cicloturismo ad Almaty

edifici in vetro ad Almaty

Da Bishkek ad Almaty, la città delle mele. Siamo tornati in bicicletta in Kazakistan dopo 7 mesi. Per continuare a seguire la Via della seta abbiamo bisogno di un visto per la Cina, non la cosa più facile da ottenere in Asia centrale.
22 Maggio, 2015

Cicloturismo da Bishkek ad Almaty

Lasciamo Nathan, Bishkek e il Kyrghzstan. Dobbiamo tornare in Kazakistan per ottenere il visto per la Cina. Bene, ne approfitteremo per vedere una parte di questo paese che non abbiamo avuto l’opportunità di visitare l’anno scorso.

Dopo una ventina di chilometri arriviamo al confine con il Kazakistan, l’attraversamento è facile perché per fortuna ci siamo messi in fila con le macchine. Altrimenti il percorso pedonale, che è in “gabbia” sarebbe stato un incubo con le bici.

Ci sarebbero volute almeno un paio d’ore, c’era un sacco di gente.

Il paesaggio è sempre uguale, il Kazakistan come lo ricordavamo, steppa, solo un po’ più erbosa qui. Fa caldo, ma niente rispetto allo scorso agosto.

Il primo giorno, non possiamo fare più di 53 chilometri, e siamo stanchi, e non c’era nemmeno una salita … schiappe … troppo tempo senza pedalare.

Almaty ragazze

studenti celebrano il diploma ad Almaty

Il secondo giorno, tuttavia, grazie a un vento favorevole (la prima volta nelle nostre vite) gestiamo un rispettabile 88 km.
Ci accampiamo vicino alla strada. Questo è l’unico vantaggio delle steppe, puoi mettere la tenda dove vuoi. Terzo giorno, domenica, a solo un centinaio di chilometri da Almaty, chiamata anche Apple City. Facciamo 80 km e facciamo l’autostop  per gli altri 20. La domanda per il visto può essere consegnata solo il lunedì o il mercoledì mattina, quindi avremmo perso due giorni se non fossimo arrivati in orario. E qui abbiamo sempre solo 15 giorni di visto gratuito.

Ad Almaty

Arriviamo in un ostello al buio, sono le 22.30. La camera è tenge 3000 a persona (15 euro). Abbastanza costoso, ma ci aspettavamo che ad Almaty costasse di più. E’ una città luminosa, piena di banche, “rettilianità” e macchine enormi, tutto è nuovo di zecca.

Compriamo ravioli surgelati ripieni di patate al magazin più vicino e smetlana (panna acida) per condirli. Sono buoni, facciamo una doccia e andiamo a dormire. Domani mattina dovremo essere all’agenzia di Serik entro le 9:00.

banca ad Almaty

solo una banca

Visto Cinese ad Almaty

Portiamo le foto per il visto a un fotografo vicino all’agenzia Serik, che sembra uscito da un cartone animato.

Le foto dovrebbero essere esattamente come vogliono al consolato cinese. Le regole sono rigorose al millimetro. Quelle che avevo già non sono accettabili perché i capelli coprivano le orecchie.

Portiamo tutto a Serik, dobbiamo lasciargli i passaporti e l’acconto. Costo totale 22 000 tenge a persona ($ 118). Ci lascia delle fotocopie dei passaporti e una lettera scritta a mano in russo, che verrà letta dalla polizia se ci verranno richiesti documenti.

Questo e’ il contatto di Serik (agenzia per il visto cinese):
Serik Nurlanbekov@gmail.com
0077 77 1623 535
Abylai Khan Avenue 34 (all’angolo con Mametova street)
office 103

Orari consolato cinese ad Almaty:
lunedì-mercoledì-venerdì
accettazione documenti : from 9.00 to 11.45
ritiro: 4.00 pm to 5.00 pm

Oggi dormiamo qui ad Almaty, riposiamo un po’ e partiamo domani, abbiamo questi sette giorni in attesa del via libera alla grande Cina. Andremo in bicicletta ad Almaty verso alcuni bei luoghi vicini: Esik lake and Charyn Canyon, qui il nostro reportage.

Almaty - apple city

Almaty – apple city

Di ritorno ad Almaty

Dopo aver trascorso una settimana visitando il canyon di Charyn e il lago Esik, torniamo in autostop ad Almaty per ritirare il visto per la Cina.

Arriviamo verso le 20.00, per fortuna questa volta abbiamo trovato ospitalità attraverso Couchsurfing.

Il nostro ospite è Muktar, un medico disoccupato. La sua casa è piccola, di solito dorme sul divano letto, ma ce lo lascia e dorme sul pavimento della cucina.

Otteniamo una doccia tanto necessaria mentre Muktar ci prepara uno dei piatti nazionali kazaki, uova fritte e patate, che apprezziamo molto, siamo davvero affamati!

Ci alziamo presto, alle 7 Muktar è già in piedi, sta aspettando il fratello che verrà con suo figlio in autobus da Taraz per comprare un appartamento in città. Suo fratello è un insegnante di geografia. Non sa se suo fratello rimarrà qui stasera, quindi non sappiamo se potrà ospitarci di nuovo stasera.

