Immagine

 

Tra le cose da fare intorno ad Almaty, visitare il Canyon di Charyn è sicuramente un must, mentre in pochi conoscono il lago Esik.

Entrambi possono essere raggiunti in una gita in giornata da Almaty

Tra le cose da fare intorno ad Almaty, visitare il Canyon di Charyn è sicuramente un must, mentre in pochi conoscono il lago Esik. Entrambi possono essere raggiunti in una gita in giornata da Almaty se si utilizzano i trasporti motorizzati. In bicicletta però, nessuno di questi è così facile da raggiungere.

Abbiamo visitato entrambi in 7 giorni, in attesa del visto cinese. Date un’occhiata a Caravanistan per altre cose da fare e vedere intorno ad Almaty

26 maggio, 2015

Cicloturismo da Almaty al lago Esik

Ci dirigiamo verso il lago Esik, un lago alpino a circa 60 chilometri a est di Almaty, a 1800msl.

Prima di raggiungere la città di Esik, a circa dieci chilometri dal lago, ci fermiamo a visitare il museo di storia di Esik (500 tenge per persona). È un museo piccolo ma carino, c’è una riproduzione del Golden Warrior trovato in una delle molte tombe Schytian sparse dappertutto qui intorno, sembrano un semplice cumulo di terra.

Dopo il villaggio, che è abbastanza grande e con un grande bazar, affrontiamo gli ultimi chilometri fino al lago, dopo aver pagato l’ingresso al parco (350 tenge). Una bella strada che segue un fiume che scorre tra le montagne, finalmente alcuni alberi! Ma piuttosto dura e davvero molto ripida, gli ultimi 5 chilometri dobbiamo spingere e ci mettiamo quasi due ore.

Scythian Golden Warrior Esik

Il Scythian Golden Warrior di Esik

Lago Esik  – la bella e le bestie

Finalmente raggiungendo la cima della collina il lago Esik si mostra in tutta la sua meraviglia. Acque blu turchesi in cui si specchiano i pini e le vette innevate.

Una volta giunti sulle rive del lago, iniziamo a chiederci a cosa servono i soldi del biglietto d’ingresso, c’è spazzatura ovunque.
La domanda è ovviamente retorica. Poche persone qui, tutti kazaki, e tutti loro lasciano la spazzatura alle spalle. La cosa più inquietante è che insegnano a farlo ai bambini. C’è un’escursione di classe e gli insegnanti spiegano ai bambini di sgombrare il tavolo, e poi gli fanno gettare tutto sull’erba. A volte, lungo le strade del Kazakistan, abbiamo visto impiegati che raccoglievano bottiglie gettate dalle auto, facendo pile e dandogli fuoco. Sembra essere il meglio che il governante kazako stia effettivamente facendo per il problema della spazzatura.

Il lago Esik è ancora stupendo, l’acqua è cristallina e molto fredda, quindi purtroppo niente il bagno. Si è formato 10.000 anni fa, e fino agli anni’ 60 era una destinazione turistica popolare.
Poi una frana ha distrutto la diga naturale che ha permesso l’esistenza del lago, ci sono stati diversi decessi e il calo dell’acqua ha notevolmente ridotto le dimensioni del lago.

Qui si può campeggiare liberamente, ci sono bagni (i soliti buchi nel terreno) e gazebo con tavoli e panche. La notte è fredda e dormiamo pochissimo, perché quattro o cinque grandi cinghiali spargono tutta la spazzatura dai cassonetti e sono ad un paio di metri dalla tenda. Almeno non sono orsi. E poi, non è colpa del cinghiale se gli umani hanno lasciato loro un banchetto gratis.

lago Esik

asini selvaggi sul lago Esik

Getting to Charyn Canyon

Quando finalmente se ne vanno, è quasi l’alba, e al posto dei cinghiali arriva una famiglia di asini che ragliano. Gli asini selvaggi sono tipici di questa zona.
Con gli asini attorno alla nostra tenda, ci alziamo e ci dirigiamo verso il Charyn Canyon, in discesa! Troviamo un bel percorso alternativo alla strada principale, lungo il Grand Canal di Almaty. È un percorso molto piacevole attraverso i campi, ci sono alcuni su e giù sulle colline, ma niente di pesante e ne vale la pena. Pochissime anche le auto, sembra di avere una pista ciclabile tutta per noi. In due giorni arriviamo al Canyon. Gli ultimi 11 km sono su una pista di ghiaia, ma piatta, quindi non così dura come quella per il lago Song Kul in Kirghizistan.
Charyn Canyon

Cicloturismo Charyn Canyon

Charyn Canyon

Basta passare il cancello dove paghiamo il biglietto di ingresso (500 Tenge di nuovo), ci troviamo di fronte a questa incredibile meraviglia naturale. Non abbiamo visto il Grand Canyon negli Stati Uniti, quindi non possiamo fare paragoni, ma è sorprendente.

E questa volta i soldi sono davvero usati per la manutenzione.
Questo posto è più visitato dai turisti stranieri, quindi le autorità del parco sono più caute. Per scendere al fondo del Charyn Canyon c’è una lunga e ripida scala. Quindi, portarsi le biciclette è un incubo. Ma ne vale assolutamente la pena, il percorso all’interno del canyon è un bel giro. Seguendolo, arriviamo al fiume Charyn, dove finisce il sentiero. Anche qui purtroppo l’acqua è ghiacciata, quindi niente bagno. Questa area è attrezzata come campeggio gratuito, hanno anche piantato piccoli alberi di recente, che un giorno verranno utilizzati per l’ombra. Ci sono una dozzina di tende, i campeggiatori sono tutti russi. Vicino al campeggio libero c’è un ristorante che ha prezzi normali nonostante sia all’interno del canyon. Ma i russi hanno patate bollite, uova sode, insalata di pomodori e cetrioli, un sacco di erba cipollina e le inevitabili scatole di patè crude. Sono molto amichevoli e condividono tutto con noi.

Charyn Canyon Kazakhstan

il Canyon Charyn dall’alto

IL potere della cacca di mucca

Poi, tutti insieme, al tramonto, stabiliscono un rituale di purificazione. Hanno una piccola ciotola con dentro sterco di vacca essiccato. Tutti danno fuoco alla cacca, ognuno ha la sua ciotola.

Dicono che ogni fiamma libera ha il potere di purificare per 10 chilometri dalla radiazione e da tutto ciò che è dannoso. Cosa posso dire, i grandi poteri della cacca di mucca.

Credono davvero, dicono che è un antico rituale indiano e sembrano molto soddisfatti della recente purificazione. Dormiamo nella pace del canyon, purtroppo ci sono un po’ di nuvole e non possiamo vedere le stelle.

campeggio al Charyn Canyon

campeggio al Charyn Canyon

Getting out from Charyn and back to Almaty

La salita mattutina non è facile, dobbiamo rifare il percorso all’interno del canyon fino al suo inizio, ora è tutto in salita. Lungo il sentiero incontriamo un sacco di vermi verdi con un pungiglione (sono quelli velenosi?). Poi ci sono le scale che ci aspettano. Bici sulle spalle, eccoci.

Torniamo sulla strada principale attraverso il sentiero per Jarkent, più lungo, una ventina di chilometri. Il sentiero è sterrato per i primi 12 chilometri, ma non così male come quello del sud (da dove siamo venuti). Molto meno washboard, bel paesaggio, davvero alieno. Gli ultimi 8 km sono sabbiosi e non così piacevoli.

Ancora non siamo riusciti a vedere il famoso piccolo roditore delle praterie kazakhe, che tutti hanno visto tranne noi. Da queste parti è pieno di buchi, quindi dovrebbero essercene molti, ma non si presentano.

Una volta sulla strada, facciamo l’autostop per tornare ad Almaty (per non fare la stessa strada due volte e poi una terza volta per andare in Cina). Appena arrivati ​​sulla strada asfaltata, aspettiamo esattamente un minuto e un camion si ferma.

È un ragazzo curdo. Carichiamo le bici, non senza problemi, dietro il sedile (in pratica sul suo letto). Ci porta ad Almaty, ci offre il pranzo e compra un sacco di fragole. In breve, il solito camionista … non dimenticatevi di fare l’autostop in Kazakhstan, è davvero la cosa più divertente da fare qui.

cicloturismo Kazakhstan Almaty Charyn

la strada sterrata fino al Charyn Canyon

Leggilo più tardi! Salvalo su Pinterest (scorri il mouse sull’immagine)

Best almaty gataway charyn esyk

Follow us while we get lost

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata