bali kecak history

Dove vedere lo spettacolo tradizionale Kecak a Bali

Le sue origini e significati: un rituale sacro trasformato in una performance profana

L’Indonesia è una culla di culture, un cosmo in cui ogni isola è un pianeta separato, interconnesso con gli altri ma totalmente unico nelle sue più profonde espressioni culturali, credenze religiose e lingue. Delle 17.504 (forse) isole indonesiane, Bali è sicuramente la più famosa, uno dei luoghi più visitati al mondo.

Anche se molti dei turisti vengono qui per le spiagge e le feste, da almeno 2 secoli Bali è visitata e studiata da studiosi di tutto il mondo per la sua cultura e le sue forme artistiche uniche, danze tradizionali, forme teatrali, musica e rituali. Tra queste c’è una forma d’arte molto particolare chiamata Kecak.


Leggete anche

Legong e Barong – dove vedere la danza tradizionale a Bali

Cicloturismo a Bali – itinerario e consigli per esplorare il meglio di Bali

Come ho conosciuto il Kecak

Ho incontrato il Kecak per la prima volta nel film Baraka del 1992, devo molto a questo film di Ron Fricke, il mio fascino per le altre culture, la mia voglia di esplorare e sperimentare il mondo, anche se già presente in me, ha avuto una forte spinta.

La scena di Kecak di Baraka mi ha sbalordito così tanto che mi sono ripromesso di vederlo di persona, presto o tardi, e l’ho fatto, vedendo, inoltre, il primo gruppo femminile di Kecak nella storia.

Dieci torce di bambù illuminano la corte del tempio, un gruppo di donne di tutte le età, forse 50 o 70 di loro, entrano e formano un cerchio. Sono vestite semplicemente, un modesto sarong legato intorno alla vita da una sciarpa, un fiore di hybiscus rosso all’orecchio destro, uno bianco a sinistra e improvvisamente un’esplosione di suoni, un complesso poliritmo vocale senza alcun tono, una tempesta di grandine di voci.

Le origini del Kecak

I Balinesi sono per la maggior parte indù, sebbene l’induismo balinese sia molto diverso da quello indiano: essendo isolato dai contatti con l’India, le sue espressioni artistiche e rituali sono state fortemente influenzate dalla cultura giavanese.

Anche se la forma Kecak risale agli anni’ 30 (lo vedremo più tardi), questa forma rituale di canto e danza é molto più atavica e radicata nella cultura Balinese ancestrale..

L’accompagnamento musicale di gamelan mulut (mouth gamelan), o il coro cak, può essere trovato in diversi rituali balinesi che coinvolgono lo stato di trance degli artisti, come il tari sang hyang, o “danza della dea celeste”. In questo rituale, i danzatori sono posseduti dagli dei, e scacciano gli spiriti maligni, colpevoli di un avvenimento inquietante. Il tari sang hyang è un rito molto sacro, eseguito nella parte interna del tempio, dove sono ammessi solo “sacerdoti” o persone sante .

Ramayana Kecak where see

Hanuman

Il Kecak contro le malattie mortali, la storia del villaggio di Bona

È probabilmente alla luce di questa tradizione che possiamo capire questa storia, raccontata da the Jakarta Post, ambientata in un villaggio chiamato Bona nei primi anni del XX secolo.

Spaventati ogni anno da un attacco letale che colpiva il villaggio, con i monsoni che portavano tempeste nel mese di novembre, gli abitanti del villaggio di Bona sapevano che ogni famiglia avrebbe perso almeno un membro per malattia. Le persone erano malate, vomitavano, avevano la diarrea. Peggiorarono fino a quando gli ammalati vomitavano sangue e avevano febbre. Molte persone morivano, la loro pelle diventava nera. In un giorno ci potevano essere fino a quattro funerali, il giorno seguente seguente cinque, e avanti così, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana , anno dopo anno.

I templi erano tutti chiusi. La gente non poteva entrare, ogni famiglia aveva perso qualcuno, e quindi erano tutti impuri: non c’erano cerimonie per i morti, che erano tanti.

Fare baccano a sufficienza per svegliare i morti era l’unico metodo che potevano immaginare per scongiurare la malattia mortale. Una notte un uomo, venne posseduto dal ritmo, non dal ritmo del gong, ma da quello delle voci umane, e  la malattia ha iniziato ad attenuarsi, la morte e la malattia si sono interrotte.

Gli abitanti del villaggio di Bona continuarono a celebrare questo rito ogni 6 mesi fino al 1970, quando i ballerini iniziarono ad essere invitati a esibirsi per i turisti. Dopo aver capito come questo priverebbe una pratica sacra del suo significato, gli abitanti dei villaggi di Bona fermarono del tutto la pratica, non facevano più il Kecak.

Kecak history origins

La storia del moderno Kecak

Poi arriva un grande uomo barbuto, il suo vestito é un pezzo d’arte, le sue espressioni divertenti e terrificanti allo stesso tempo: è Ravana, la nemesi di Rama, pronto a rapire la bella Sita … ma Hanuman, il guerriero scimmia, è pronto a combattere per la moglie del suo padrone.

Gli anni’30 sono stati anni molto complessi nella storia di Bali, gli Olandesi avevano occupato l’isola nel 1908, attraverso la paura ed il massacro di civili. Gli interventi militari, tuttavia, furono seguiti da vicino da una copertura della sanguinosa conquista della parte meridionale dell’isola che scioccò l’Occidente.

L’immagine dei Paesi Bassi come potenza coloniale benevola e responsabile fu seriamente compromessa: i Paesi Bassi, criticati anche per le loro politiche a Giava, Sumatra e l’isola orientale, decisero di fare ammenda e annunciarono l’istituzione di una “politica etica”. Gli olandesi a Bali si trasformarono in studenti e protettori della cultura balinese e furono fatti sforzi per preservarla come un “museo vivente” e nel 1914, Bali fu aperta al turismo.

Nel frattempo, seguendo l’ondata di orientalismo generata dalla esposizione universale di Parigi del 1900, greggi di artisti occidentali cominciarono a fluire verso l’Indonesia, tra cui l’artista tedesco Walter Spies.

Spies incappò nel Kecak, che probabilmente era già diventato popolare, e gli piacque Wayan Limbak, hanno organizzato spettacoli aggiungendo elementi di Legong, storie dal Ramayana, organizzarono tour all’estero, rendendo così il Kecak internazionalmente conosciuto.

Il Kecak di oggi e il primo gruppo di sole donne

Oggigiorno il Kecak è praticamente quello sviluppato da Spies e Limbak, con il coro di Cak che accompagna alcune scene classiche del Ramayana. Le esibizioni durano tra i 60 ei 90 minuti e sono solitamente seguite da una cosiddetta danza del fuoco, anch’essa presa in prestito da altri riti religiosi come il tari sang hyang jaran.

Il significato religioso è completamente sparito, infatti la performance si svolge nella zona più esterna del tempio invece che nel suo nucleo interno, una zona che, pur essendo anch’essa consacrata, è destinata ad ospitare attività profane.

Il Kecak si è evoluto in qualcosa di diverso ed è estremamente interessante sottolineare la creazione del primo gruppo Kecak femminile nel 2004. Il Kecak è stato concepito come un’attività da uomo ma queste signore hanno infranto la regola creando uno spettacolo incredibile. Vedere la loro esibizione, la loro dedizione ostinata e le loro conquiste mi ha davvero toccato.

Tuttavia, il Kecak mantiene il suo fascino, i suoni fanno girare lo spettatore, i costumi dei personaggi principali sono meravigliosamente intricati, la luce del fuoco e l’atmosfera generale hanno un’aura magica che incanta.

Dove vedere il Kecak a Bali

La città di Ubud, il centro turistico culturale dell’isola di Bali, è sicuramente il posto più facile per vedere spettacoli di danza e musica tradizionali, anche se è vero che, girovagando per Bali, è molto probabile imbattersi in feste tradizionali e rituali che coinvolgono molti tipi di danze, teatro e musica, non c’è quasi modo di pianificarlo in anticipo, l’unico modo per vedere una vera cerimonia balinese è essere nel posto giusto al momento giusto.

Invece ad Ubud ci sono spettacoli tutti i giorni (tranne durante il Nyepi, il Silent Day) e il Kecak viene rappresentato almeno 3 volte a settimana. Le sedi sono per lo più nel centro di Ubud, non lontano dal Palazzo Reale, mentre alcune attività diverse si verificano nei villaggi vicini, come il Jegog (il Gamelan di bambù), per questi spettacoli è previsto il trasporto gratuito dall’Ufficio del Turismo di Ubud. Ogni giorno ci sono diverse esibizioni, quindi è facile vedere qualsiasi cosa anche avete poco tempo.

Il centro di informazioni turistiche, situato vicino all’incrocio principale di Ubud, nel nord della città (vicino al Palazzo Reale), può fornirti un elenco degli spettacoli in programma, con orari e tariffe. Potete vedere qui la programmazione online.

L’ingresso per la maggior parte degli spettacoli è di circa 7 USD, la durata degli spettacoli è di 90 minuti, si svolgono tutti intorno alle 19 o alle 19:30. 


Leggete anche

Legong e Barong – dove vedere la danza tradizionale a Bali

Cicloturismo a Bali – itinerario e consigli per esplorare il meglio di Bali

Leggilo più tardi! Salvalo su Pinterest (scorri il mouse sull’immagine)

kecak history

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata