Last Updated on

Qui la seconda parte delle nostre avventure in bicicletta in Romania.

Dopo aver incontrato la peculiare comunità Rom di Valea Lui Stan pedaliamo verso Sud, verso la ancora più peculiare Buzescu.

1 Giugno, 2014 Pitesti – Robaia

L’inferno per chi viaggia in bicicletta

Ci fermiamo dopo Brezoi per mangiare un’Omleta cu branza (Frittata con il formaggio). E via verso Pitesti, prossimo piccolo villaggio sulla nostra strada.
Dopo una ventina di chilometri ci allontaniamo finalmente dalla strada “della morte” lungo il fiume.
Passiamo il ponte e inizia una strada molto meno trafficata che passa attraverso un po’ di paeselli.

C’è un po’ di salita che non ricordavamo di dover fare nei nostri piani di viaggio. Ad un certo punto, quando meno te l’aspetti, l’asfalto finisce e inizia una salita 20 % di sterrato. Cioè, magari di sterrato. Solo pietre, e pure grosse. Il fidato navigatore dice che la strada è quella giusta e noi, dopo anni a prendere in giro gli automobilisti che fanno tutto quello che gli dice il navigatore, ci fidiamo ciecamente. E pensiamo che stiano rifacendo l’asfalto, dopo un po’ ricomincerà la strada normale. Ma ci sbagliamo, e di grosso.

Non abbiamo scelta se non spingere. Sembra un incubo. Ci facciamo così dieci chilometri. Mettendoci ore, 6 ore. Anche quei brevissimi tratti di discesa o semi pianeggianti dobbiamo farli a piedi, ci sono sassi enormi e la bici non va avanti. Incontriamo ogni tanto delle persone ma nessuno ci dice “dove cavolo state andando?”

Dopo ore di inferno una vecchietta ci dice che siamo quasi arrivati all’asfalto, dobbiamo “solo” valicare la prossima montagna! Vogliamo morire.
Dopo l’ennesima salita verticale ci fermiamo, sfiniti, e montiamo la tenda lungo la “strada”! Il bosco è scosceso e non si può entrare. Ci facciamo una pasta e andiamo a dormire, continuando a chiederci perchè ci troviamo a 650 metri d’altezza e sperando che domani questo inferno finisca presto.


Picture

tappa 27: Robaia – Curtea de Arges

Al nostro risveglio l‘inferno di pietre è sempre lì. Almeno niente pioggia di notte. Altrimenti sarebbe un pantano. Facciamo ancora qualche chilometro trascinando le biciclette e poi appare, come un miraggio nel deserto, ma reale, l’asfalto. E appare nel paese di Ianculesti, non faccio commenti.

Il tempo è bello, costeggiamo un fiume molto carino. Un altro po’ di salite e poi arriviamo a Curtea de Arges dove prendiamo una stanza poco prima del temporale.
In camera c’è una tv dove tutto e tutti sono verdi.


Stanforth Bikes Best for Touring

Cycloscope are proud users of the best touring bikes in the world

Picture

3 Giugno, 2014: Curtea de Arges – Izvoru

Ci svegliamo abbastanza riposati. Partiamo, la strada è abbastanza pianeggiante. Una macchina gialla si ferma per dire a Daniele (che è davanti a me) che fra un paio di chilometri attraverso un villaggio tsigan e che non mi deve lasciare indietro. Questa é l’idea che, mediamente, hanno i Rumeni dei Rom.

Alla fine ci arriviamo, sono quattro case. Tutti parlano italiano e ci salutano. Il problema, come sempre, non sono i rom, ma i cani selvaggi. Ad un certo punto ne arrivano 4 o 5 e sono grandi. Una “pericolosissima” signora Rom richiama i cani e tutto finisce bene.

Poi tutto come al solito in questa parte di Romania, paesini, cavalli e campagna.

Baretti o qualsiasi altra attività vendono birra, anche il ferramenta. Una birra alla spina ci costa 2 Lei (40 centesimi). E’ così che finisce la nostra giornata in sella.


Picture

tappa 29: Izvoru – Buzescu

Un assaggio di Buzescu

Al risveglio troviamo una mucca davanti alla tenda. Bene.
Mentre smontiamo arriva la padrona della mucca, una vecchietta alta 1 metro e 40 cm con il fazzoletto in testa e un bel sorriso sdentato. Ci saluta e slega la mucca.
 
Andiamo a riempire l’acqua e a sciacquarci nella fontanella del vicino villaggio. Due tizi ci chiedono dove andiamo e credono che ci sia un oceano da attraversare per arrivare in Cina.
Lungo la strada ci fermiamo a mangiare sotto una pensilina dell’autobus, Siamo in compagnia di un cagnolino nero a cui crediamo rimangano pochi giorni di vita. Along the way we stop to eat under a plastic bus shelter, there’s a little black dog with not much days left to live. Gli diamo un po’ di pane, acqua e patè.

Siamo vicini a Buzescu, dove dovremmo filmare la seconda parte del reportage sulla Romania. Buzescu é un paese di meno di 10,000 abitanti.

Ha tre strade, le vie dietro quella principale sono sterrate, e le case parecchio modeste, quasi nessuno ha il bagno in casa. La via principale, invece, lunga alla fine solo cinquecento metri, è un’accozzaglia di case giganti.

Arriviamo in centro, anche qui non siamo riusciti ad avere un contatto loca e filmare non sarà facile. IN più, la gente qui non sembra affatto amichevole come a Valea Lui Stan. Un fotografo del National Geographics é venuto qui un paio di anni fa e ha scritto un articolo collegando queste ville ai proventi di attività criminali: scommesse, prostituzione, droghe. Ai locali non é piaciuto molto.

Le ville sono davvero bizzarre: tetti dorati, cancelli d’argento, muri in marmo e simboli del dollaro ovunque. C’é anche una copia della Casa Bianca, sembra solo leggermente più piccolo dell’originale.

Alla fine del paese un ragazzo ci ferma. E’ un buzeschese di Terni, tornato qui per un po’ perchè il locale dove faceva il cameriere ha chiuso. Facciamo un giro nel paese mentre ci spiega un po’ di cose su questo posto:
  • Costruire una di queste ville non é molto costoso, materiali e manodopera sono ancora molto economici in Romania. 50,000€ per una casa a tre piani, senza mobili e impianti.
  • Quello che é veramente costoso sono gli interni: preziosi mobili di legno pregiato, rubinetti d’oro e cose del genere.
  • E’ molto facile finire dalla strada principale ad una di quelle sterrate laterali. Basta una serata sfortunata a poker.

Il ragazzo si chiama Marco, é qui in visita alla madre che sta morendo. Visitiamo la sua casa, non c’é acqua corrente e non ci sono i vetri alle finestre. Invece, c’é un bellissimo cavallo in giardino. Non sei nessuno senza un cavallo in Romania.

Passiamo un po’ di tempo insieme, e poi ci dirigiamo verso Alexandria. Non abbiamo potuto fare video e foto, essere ciclo-reporter in certi posti in Romania non é facile come avevamo pensato.

mappa del nostro viaggio in bicicletta: Romania parte 2

Da Brezoi a Alexandria

Street Level Photo Map: da Robaia a Buzescu

Leggilo più tardi! Salvalo su Pinterest (scorri il mouse sull’immagine)

buzescu cycling romania

Seguiteci

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.