Le 9 Migliori Giacche da Ciclismo Invernali: Abbigliamento Invernale per tutti i budget

Ultimo aggiornamento:

Last Updated on 15 Novembre 2023 by Cycloscope

Migliori Giacche da Ciclismo Invernali

Recensione delle migliori giacche per il ciclismo invernale: pile termico, softshell antivento, hardshell impermeabile. Giacche per clima freddo per uomo e donna

Cerchi la migliore giacca per il ciclismo invernale? Sei nel posto giusto. In questo articolo ti daremo alcuni consigli su come scegliere il miglior abbigliamento da ciclismo per climi freddi per le tue esigenze.

Per alcuni di noi, rinunciare al ciclismo a causa del tempo inclemente non è un’opzione, i cicloturisti in viaggi di lunga distanza dovranno affrontare tutte le condizioni più difficili, ma così fanno ogni giorno d’inverno molti pendolari e corridori su strada.

Scegliere il giusto abbigliamento da ciclismo invernale non è un gioco da ragazzi, ma con questa guida speriamo di darti tutte le informazioni per spendere saggiamente i tuoi soldi e ottenere la giacca migliore per te.


Disclosure: Some of our articles contain affiliate links. This comes at no additional cost for you and helps us keep this website up and running. (as Amazon Associates we earn commission from qualifying purchases)


Le Migliori Giacche Invernali per Ciclismo



1. Sigr Gotlandsleden Tour Merino Softshell [200$]

Our new favorite winter cycling jacket for 2024!

migliore giacca ciclismo invernale 2024
Tanglang La, elevation 5,328 metres (17,480 ft)


Materiali: fodera isolante ventilante in lana merino australiana, grip in silicone sull’orlo inferiore, membrana in PU idrofilo.
Grado di impermeabilità: resistente all’acqua.

Le giacche che abbiamo utilizzato per il nostro recente viaggio in bikepacking nell’Himalaya indiano. Ci hanno tenuto al caldo a temperature inferiori alla soglia di congelamento e superiori a 5000 metri di altitudine. Realizzata con un mix di lana merino proveniente da fonti sostenibili, membrana in PU idrofila e grip in silicone per l’orlo inferiore, la giacca rimane al suo posto anche quando ci si muove molto sulla sella.

I coprimani lunghi sono perfetti da infilare sotto i guanti e creare così un perfetto isolamento. Una grande tasca sul petto e un ampio scomparto posteriore con cerniera garantiscono una grande capacità di stoccaggio per snack, fazzoletti e tutto ciò che potresti voler riporre in una giacca da ciclismo.

La giacca è inoltre super ventilata, con prese d’aria zippate che possono essere aperte o chiuse a seconda delle necessità. Quindi può essere utilizzata anche in condizioni di freddo moderato senza causare sudore, cosa che abbiamo amato nel clima in costante variazione dell’Himalaya.

La riflettività è assicurata da ampi elementi sui lati e sul retro. La giacca è resistente all’acqua, il che significa che ti manterrà asciutto sotto una pioggerellina, ma dovrebbe essere abbinata a una giacca antipioggia adeguata o a un poncho da ciclismo in caso di acquazzone. Non è una giacca compatta, occupa un po’ di spazio se riposta nelle borse da bikepacking, ma lo stesso vale per tutte le buone giacche da ciclismo invernali.


2. Castelli Alpha ROS Jacket – Softshell

migliori giacche ciclismo invernali


  • Materiali: Windstopper 150, [face fabric] 100% polyester, [liner] 90% polyester, 10% Spandex
  • Valutazione impermeabile: 10,000mm

La giacca Castelli Alpha ROS è probabilmente il miglior softshell da ciclismo che puoi ottenere e il suo prezzo lo riflette. Questa giacca da ciclismo, del leggendario marchio italiano Castelli, ha tutto ciò di cui hai bisogno per pedalare nel freddo gelido della Lapponia o sull’Himalaya.

Metti due o tre strati sotto, (fino a -10° C), usandola da sola su una maglia normale ti manterrà caldo e asciutto a circa 8 ° C. Lo strato esterno Castelli Alpha ROS è realizzato in Tessuto Gore Windstopper 150, che ferma adeguatamente il vento anche ad alte velocità e garantisce un’ottima protezione dall’acqua.

La cerniera scorre facilmente ed è parzialmente coperta per tenere fuori la pioggia, mentre le cuciture di tenuta sulle spalle sono a doppia cucitura per tenere fuori la maggior parte della pioggia, ma ricorda che questa non è una giacca antipioggia.

Il particolare design separa lo strato di protezione contro vento e acqua dallo strato isolante, garantendo una ventilazione ottimale e l’evaporazione dell’umidità. La vestibilità è ottima, non sventola, i tessuti elasticizzati la rendono stretta ma non ostacolano i tuoi movimenti.

Tre tasche posteriori e una piccola tasca con cerniera sul davanti ti consentono di trasportare snack, cellulare e chiavi. La scelta del colore è vasta, arancione e nero, nero chiaro e nero, blu ceramica e nero, rosso e nero e grigio argento e nero. Castelli ha anche creato una splendida versione per donne.


3. VAUDE Posta VI – Softshell Jacket [180$]

migliori giacche invernali ciclismo


  • Materiale: 100% poliestere
  • Membrana: 100% poliuretano
  • 2 tasche posteriori + 1 tasca frontale, tutte con zip
  • Taglio basso sulla schiena

La giacca da uomo Softshell Posta V della tedesca award-winning Vaude è un altro prodotto di alto livello. La costruzione a strati è composta da un rivestimento esterno in poliestere e un materiale termico interno (poliuretano), che combinati insieme garantiscono l’arresto totale delle più veloci raffiche di vento e offrono un’eccezionale protezione dal freddo.

Il taglio aderente è progettato per adattarsi alla posizione di seduta classica sia dei mountain biker che dei roadies, lo spandex garantisce elevata elasticità, ma la protezione dalla pioggia è minima, rendendo questa giacca più vicina a un pile invernale che a un vero softshell. La finitura idrorepellente è prodotta senza l’uso di fluorocarburi (PFC) nel tentativo di essere più ecologica, ti proteggerà dal fango e dalla nebbia, ma non dalle piogge vere.

Il punto di forza del Vaude Posta V è sicuramente il suo calore, la giacca da sola può tenerti al caldo fino a -5 gradi Celsius, anche in condizioni di vento forte. Una bella aggiunta sono gli scomparti con cerniera sul retro per il telefono cellulare e le chiavi, completati da una grande tasca sul petto. Gli inserti riflettenti sono altamente visibili.


3. ARSUXEO 15-k Winter Warm UP – Thermal Softshell

migliori giacche invernali ciclismo


  • Materiali: 85% poliestere + 15% spandex
  • Tasca con cerniera anteriore e posteriore
  • Polsino dal design più lungo per una maggiore copertura dei polsi

L’Aruxeo 15k è la nostra scelta per la migliore softshell da ciclismo economica. Per poco meno di 35 euro ecco una giacca comoda e calda che probabilmente renderebbe felici la maggior parte delle persone. Il tessuto multistrato è costituito da una robusta superficie esterna antivento che fa gocciolare l’umidità, un secondo strato di una membrana impermeabile traspirante e un terzo strato di pile. La parte nera è Spandex, che dovrebbe essere familiare ai più. È un tessuto elastico e traspirante, non antivento né impermeabile. Rende la vestibilità comoda e aderente e aiuta il sudore a evaporare.

L’aggiunta di un’area di Spandex così ampia, tuttavia, compromette le prestazioni di Aruxeco anche in condizioni di pioggia media, ti bagnerai sempre tranne nel caso di una breve pioggerella. Indossata con uno strato di base caldo, questa giacca softshell da ciclismo è adatta per pedalare intorno a 0°C.

Tra gli aspetti negativi, un articolo economico di solito significa scarso controllo di qualità, infatti la cerniera è nota per fallire facilmente. Anche i materiali sembrano un po’ pesanti e la presenza di una sola tasca posteriore è uno sciocco difetto di progettazione. Come prodotto simile per le donne, consigliamo il Pearl Izumi Select Escape, un po’ più costoso ma decisamente di alta qualità.


5. Castelli Puro 3

castelli winter softshell jacket


  • Materiali: 100% poliestere
  • 3 tasche posteriori
  • Cerniera YKK Vislon resistente alle intemperie e di facile scorrimento

Castelli ha aggiornato una delle sue maglie invernali più popolari, la Puro, per la stagione 2024. Migliorando il calore del tessuto e aggiungendo ampi pannelli riflettenti sul petto e sotto le tasche sul retro, il brand italiano è riuscito a migliorare un prodotto che da molti era considerato già perfetto.

Castelli Puro 3 presenta un eccellente rapporto calore/gestione dell’umidità, una migliore visibilità notturna e un elegante design. Un capo tecnico senza fronzoli, come dice Castelli, che può essere comodamente utilizzato a diretto contatto con la pelle, o come elemento a strati per le pedalate invernali più impegnative.


6. ROCKBROS Winter Cycling Jacket – Thermal Fleece/Softshell [40$]

best winter thermal cycling jacket


  • Materiali: ripstop fabric, fleece, 8% spandex
  • 4 tasche

Rockbros si conferma un marchio cool per l’abbigliamento da ciclismo economico con questa giacca invernale multiuso economica. È qui che la distinzione tra pile e softshell diventa nebulosa, questa giacca infatti è antivento e resistente all’acqua come un softshell, la pioggia leggera si ferma in perline sulla superficie.

Ha l’8% di spandex mescolato al tessuto per una vestibilità aderente, ma allo stesso tempo è abbastanza spaziosa sulle spalle da consentire di indossare una felpa casual sotto, il che la rende perfetta per il pendolarismo. Ha anche uno strato interno in pile che ti tiene al caldo, alcuni inserti riflettenti per la sicurezza sulla strada, 3 tasche anteriori (la tasca sul petto ha una porta audio) e una tasca posteriore passante.

Le prese d’aria anteriori e posteriori aiutano un po’ con l’aumento della temperatura, ma la traspirabilità complessiva della giacca non è il suo punto di forza. Un altro aspetto negativo è la scarsa qualità delle cerniere. La giacca da ciclismo invernale Rock Bros sembra anche bella come un cappotto leggero casual. Il materiale riflettente è sottile e non si distingue come altre giacche da ciclismo o da corsa.


Le Migliori Giacche Invernali Hardshell per Ciclismo


1. Gore Men’s C3 GTX Infinium – Hardshell [115$]



  • Materiali: GORE-TEX Active Technology.
  • Cintura regolabile.
  • Tasca con cerniera anteriore e posteriore.

La Gore Men’s C3 GTX Active è un’ottima giacca per temperature sopra lo zero, leggera, comprimibile, incredibilmente traspirante, con un’ottima vestibilità e molto spazio per la stratificazione. Con una leggera maglietta a maniche lunghe sotto, questa giacca da ciclismo ti manterrà al caldo anche fino ai -6 gradi.

L’impermeabilità è buona, una normale pioggia rimbalzerà su questa giacca, ma non ti manterrà asciutto per sempre sotto un temporale. Nel complesso, questa è un’ottima hardshell con i suoi maggiori punti di forza nella sua comprimibilità e peso impercettibile. Gore produce anche una giacca invernale simile per donne, anche se ci sono alcune differenze evidenti le prestazioni sono molto simili.


2. Showers Pass Elite 2.1 Waterproof – Hardshell Cycling Jacket [200$+]



  • Materiali: 100% Nylon, eVent and Elite Performance Fabrics (ePF)
  • Tasca sul petto con porta audio
  • Ampia tasca posteriore
  • 3M Scotchlite finiture riflettenti

Lo Showers Pass Elite 2.1 è una delle migliori giacche da ciclismo impermeabili offerte sul mercato ed è anche disponibile nella versione donna. I tessuti rip stop Elite a 3 strati sono mappati sul corpo per massimizzare la traspirazione dove necessario, proteggendoti da venti e acquazzoni.

Le cuciture sono sigillate con nastro adesivo, mentre la cerniera fa un ottimo lavoro impedendo all’acqua di entrare di nascosto. La finitura del rivestimento DWR garantisce durevolezza e impermeabilità a lungo termine. Con temperature più calde la ventilazione funziona ancora alla grande, con sei diverse prese d’aria che puoi chiudere o aprire in base alle tue sensazioni, due prese d’aria centrali, due prese d’aria sui polsini, una presa d’aria posteriore e la cerniera anteriore .

Il cordino cinch sul colletto e il cordino cinch a doppia levetta sull’orlo sono un gradito accessorio, puoi regolarli in base alle tue misure per assicurarti che non entrino vento o pioggia. Il colletto è inoltre dotato di una morbida fodera antiumidità e il cappuccio compatibile tramite punti di fissaggio a strappo. Un temporale con temperature vicine a 0°C non dovrebbe preoccuparti, mentre aggiungendo una stratificazione adeguata puoi avventurarti a temperature gelide fino a -10 ° C. La giacca Showers Pass Men’s Elite 2.1 è la giacca da allenamento preferita del team Katusha Pro Cycling .


3. BALEAF Cycling Jackets – Hardshell/Raincoat [40$]

reflective winter jacket cycling


  • Materiali: 100% poliestere.
  • IMPERMEABILE ANTIVENTO e protezione completamente termosaldata
  • Grado di traspirabilità: 3000 g/m2/24 ore

BALEAF è un’azienda interessante con un vasto catalogo nel settore dell’abbigliamento sportivo, siamo felici di sottolineare che hanno anche moltissime cose per le donne: vale davvero la pena dare un’occhiata al loro negozio online!

Questa giacca hardshell da 40 Euro è un vero affare: super leggera, altamente visibile, completamente impermeabile, dotata di tantissime tasche e disponibile in versione donna, questa potrebbe essere l’opzione definitiva per chi cerca una hardshell invernale economica. Il materiale è 100% poliestere, completamente antivento e impermeabile sotto una pressione di 5000 mm grazie alla struttura completamente termosaldata.

La giacca Baleaf può essere chiusa in un piccolo fagotto autonomo che può essere riposto comodamente nella tasca posteriore di una maglia o di un pile. Nonostante ciò ha ben 5 tasche, una tasca posteriore, due tasche mani con cerniera e due interne. Dispone inoltre di un cappuccio con regolatori del cordino che si adatta perfettamente con o senza casco e fa un buon lavoro proteggendo il viso dalla pioggia e dal vento.


Come Scegliere la migliore giacca da ciclismo invernale per le tue esigenze

Cominciamo col dire che non esiste un sola giacca che possa funzionare in qualsiasi situazione di freddo, per alcuni fortunati l’inverno non arriva mai a temperature gelide, mentre per chi vive in zone geografiche più fredde 0°C è considerato un clima primaverile caldo.

Ogni ciclista dovrebbe trovare il proprio equipaggiamento perfetto che si adatti alle condizioni meteorologiche più comuni che dovrà affrontare durante l’arco invernale. Giacca antipioggia leggera? Pile traspirante super caldo?

Cos’è una Giacca da Ciclismo Hardshell?

Le giacche da ciclismo hardshell sono lo strato esterno dell’abbigliamento invernale. Sono pensate per essere impermeabili, antivento e, si spera, traspiranti.

L’obiettivo della loro costruzione è proteggere il tuo corpo dalla pioggia e dal vento permettendo al sudore di evaporare, compito non facile. Le giacche hardshell non sono destinate a essere calde, sono uno scudo.

Come spiegato di seguito, il principio di base dell’abbigliamento invernale nel ciclismo è indossare strati.

Una giacca hardshell sopra una maglia potrebbe essere perfetta sotto un temporale, mentre l’aggiunta di un softshell sotto è necessaria solo quando le temperature sono molto basse.


Qual è la Differenza tra Fleece e Softshell

Le giacche in pile e softshell sono lo strato isolante, indossate sotto l’hardshell o come strato più esterno con tempo freddo secco.

Queste due categorie tendono ad essere piuttosto confuse oggigiorno, al punto in cui è spesso difficile distinguere un softshell da un pile.

In questo articolo, abbiamo mantenuto la distinzione per un layout più pulito e una navigazione facilitata, ma vedrai che molti dei prodotti menzionati potrebbero rientrare in entrambe le categorie.

Fleece si riferisce spesso a un capo di abbigliamento realizzato con un tessuto chiamato Polar Fleece, una combinazione di fibre sintetiche e lana di pecora inventato nel 1979. La lana fornisce calore mentre le fibre sintetiche migliorano la ritenzione del calore.

Le giacche in pile sono pensate per tenere il corpo al caldo, ma il tessuto in pile fa poco per tenere fuori il vento e niente per tenere fuori la pioggia.

Oggigiorno molti pile da ciclismo combinano altri materiali o aggiungono strati per offrire una protezione decente dai venti e almeno alcune proprietà idrorepellenti, che li rendono più simili alle giacche softshell.

Le giacche da ciclismo softshell dovrebbero essere il più antivento possibile e almeno resistenti all’acqua, pur essendo più calde, più morbide, più traspiranti e più flessibili di un hardshell completamente impermeabile.

Spesso sono caratterizzate da un tessuto laminato composto da più strati uniti insieme, inserti di spandex sono comuni per aggiungere traspirabilità e garan


Come Scegliere la migliore giacca da ciclismo invernale per le tue esigenze


Cominciamo col dire che non esiste un sola giacca che possa funzionare in qualsiasi situazione di freddo, per alcuni fortunati l’inverno non arriva mai a temperature gelide, mentre per chi vive in zone geografiche più fredde 0°C è considerato un clima primaverile caldo. Ogni ciclista dovrebbe trovare il proprio equipaggiamento perfetto che si adatti alle condizioni meteorologiche più comuni che dovrà affrontare durante l’arco invernale. Giacca antipioggia leggera? Pile traspirante super caldo?


Cos’è una Giacca da Ciclismo Hardshell?

Le giacche da ciclismo hardshell sono lo strato esterno dell’abbigliamento invernale. Sono pensate per essere impermeabili, antivento e, si spera, traspiranti. L’obiettivo della loro costruzione è proteggere il tuo corpo dalla pioggia e dal vento permettendo al sudore di evaporare, compito non facile. Le giacche hardshell non sono destinate a essere calde, sono uno scudo.

Come spiegato di seguito, il principio di base dell’abbigliamento invernale nel ciclismo è indossare strati. Una giacca hardshell sopra una maglia potrebbe essere perfetta sotto un temporale, mentre l’aggiunta di un softshell sotto è necessaria solo quando le temperature sono molto basse.


Qual è la Differenza tra Fleece e Softshell

Le giacche in pile e softshell sono lo strato isolante, indossate sotto l’hardshell o come strato più esterno con tempo freddo secco. Queste due categorie tendono ad essere piuttosto confuse oggigiorno, al punto in cui è spesso difficile distinguere un softshell da un pile.

In questo articolo, abbiamo mantenuto la distinzione per un layout più pulito e una navigazione facilitata, ma vedrai che molti dei prodotti menzionati potrebbero rientrare in entrambe le categorie. Fleece si riferisce spesso a un capo di abbigliamento realizzato con un tessuto chiamato Polar Fleece, una combinazione di fibre sintetiche e lana di pecora inventato nel 1979. La lana fornisce calore mentre le fibre sintetiche migliorano la ritenzione del calore.

Le giacche in pile sono pensate per tenere il corpo al caldo, ma il tessuto in pile fa poco per tenere fuori il vento e niente per tenere fuori la pioggia.

Oggigiorno molti pile da ciclismo combinano altri materiali o aggiungono strati per offrire una protezione decente dai venti e almeno alcune proprietà idrorepellenti, che li rendono più simili alle giacche softshell. Le giacche da ciclismo softshell dovrebbero essere il più antivento possibile e almeno resistenti all’acqua, pur essendo più calde, più morbide, più traspiranti e più flessibili di un hardshell completamente impermeabile.

Spesso sono caratterizzate da un tessuto laminato composto da più strati uniti insieme, inserti di spandex sono comuni per aggiungere traspirabilità e garantire una vestibilità aderente.


Il Segreto del Ciclismo a Basse Temperature: Layer Up

In condizioni di clima particolarmente freddo, raggiungiamo il nostro obiettivo di rimanere al caldo e all’asciutto utilizzando diversi strati di abbigliamento, uno sopra l’altro, che possiamo rimuovere selettivamente in base alle tue sensazioni.

Imparare a stratificare è una delle cose più difficili da padroneggiare nel mondo del ciclismo, è molto personale, dipende dalla propria fisiologia, peso, forma, eccetera, ma anche a seconda delle corse che siamo abituati ad affrontare e dalle condizioni meteorologiche le condizioni possono variare al loro interno.


Ci sono 4 strati di indumenti utilizzati nel ciclismo invernale:

  • Base Layer (a contatto con la pelle, solitamente lana merino o tessuti sintetici come polipropilene e poliestere)
  • Jersey (può essere manica corta o lunga e termica o no)
  • Softshell o pile antivento (taglia il vento e tiene al caldo ma non all’asciutto)
  • Hardshell impermeabile (protegge dalla pioggia battente ma meno traspirante)

L’uso di tutti questi 4 strati insieme è necessario solo a temperature sotto lo zero, in climi estremi potrebbero richiedere anche due o più strati dello stesso tipo (scopri come Dino Lanzaretti ha pedalato attraverso la Siberia in inverno).

Nella maggior parte dei casi, due o tre strati sono sufficienti. Ecco alcuni esempi di combinazioni di strati per il ciclismo invernale.

  • Strato di base + Jersey intorno a 15 ° C / 13 ° C:
  • Jersey + pile / softshell a 12 ° C / 9 ° C
  • Strato di base + pile / softshell 9 ° C / 5 ° C
  • Strato di base + maglia termica + pile / softshell circa 4 ° C / 0 ° C
  • Strato di base + maglia termica + pile / softshell + hardshell -1 ° C / -10 ° C

Se il tempo è umido, dovresti sostituire il pile con una giacca rigida. Ovviamente può essere combinato e utilizzato anche con tempo asciutto, a seconda del prodotto e del gusto personale.

Questi sono solo alcuni consigli che potrebbero funzionare per alcuni di voi, non prendeteli come una Bibbia poiché ognuno di noi è diverso e non ci sono regole fisse.


Domande frequenti sulle giacche da ciclismo

Quali sono i diversi tipi di giacche da ciclismo?

Esistono tre tipi di giacche da ciclismo invernali: pile, sofshell e hardshell. Il pile è progettato per tenerti al caldo, le softshell per ripararti dal vento e le hardshell per proteggerti da pioggia e vento. Leggi di più!

Quale temperatura è troppo fredda per andare in bicicletta?

Nessuna temperatura è troppo fredda per andare in bicicletta. Con l’attrezzatura adeguata e la stratificazione adeguata, anche i punti più freddi della Siberia sono stati attraversati in bicicletta. Sotto i 5 C dovresti indossare abbigliamento invernale dedicato al ciclismo.

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media

Sharing is caring!

Stanforth Bikes Best for Touring
Cycloscope are proud users of the best touring bikes in the world