche puzzolenti.

Certo, se avessimo avuto un visto illimitato per la Cina, non sarebbe stato male risparmiare sull’autobus, ma con un solo mese sarebbe stato uno spreco vedere solo le rocce grigie. Rimontiamo le bici (abbiamo dovuto smontarle un po’ per farle salire sul bus) e andiamo a cercare un posto dove dormire.

Un sacco di scelta qui, troviamo un hotel per 60 yuan (9 €). Una grande camera doppia, con enorme TV, bollitore, bagno con doccia, pantofole, spazzolino da denti, sapone, shampoo e telefono, non male davvero. Qualcosa da mangiare al ristorante dall’altra parte della strada, e poco prima del tramonto, il momento migliore, andiamo a vedere le famose dune di sabbia.

deserto Cina

rotolando e divertendosi sulle enormi dune di sabbia di Dunhuang

Qui sotto una lista degli alberghi di Dunhuang

Dunhuang, dune di sabbia

A circa 6 km a sud dal centro della città si trova l’ingresso ufficiale alle dune e il cosiddetto Crescent Moon Lake, un piccolo lago nel deserto che in effetti ha la forma di una falce di luna. Naturalmente, l’intera struttura è recintata e la quota di iscrizione è di 160 yuan (23 €, pazzia). Ma le dune si estendono a est e a ovest e pensiamo che ci sia un modo per salirci sopra gratuitamente. E lo troviamo!

Come entrare gratuitamente alle dune di sabbia di Dunhuang:

Prendete l’ultima strada a destra prima del cancello d’ingresso ufficiale, passerete un bel paesino dove gli abitanti allevano cammelli (ora solo per turisti, pensiamo), le dune sono sul lato sinistro dietro alcuni bei vigneti, ma ancora recintati.
Continuate a pedalare, seguendo la stessa direzione (ovest) per circa 6/7 km, fino a quando vedrete una distesa di sabbia sulla vostra sinistra, c’è una piccola insenatura lì. Quindi qui non c’è più recinzione e sarete liberi di scalare le enormi dune e di perdervi nel deserto!

Davvero divertente arrivare in cima e scivolare come bambini, o semplicemente godersi la vista del tramonto se siete più un tipo romantico (abbiamo fatto entrambe le cose). Finalmente, riceviamo una buona vibrazione dal deserto del Gobi, una sensazione adeguata  allo stereotipo che tutti hanno di un deserto.

Le dune sono splendide, alte centinaia di metri e con una sottile sabbia dorata che è un piacere sotto i piedi. Non vedrete il lago, ma la cosa bella sono le dune. Inoltre, la ragazza del nostro hotel ci ha detto che probabilmente il lago é asciutto in questo periodo dell’anno.

Cold noodles Nord Corea dunhuang

Ristorante Nord Coreano a Dunhuang Cina

Dunhuang centro città, piazza del cibo e mercato notturno

Torniamo al felice Five Ring Hotel, dormiamo nel nostro enorme letto matrimoniale dopo aver fatto zapping tra documentari e talent show cinesi.

Il giorno dopo visitiamo il centro città, molto piacevole, con il famoso mercato notturno dove si vendono artigianato locale, insieme a brutti souvenir.

Poi passeggiamo per il “grill district” (un sacco di shashlik e pesce grigliato qui), e quella che ci è piaciuto di più, la “piazza del cibo” (food square) coperta, con una dozzina di minuscoli ristoranti ognuno specializzato in un unico tipo di piatto. La visitiamo due volte ottenendo prima una casseruola (io con carne d’asino, tipica di questa zona, ed Elena con le verdure) e poi gli spaghetti freddi della Corea del Nord, di un bizzarro colore viola.

Dunhuang mercato notturno

Mercato notturno di Dunhuang. A Giugno, nell’Ovest della Cina, le giornate sono molto lunghe

Grotte di Mogao

Il 15 giugno, siamo pronti per andare alle Grotte di Mogao, un complesso di 492 grotte buddiste scavate in una montagna sabbiosa, che attraversano 1000 anni di storia e arte buddista e quattro dinastie. Le Grotte di Mogao sono considerate una delle più importanti reliquie culturali e artistiche dell’intera Cina, e quindi di tutto il mondo.

Il sito dovrebbe essere, secondo OpenStreetMap, a circa 20 chilometri da qui e invece dopo dieci troviamo la biglietteria e la strada è chiusa. Ci dicono che il biglietto non costa più 120 yuan (17 €), da questo mese (giugno 2015) costa 240 yuan (34 €, ma con la guida inclusa).

Per vedere le grotte siamo obbligati a visitare questo nuovo edificio, il centro audiovisivo, dove dobbiamo sopportare non uno ma due film che ci rovineranno le grotte prima di vederle dal vivo. Brillante!

Il problema è solo che non abbiamo tutti questi soldi. Potremmo rinunciare a vedere le grotte o rimanere qui finché i soldi del nostro inquilino arriveranno dal “Belpaese”. Decidiamo di restare, non penso avremo mai più un’occasione per vedere questa meraviglia.

Grotte Mogao Buddha Gigante

Il sito delle Grotte di Mogao, dentro questa pagoda si trova un grande Buddha

Una lotta con la burocrazia del turismo cinese

Il primo film dura 30 minuti e non è male, ripercorre la nascita della città di Dunhuang sulla Via della Seta e la realizzazione delle grotte. Il secondo è in un’altra stanza, con uno schermo a 360 ° e, come temevamo, mostra le grotte che visiteremo rovinandoci la sorpresa. La metà dei visitatori dorme sulla comoda sedia. I cinesi non si lamentano, se è obbligatorio è obbligatorio. Ben fatto Mao.

Quindi, dobbiamo aspettare 3 ore per fare un tour con una guida in lingua inglese. La guida è obbligatoria, le grotte sono chiuse da cancelli e hanno le chiavi, e ovviamente è utile avere qualcuno che ti spiega qualcosa. Non ci sono cartelli esplicativi. E comunque è obbligatorio. Scopriamo in seguito che la guida era lì dalle 9 del mattino, ma gli stranieri possono avere la guida solo in determinati orari, stabiliti dall’ufficio comunista dell’amministrazione turistica della regione del Gansu.

Per raggiungere le caverne dal centro audiovisivo devi prendere un autobus, tutto incluso nel biglietto, perché con le tue gambe non puoi andare da nessuna parte. I turisti cinesi sono assurdi, corrono sempre e spingono. Ma le persone ammesse sono già state contate e gli autobus possono accoglierli tutti, inutile spingere.

Anche quando visitano il sito corrono, sembrano avere sempre fretta. Probabilmente sono in viaggio organizzati e devono correre a vedere più cose possibili. Tuttavia, la nostra guida ci viene a prendere all’ingresso e ci salva dalla fila e dagli spintoni, con noi c’è anche un turista australiano. Gli unici stranieri qui.

Grotte di Mogao

Ricostruzione di una delle Grotte di Mogao, le fotografie sono proibite in quelle vere

Essere solo noi 3 con la guida è semplicemente perfetto. Avendo le chiavi delle caverne possiamo andare in quelle dove non c’è folla. Le grotte sono infatti chiuse con cancelli per proteggerle dagli agenti atmosferici.

Vediamo 12 caverne in poco più di 2 ore, di epoche diverse e con stili molto diversi, tra cui la famosa grotta della biblioteca, dove nel 1900 furono scoperti centinaia di preziosi manoscritti, uno dei più importanti ritrovamenti archeologici del secolo scorso.

Gli affreschi sono tutti originali e perfettamente conservati, i pigmenti sono stati realizzati con le materie prime più preziose, blu dal topazio, rosso dal rubino, e così via.

Le statue, tuttavia, a volte sono originali a volte riprodotte o ridipinte, per lo più nel XIX secolo. Ma l’arte è stupefacente, le grotte sono state sponsorizzate dalle famiglie più ricche e potenti di tutto l’impero cinese, per ricevere benedizioni divine e/o semplicemente per impressionare le generazioni contemporanee e future.

Cina Patrimonio mogao

Altri affreschi. Unica foto fatta prima che la nostra guida ci dicesse che é proibito

Budda gigante e girovagare gratuitamente senza guida al sito di Mogao

C’è anche un Budda gigante davvero impressionante, che puoi vedere solo dal basso, mentre un altro è in restauro e chiuso al pubblico (al momento della nostra visita). Le grotte sono centinaia ed è impossibile vederle tutte, alcune richiedono un biglietto a parte, fino a 500 yuan per una grotta.
 
Tuttavia, quando avrete finito la visita guidata, potrete ancora vagare per il sito da soli, unendovi a gruppi casuali per vedere più grotte. Alla fine del percorso, è possibile visitare il museo in cui diverse grotte, solitamente chiuse al pubblico, sono perfettamente ricostruite.
 
E poi ci sono molte statue e statuette tibetane, interessanti. All’interno del parco, c’è un altro museo e diverse mostre che è possibile visitare gratuitamente. Possiamo solo vedere quella di un pittore a cui piace ri-disegnare gli affreschi delle caverne, il tempo è poco, il centro chiude alle 17:30.
Grotte di Mogao Grotte Buddiste

scena di caccia in uno degli affreschi delle grotte di Mogao, i colori sono perfettamente conservati. (foto presa da internet)

Prendiamo l’autobus per tornare al parcheggio dove le nostre biciclette sono in attesa e andiamo alla vicina stazione ferroviaria. Chiediamo come possiamo prendere il treno per Zhangye con le bici. La bigliettaia è pazza e urla, come se il fatto di urlare sempre più forte ci facesse improvvisamente capiremmo il mandarino. Tutti i clienti in fila ridono.

Per fortuna c’è un ragazzo che parla inglese e ci aiuta a comunicare con la signora, che comunque urla anche con lui. La sua voce è identica a quella di una tipica vecchia isterica di qualche cartone animato.

Comunque il biglietto è disponibile per domani mattina, per la bici dobbiamo andare al vicino ufficio della stazione che è responsabile della spedizione della merce sui treni, l’ufficio si chiama CRE (China Railway Express) ed è in ogni stazione ferroviaria cinese, è attraverso di loro che è possibile spedire biciclette e ogni tipo di oggetti di ogni dimensione ovunque in Cina.

Con il nostro amichevole interprete andiamo, anche la signora poliziotta è una ragazza pazza ma più divertente, con gli occhiali spessi come il fondo di una bottiglia. È nuova in ufficio, il primo giorno, e non sa molto bene come funziona. Alla fine paghiamo solo 50 yuan per bicicletta, circa 7 euro e 18 yuan per le borse, tutto completo di ricevuta, niente bustarelle qui. Tutta questa legalità ci fa sentire disorientanti.

Dormiamo al motel della stazione, che si trova nel sottopassaggio (30 yuan), anche qui ci fanno la ricevuta. E così salviamo un altro paio di centinaia di chilometri desertici attraverso il Corridoio di Hexi, fino a Zhangye.

Grotte di Mogao Dunhuang

un’altra Grotta di Mogao. Affreschi e sculture sono davvero impressionanti e valgono l’alto prezzo del biglietto

Salvalo su Pinterest (scorri il mouse sull’immagine)
Dunhuang sand dunes mogao caves

Seguiteci mentre ci perdiamo

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media
Disclosure: Some of our articles contain affiliate links, that means we might receive a small percentage compensation if you purchase one of the linked product whitin a ceratin time frame. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Preference Center