Andiamo all’agenzia di Serik, dove finalmente otteniamo il nostro meritato visto cinese!

cose da fare Almaty Charyn Canyon!

Cosa fare intorno ad Almaty? Visitate il Charyn Canyon!

Essere Uzbeki per (s)fortuna

Camminiamo un po ‘in giro per la città in attesa di notizie da Muktar, anche in una città grande e importante come questa, la marijuana selvatica cresce ovunque. Almaty è carina e in qualche modo rilassata, un sacco di alberi e ombra e ampi marciapiedi.

Sfortunatamente Muktar non può ospitarci, ma siamo abbastanza fortunati da trovare un altro Couchsurfing che, peraltro, vive nelle vicinanze. Il suo nome è Alexander ed è un uzbeko russo. Vive qui da circa un anno e lavora come programmatore di computer. Guadagna circa 1000 euro al mese mentre in Uzbekistan ne avrebbe guadagnati 300.

La sua storia è simile a quella di molti giovani dell’ex Unione Sovietica: lui e la sua famiglia vivevano in Uzbekistan quando l’Unione è crollata, quindi è stata data loro la nazionalità uzbeka, anche se non sanno una parola di uzbeko.

Cucina per noi dei funghi ripieni, molto buoni, e prepariamo una “pasta alla norma” (ovviamente senza ricotta salata).

Spiega come sia difficile per gli uzbeki ottenere un visto, in pratica possono solo andare negli ex paesi dell’Unione Sovietica. Dice che, se volesse andare in Italia, forse potrebbero volerci 4 o 5 anni per ottenere un visto. Ovviamente se sei ricco, tutto è diverso.

Dorme anche lui in cucina, ma in un divano letto e noi in un altro divano letto nel soggiorno. L’appartamento è grande eppure anche qui non c’è la camera da letto. Forse tutti usano dormire sul divano ad Almaty.

Un inaspettato rendez vu

Il giorno dopo vorremmo partire per la Cina, ma incontriamo David. È un ragazzo sudafricano che sta viaggiando per il mondo con la sua vecchia Land Rover, quattro anni sulla strada.

L’abbiamo incontrato la prima volta l’anno scorso in Georgia. Ha in programma di andare in Mongolia, e questo potrebbe risolvere i nostri dubbi riguardo al nostro piano mongolo: potremmo andare con lui per un po’.

Un mese di visto gratuito non è sufficiente per passare dal confine dello Xinjiang nel lontano ovest a Ulan Batar, ma in auto tutto è diverso. E ci piace davvero David, potrebbe essere molto divertente con lui.

Ad ogni modo l’auto è rotta e lui sta lottando per sistemarla. Deve ricevere pezzi di ricambio spediti dall’Inghilterra, radiatori e non so cos’altro. Nel frattempo si é anche rotto le caviglie e ora è in via di guarigione.

Rimaniamo una notte in più, carichiamo le bici sul portapacchi della macchina e andiamo all’ostello dove David sta a dormire, lui dorme nella tenda accanto alla sua auto nel parcheggio. L’ostello è ad Almaty ma in montagna, a 1200 metri di altezza. C’è una scuola di arrampicata all’interno, con una parete da arrampicata all’interno che si può usare gratuitamente.

C’è anche una ragazza inglese con cui David esce, vive con una famiglia di ricchi kazaki, che la pagano qualcosa come 2000 USD a settimana per parlare in inglese con il loro bambino per quattro ore al giorno!

Prendiamo una stanza qui, passiamo la serata con David, Steven di Caravanistan, e sua moglie Saule, passiamo bei momenti insieme giocando a ping pong e chiacchierando.

Alla fine ci illuminano sul perché questa città si chiama Apple city, sembra che il melo sia originario di questa zona e qui ci sono enormi mele. Alma, in Kazak, significa mela.

attraversamento Kazakhstan Cina via terra

noi con David, Linzi e Naima (e la Land Rover)

Autostop da Almaty al confine Cinese

Il giorno dopo partiamo, dopo 20 chilometri arriviamo in un buon posto per iniziare a fare autostop. Dobbiamo andare esattamente dove eravamo pochi giorni fa.

autostop giorno 1:
– Furgone vuoto, perfetto, veloce.
– Mezzo furgone vuoto, troppo veloce, l’autista ci prepara anche un cartello che dice la nostra destinazione.
– Prendiamo un autobus per Shelik.

Facciamo una decina di chilometri sulla bici e torniamo a dormire nello stesso posto di qualche giorno fa, quando stavamo andando al lago Esik, sotto un bel albero.

autostop giorno 2:
– Furgone a mezzo carico di sapone da bucato.
– Un camion, i camionisti sono due, un russo e un kazako. Ci fanno sedere sul letto dietro il sedile e ci dicono che se vediamo la polizia deve tirare le tende. Ora sappiamo come funziona. Ma comunque la maggior parte della polizia vuole solo la loro bustarella.

Siamo a pochi chilometri dal confine di Kargos, ci fermiamo a dormire in un piccolo campo, e domani saremo in Cina

Leggilo più tardi! Salvalo su Pinterest (scorri il mouse sull’immagine)

chinese visa almaty

Follow our bicycle journey

Stay in touch while we get lost! Follow us on Social Media

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata